BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Primarie, Gargano: “Se non posso criticare, allora tiriamo a sorte”

Le trattative sono concluse, le regole delle primarie sono pronte. Giovedì tutti i componenti del centrosinistra che hanno svolto il lavoro organizzativo in vista delle primarie cittadine presenteranno regole e modalità di partecipazione. La data è fissata: 23 febbraio, due settimane in ritardo rispetto al 9 febbraio ipotizzato prima delle vacanze natalizie. Per partecipare saranno necessarie 200 firme e la sottoscrizione del documento in cui sono riportate le regole.

Più informazioni su

Le trattative sono concluse, le regole delle primarie sono pronte. Giovedì tutti i componenti del centrosinistra che hanno svolto il lavoro organizzativo in vista delle primarie cittadine presenteranno regole e modalità di partecipazione. La data è fissata: 23 febbraio, due settimane in ritardo rispetto al 9 febbraio ipotizzato prima delle vacanze natalizie. Per partecipare saranno necessarie 200 firme e la sottoscrizione del documento in cui sono riportate le regole. Tutti i candidati si dovranno impegnare formalmente a sostenere il vincitore della sfida e, secondo una postilla contenuta nel testo, dovranno essere leali nei confronti degli sfidanti e delle forze che compongono la coalizione. Banditi insulti e contrasti troppo aspri.

L’invito è rivolto soprattutto a Rocco Gargano, esponente di Micromega Bergamo, da sempre critico (da sinistra) nei confronti di Pd e centrosinistra. Negli ultimi anni l’avvocato, che ha annunciato l’intenzione di scendere in campo contro Giorgio Gori, Nadia Ghisalberti e il candidato di Sel (al 90% Marcella Messina), ha più volte firmato comunicati stampa contro il Pd. “Se per leali intendono che non si possono avanzare critiche, mi domando a cosa servano le primarie – commenta con ironia -. Allora facciamo una bella estrazione a sorte”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Bo!

    Ma come mai dite che il candidato si SEL è sicuro al 90%?
    Se è così come fa il PD a sapere che il candidato sarà quello li e che sarà rispettoso delle regole, se capisco bene non si è certi se sarà la Messina.
    Comunque escludere Gargano rende le primarie ridicole. Passiamo oltre.

    1. Scritto da Marco Oldrati

      Escludere Gargano dalle primarie? Il PD sa chi è il candidato di SEL? Ma state parlando di quel che leggete o di qualche film di fantascienza che avete visto? L’Avv. Gargano come chiunque altro ha pieno diritto a partecipare alle primarie, semplicemente gli si chiede di non ripresentarsi alle amministrative o di non votare e invitare a votare altri che non siano stati designati attraverso le primarie. Il candidato di SEL, poi, è l’Avv. Ongaro…

  2. Scritto da lavoratore

    Già si parte col piede sbagliato. Rendere inutili le primarie lasciando ai cittadini la libertà di scegliere quello che ha già deciso la “nomeclatura” d’apparato è proprio un pessimo inizio di campagna elettorale,
    Io alle primarie, a questo punto starò a casa (cosi risparmio anche l’ euro), ci vediamo al primo turno e certo mi ricorderò di questa figuraccia cercando a sinistra se sulla scheda c’è qualche cosa di meglio.

    1. Scritto da Marco Oldrati

      Ma scusi che cosa significa rendere inutili le primarie? I candidati devono essere vagliati da un Direttorio di Salute Pubblica prima di essere ammessi alla candidatura? Si può candidare chiunque aderisca alla carta d’intenti e sia eleggibile (non pregiudicato), per cui se non le piacciono i candidati faccia quel che vuole, ma non mi venga a dire che qualcuno ha reso inutile una consultazione popolare. Nemmeno io credo di partecipare, ma da qui a considerare le primarie inutili ne passa…

  3. Scritto da sconcertato

    Che pasticcio!
    Ma come si fa a proporre delle primarie da cui ogni competitore critico viene o non invitato (socialisti, rifondazione, ecc ecc) o escluso per decreto. Insomma saranno ammessi solo coloro che dicono più o meno quello che dice Gori.
    A questo punto SEL cosè la foglia di fico, certo la Ghisalberti neppure quella.
    Se le cose stanno così cosa stiamo a perdere tempo con le primarie di cartapesta, saremmo solo liberi di decidere quello che i soliti hanno già deciso per noi.

    1. Scritto da Semplice

      Si parla di competitori “leali” , chi non ha intenzione già da adesso di esserlo o ha idee completamente diverse non si capisce perchè non presenta una lista propria.

      1. Scritto da lorenxo

        Giusto, mi sembra giusto e spero che qualcuno abbia il coraggio di presentarla questa lista e io la voto.
        Dopo di che se inizia la litania che si rompe l’unità della sinistra oppure sul voto utile prendo su un forcone e vengo in via san Lazzaro e sono cavoli vostri. Ora qui si vede chi non vuole l’unità della sinistra e mette le premesse per fare rivincere Tentorio.
        Pazzesco!

        1. Scritto da Semplice

          Se tu la voti probabilmente arrivate a 4 voti ma poi ci saranno 2 o 3 scissioni, naturalmente. Accordarsi su un nocciolo duro di programma e poi rispettarlo non va bene , neh ?

  4. Scritto da Giggi

    Che tristezza la politica ridotta a chiacchericci, pettegolezzi, invidie: Ecco qua la politica che i poltici offrono ai cittadini. In questo articolo e commenti, se non sapessi chi fossero i personaggi penserei a qualche ex-calciatore durante l’inaugurazione di una piadineria

  5. Scritto da simpatizzante di SEL

    Gargano non critica alcuni punti, critica tutto ! E allora mi chiedo cosa ci faccia nel centrosinistra è perché partecipi a delle primarie di COALIZIONE ! Ovvio, per visibilità personale, il peggior modo di usare la politica e i cittadini, complimenti !

    1. Scritto da Gaziantep

      vorrei far notare che l’attuale segretario PD ha rovesciato sul PD stesso nei mesi scorsi una valanga di critiche e persino di quasi ingiurie (“rottamarli tutti, vecchi arnesi, votati alla sconfitta” etc etc) e ora in sede locale gli emuli di quei vecchi arnesi non vorrebbero critiche? Vorrebbero forse lodi lodi per la loro conclamata incapacità ed insipienza?

      1. Scritto da Marco Oldrati

        Perdoni, Gaziantep, ma lei è caduto nell’abile equivoco in cui l’ha attirata con sapienza oratoria il terzo dei Gracchi, Rocco Gracco. Le critiche sono legittime, sempre, ma se ci si schiera dentro una coalizione si accettano regole di convivenza che prevedono – una volta scelto un capitano e una formazione – che il portiere o il difensore che avrebbero voluto essere il capitano non si facciano espellere o facciano perdere la partita perché invidiosi del capitano – attaccante, tutto qui…

        1. Scritto da Roberto

          Be se la coalizione deve essere omogenea al partito principale non è una coalizione. E infatti non si capisce cosa esista a fare SEL e Vendola su Repubblica propone di federarsi e poi in prospettiva fondersi col PD.
          Quindi abbiamo un candidato civico e (forse) uno di SEL più Gori (che però non può essere criticato per regola). Be a questo punto a cosa servono le primarie a incoronare il re? E infatti Gori è già in giro in veste di candidato sindaco, prima di farle le primarie.

          1. Scritto da Marco Oldrati

            Non sono nel comitato elettorale di Gori, ma comincio a perdere la bussola: la regola non è NON CRITICARE, ma – una volta scelto attraverso le primarie il candidato – NON CAMBIARE TAVOLO DI GIOCO. Per il resto l’atteggiamento di Giorgio Gori è un fatto personale e politico che niente ha a che vedere con le regole della competizione. Altrimenti chi trova le primarie inutili, bulgare o falsamente democratiche può candidarsi direttamente alle amministrative, o no?

    2. Scritto da paolot

      Spero proprio invece che critichi Sel: chi ha visto i vendoliani fare opposizione in città in questi 5 anni? E poi leale sì, certo, ma se si tratta di votare tra più persone ci stanno eccome le critiche agli avversari e ai loro gruppi di appartenenza. Ci mancherebbe altro!

    3. Scritto da Marco Oldrati

      Al simpatizzante di SEL mi permetto di far notare che la visibilità personale è sempre stata nelle corde dell’Avv. Gargano, che finiva gli interventi da consigliere uscendo dalla sala comunale e commentando “Glie le ho suonate, eh?” All’Avv. Gargano consiglierei un maggiore spirito di servizio e senso civico, non ci si candida per farsi dire che si è i più belli del reame, per quello basta lo specchio di casa propria. Con rispetto…