BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Orio vola ancora alto: nel 2013 sfiora i 9 milioni di passeggeri

Il 2013 si chiude con un altro segno positivo per l’Aeroporto di Bergamo "Il Caravaggio" di Orio al Serio, che prosegue il trend di crescita costante in corso dal 2001, anche se nell'ultimo anno limitato allo 0,8% sul fronte del movimento passeggeri, arrivato a sfiorare i 9 milioni.

Niente crisi per Orio al Serio: aumentano ancora i passeggeri all’aeroporto "Il Caravaggio" di Bergamo-Orio al Serio. Il 2013 si chiude con un altro segno positivo per lo scalo orobico, che prosegue il trend di crescita costante in corso dal 2001, anche se nell’ultimo anno limitato allo 0,8% sul fronte del movimento passeggeri, arrivato a sfiorare i 9 milioni.

Il dato riassuntivo del 2013 contiene chiari indicatori relativi alla posizione assunta nel panorama del trasporto aereo nazionale dallo scalo bergamasco, che, dopo la prevista, leggera flessione del primo trimestre dell’anno, ha recuperato gradualmente quote di traffico conservando un margine attivo e raggiungendo 8.964.376 passeggeri.

Un risultato che lo conferma al quarto posto nella graduatoria degli aeroporti italiani, conseguito con la contestuale riduzione del 3,3% del movimento complessivo degli aeromobili e l’incremento del load factor sui voli di linea, che hanno registrato un incremento di passeggeri pari all’1,8%.

Alla razionalizzazione delle rotte, con mantenimento dei collegamenti strategici e con le maggiori città europee, ha corrisposto l’allargamento del network delle destinazioni, in particolare verso l’Est Europa.

Il buon andamento dei voli di linea ha compensato ampiamente il calo del settore charter (-16,5%) causato dalla lunga interruzione dei collegamenti con le località turistiche del Mar Rosso a seguito dello sconsiglio emesso per motivi di sicurezza dal Ministero degli Esteri e rimosso solo in chiusura di 2013.

Sul fronte delle merci movimentate vimentate dai vettori courier si è registrato il mantenimento delle quote di mercato riportate nel 2012, con un totale di 116.112 tonnellate, a conferma dell’importanza strategica dell’asset cargo di Orio al Serio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andrea

    e pensare che l’expo deve ancora arrivare! ottimi risultati!

  2. Scritto da usiamo il cervello

    Se qualcuno si prendesse la briga di visionare i dati dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità)sulle conseguenze dell’esposizione al rumore ai livelli prodotti dall’aeroporto sulla salute delle persone, specialmente dei bambini, forse sarebbe meno entusiasta di questi “voli alti”
    Ma si sa, i malati e i morti non fanno notizia, anche se hanno un trend di crescita costante

    1. Scritto da il polemico

      e se l’oms facesse una indagine sulla fabbrica che produce il tuo pc o il dispositivo che usi per scrivere,e stabilisse che è altamente dannosa e nociva per la persone che vivono nelle vicinanze,tu rinuncieresti per il bene dei cinesi ,o tawianesi o chi per esso,ai tuoi agi?poi è scontato che se per caso ti fai o farai una vacanza a 5000 km userai esclusivamente navi a vela o la biciclietta,perchè è ancora scontato che l’auto,o il treno inquinano le persone lungo il tragitto

      1. Scritto da usiamo il cervello

        Ha mai sentito parlare di compatibilità ambientale? Nei paesi civili gli aeroporti si fanno nei luoghi sostenibili (vedi Montichiari) non in mezzo alle città.
        Forse le sfugge un piccolo particolare: che esistono delle leggi e che vanno rispettate. Se lei non è d’accordo può sempre trasferirsi nella giungla (n aereo low cost, ovviamente). Credo che sarebbe in buona compagnia

        1. Scritto da Andrea

          non è assolutamente vero, gli aeroporti sono nati dove sono nati, poi le città vi si sono sviluppate intorno (esistono centinaia di casi simili a orio)….difatti lei casualmente cita sempre e solo montichiari che non è altro che una cattedrale nel deserto…

          1. Scritto da Mpar

            infatti l’aeroporto di Orio Al Serio è stato costruito durante il dominio Veneziano… o risale ancor prima durante dominio longobardo?!?!?!?!?

          2. Scritto da Andrea

            orio è stato costruito gli inizi del 1900 quando NON c’erano case intorno ad esso

  3. Scritto da gigi

    Peccato che questi record siano ottenuti sulla pelle di decine di migliaia di persone, e nel totale disprezzo delle leggi vigenti che autorizzavano uno sviluppo fino a 6.174.000 Unità di traffico (quindi comprese anche le merci), che vietano i voli notturni, che ha dati di inquinamento spaventosi, dove mancano l’indagine epidemiologica (dal 2003) e il Piano di Rischio, che massacra interi quartieri della città e vincola ben 108 comuni della Provincia, ecc. Ma la pacchia sta per finire…

  4. Scritto da greatguy

    ottima notizia!!! speriamo di riuscire ad avere gli intercontinentali a breve….W L’AEROPORTO DI BERGAMO!!!!!

  5. Scritto da stefano

    Anche il nuovo ospedale vola alto grazie all’aeroporto…nuovi malati oncologici, malattie respiratorie, allergie, stati d’ansia da rumore….