BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Primarie cittadine, passo indietro di Gargano: “A queste regole non ci sto”

Colpo di scena, Rocco Gargano si ritira dalle primarie del centrosinistra. L'avvocato, esponente di Micromega Bergamo, ha deciso di fare un passo indietro dopo aver visionato le regole e la carta di intenti che i candidati devono sottoscrivere per partecipare alle sfida del prossimo 23 febbraio.

Più informazioni su

Colpo di scena, Rocco Gargano si ritira dalle primarie del centrosinistra. L’avvocato, esponente di Micromega Bergamo, ha deciso di fare un passo indietro dopo aver visionato le regole e la carta di intenti che i candidati devono sotoscrivere per partecipare alle sfida del prossimo 23 febbraio.

Ecco il suo comunicato:

Qualche breve considerazione sul regolamento delle primarie del centrosinistra. Come è noto a chi ci segue, la nostra decisione di partecipare alla competizione per scegliere chi sarà il prossimo candidato sindaco del centrosinistra è stata dettata per un verso dalla volontà di cambiare la nostra città con un programma innovativo e coraggioso, per altro verso dalla profonda insoddisfazione per l’attuale classe dirigente del centrosinistra, e del PD in particolare, per ciò che ha fatto quando era al governo della città e per ciò che non ha fatto quando è stata all’opposizione. Alt! Dimenticate quest’ultima frase. Cancellatela dalla mente. Sì, perché il regolamento delle primarie prevede che non si possano rivolgere critiche che possano “ledere l’immagine" dei partiti della coalizione di centrosinistra. In caso contrario è previsto che un Comitato composto dalle stesse forze politiche del centrosinistra possa buttar fuori dalla competizione elettorale chi li critica. Immagino già il cozzar d’armi e il saettar di spade che saranno i confronti elettorali per evitare di essere inceneriti dal Comitato: «la tua proposta è fantastica», «Ma no, caro, la tua è migliore, la mia poi l’ho copiata», «Modesti, avete trovato la soluzione, voi sì che avete dei programmi validi per la città».

Esagero? Forse. Ma perché non ho trovato traccia di questa assai originale regola negli altri regolamenti delle primarie a mia disposizione (reperiti sul web)? In particolare non mi risulta che altrove sia mai stato possibile che potesse giudicare delle critiche chi è fatto oggetto delle stesse. Pare evidente che non potrò rispettare questa regola perché irragionevole ed in palese contraddizione con lo spirito di una competizione elettorale. D’altronde non mi sembra che in occasione delle recenti primarie nazionali si siano risparmiate le critiche (Renzi è un “giamburrasca superficiale, mentitore e ignorante” disse D’Alema – fonte www.agi.it – , e Renzi non porse certo l’altra guancia…). E poi perché non dovrei avanzare critiche? Come posso credere al buon proposito di “stop al consumo del suolo” pronunciato da chi si è distinto nella passata amministrazione per imporre a Bergamo 4 milioni di nuove cubature? O si è distinto per volere la costruzione di palazzoni più alti delle mura a ridosso delle stesse? O che, più recentemente, sotto braccio al centrodestra, voleva la cementificazione degli orti urbani? Ci fosse almeno stata un po’ di autocritica per riacquistare credibilità! E l’elenco potrebbe continuare. La pretesa di censura da parte del costituendo comitato di salute pubblica non mi fa certo pensare alla possibilità di un libero e franco confronto di idee ma sottolinea ancora una volta l’allergia di questi dirigenti verso chi la pensa diversamente da loro.

Non era mia intenzione gettare fango sul centro sinistra ma di criticarlo per specifiche ed eclatanti azioni ed omissioni perché evitasse di ripeterle in futuro. Se non posso farlo perché pende su di me la censoria spada di Damocle del Tribunale senz’appello composto dai partiti che vorrei criticare viene meno lo spirito e la sostanza della mia candidatura. Non posso tollerare che qualcuno inibisca la mia libertà di espressione e neppure che formalmente mi senta minacciato di estromissione dalla competizione. Non sono un “lisciapelo” e non ho posticini caldi da conquistare: se è così le vostre primarie fatevele da voi, suonatevela e cantatevela da soli. Io continuerò a fare e a dire ciò che ritengo giusto, senza curarmi di stucchevoli equilibri politici.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da vale

    Rocco è una persona intelligente e onesta ,qualità intollerabili per i DS cittadini.

  2. Scritto da ru

    Per quanto non abbia spiccate simpatie per Gargano le sue osservazioni sono INECCEPIBILI. E anche le CRITICHE che muove a PD e soci (a Bruni non fischiano le orecchie? va tutto bene?). Un ulteriore contributo per dire l’ipocrisia di questa “competizione elettorale”.

  3. Scritto da Giovanni

    Il problema sta nelle primarie di coalizione. Un partito si faccia le sue primarie tra esponenti del partito e il vincitore va alle elezioni. punto

  4. Scritto da lotty

    Ha tutte le ragioni del mondo.

  5. Scritto da per le precisione

    Probabilmente sapeva che non avrebbe neppure raggiunto le 200 firme necessarie per presentarsi e ha evitato figuracce…Per candidarsi servono idee e non solo insulti

    1. Scritto da ma dai!

      Le critiche, tra l’altro argomentate e non confutate, NON sono insulti.

  6. Scritto da sergio

    Se Rocco Gargano vuole competere nel CentroSinistra ovviamente deve condividere la Carta di intenti e le Regole della competizione alle Primarie,altrimenti si presenti con altri Movimenti “a la carte”.Grazie per il suo tempestivo ritiro.

    1. Scritto da lotty

      Il suo grazie è veramente offensivo, non siete degni di una persona come Rocco.

  7. Scritto da ureidacan

    Non mi pare che nel regolamento ci sia scritto che non si possono rivolgere critiche che possano “ledere l’immagine dei partiti”. L’unico impegno per i candidati è quello indicato nella premessa del regolamento ” I candidati.. si impegnano a riconoscersi nella coalizione, a rappresentarla, a sottoscrivere la carta di intenti della coalizione e a sostenere il candidato che risulterà vincente”. Forse Gargano non si sente di riconoscersi nella coalizione.

    1. Scritto da gaziantep

      Leggi bene. C’e’

  8. Scritto da Gaziantep

    La pretesa di costituire la AAPDO (Alta Autorità Per l’Ortodossia Politica) che dovrebbe vigilare sulle primarie rende plasticamente l’idea dello squallore che regna in questa sinistra (si fa per dire naturalmente) al foie gras.