BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Primarie, Ghisalberti: “Ora cambiamo Bergamo” Spunta un quarto candidato

“Dal 23 febbraio cominciamo a cambiare Bergamo”. Nadia Ghisalberti è la candidata del Patto civico alle primarie del centrosinistra per decidere il candidato sindaco. Sabato mattina si è presentata ai tanti sostenitori, circa un centinaio, presenti nella sede del comitato elettorale in via Palma il Vecchio. Tante persone che come Nadia Ghisalberti e Roberto Bruni hanno deciso di intraprendere o semplicemente sostenere un percorso politico fuori dai partiti e dalle logiche che li governano.

Più informazioni su

“Dal 23 febbraio cominciamo a cambiare Bergamo”. Nadia Ghisalberti è la candidata del Patto civico alle primarie del centrosinistra per decidere il candidato sindaco. Sabato mattina si è presentata ai tanti sostenitori, circa un centinaio, presenti nella sede del comitato elettorale in via Palma il Vecchio. Tante persone che come Nadia Ghisalberti e Roberto Bruni hanno deciso di intraprendere o semplicemente sostenere un percorso politico fuori dai partiti e dalle logiche che li governano. “L’idea che tocchi a me raccogliere questo consenso mi riempie di senso di responsabilità – spiega -. Quest’anno è la prima volta che a bergamo si fanno le primarie. È una scelta importante che da all’elettore la possibilità di scegliere. Non a caso il mio slogan è “Prima di tutto scegli”. Sono candidata per  civismo, che chiama a sé tutti i delusi dai partiti. La politica e il miglior antidoto all’antipolitica”.

La candidata del Patto civico riparte dal lavoro di cinque anni in Consiglio comunale, all’opposizione. “Con questa amministrazione non c’è stato confronto aperto, è stata molto opaca. Tentorio e la sua giunta si sono nascosti dietro alla mancanza di risorse. Sulla mobilità hanno fatto grandi annunci, ma non hanno progettato.Un altro esempio emblematico è l’accademia Carrara. Non solo è in ritardo di cantiere, ma c’è grande ritardo sulle scelte da fare. Quale museo andremo ad aprire? Quale modello di gestione? La candidatura a capitale europea della cultura è servita a mettere sotto il tappeto i problemi della città. Occorre capire che la città e uno spazio di persone. È fondamentale valorizzare le reti di quartiere, sociali, culturali. Il primo obbiettivo di un sindaco è di avere la volontà di non lasciare solo nessuno. Il 23 febbraio cominciamo a cambiare Bergamo”.

Dopo essere stato sindaco per cinque anni e candidato del centrosinistra nel 2009, Roberto Bruni (ora consigliere regionale) passa il testimone. “Le primarie servono a far crescere la coalizione. Sono modo per creare partecipazione ed entusiasmo – commenta -. Ho fatto per molti anni esperienza di partito, ma da civico ho apprezzato il senso di libertà. Non hai preoccupazioni di schieramento, dici quello che pensi in maniera libera. Mi sembra la forza del civico che può attrarre le persone, è la risposta alla crisi. Abbiamo la candidata giusta, avremo per la prima volta un sindaco donna”.

Proprio mentre Nadia Ghisalberti presentava la sua candidatura, ecco un nuovo colpo di scena per le primarie. Nella sede del Pd e della coalizione ha presentato la sua richiesta di candidatura Giovanni Ginoulhiac, residente in Città alta (come tutti gli altri candidati alle primarie) ed esponente dell’associazione Città alta e colli. “Ho deciso candidarmi non per creare scompiglio o per velleità particolari – spiega -, ma semplicemente per dare un contributo alla definizione del programma”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MDonna

    Sarei felice di un sindaco donna come Nadia Ghisalberti. Sono sicura che la città potrebbe giovare di una visione femminile vs i cittadini, che si complementerebbe a quella maschile che abbiamo avuto fino ad oggi. Ritengo Nadia G. una persona pacata che ha maturato l’esperienza per svolgere questo ruolo con competenza.

  2. Scritto da darioflautista

    Ginoulhiac è un candidato di vaglia, speriamo che scalzi il galoppino di Berlusconi

  3. Scritto da eros passera

    spero in una sua vittoria , è una persona modesta con un marito esemplare , Bergamo e il PD ha bisogno di gente cosi’
    forza Nadia e …… in bocca al lupo !!!!

    1. Scritto da uffa!

      Il PD? Ma non è la candidata del patto civico?
      Sono proprio primarie farsa!

  4. Scritto da carlo

    Cambiate, ma non come l’ultima volta. Mi raccomando!

  5. Scritto da wiw

    … però, modesta la signora Remuzzi. Se il “cambiamo” è quello visto con Bruni cinque anni fa, non so se i bergamaschi sono così entusiasti.

  6. Scritto da lavoratore Lucchini

    E l’inutile sceneggiata continua…. ma basta!

    1. Scritto da ru

      se le cantano e se le suonano…davvero un teatrino.