BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Selvino, cittadini e Comune “No al traliccio Telecom, un mostro che non serve”

Raccolte 1900 firme tra i selvinesi per dire no alla realizzazione del nuovo impianto. Con loro l'amministrazione che ha negato l'autorizzazione a costruire. La Telecom ha presentato ricorso al Tar di Brescia, la sentenza a luglio.

I cittadini e il Comune di Selvino si schierano compatti contro la realizzazione del nuovo impianto Telecom, su un terreno di un privato poco distante dal municipio e alle spalle del parco Vulcano.

Un comitato nato nei mesi scorsi scorsi per opporsi al progetto durante le festività natalizie ha distribuito alla popolazione un volantino per presentare il progetto e i suoi lati negativi. Sul foglio anche un fotomontaggio con il progetto completato, che viene definito come un “mostro”.

Sono state raccolte 1900 firme contro l’impianto dovrebbe essere realizzato in via Betulle, con un traliccio di ferro alto 25 metri e con un container metallico prefabbricato di 7 metri d’altezza con base di 3 metri quadrati, posizionato tra le case e davanti alla montagna. L’area interessata, tra l’altro, è sottoposta a vincolo paesaggistico e il comitato che si oppone al progetto ha segnalato “presunte irregolarità” sull’autorizzazione.

L’amministrazione di Selvino si è schierata con il comitato del no, anche per evitare uno scempio paesaggistico. La richiesta per la concessione edilizia è stata presentata in Comune un anno fa, ma gli amministratori -appurate le perplessità dei cittadini- hanno deciso di non dare il via libera.

Sul territorio di Selvino, tra l’altro, la copertura è ottimale, garantita da altri due impianti funzionanti e che all’occorrenza potrebbero essere rinnovati. Gli oppositori non comprendono quindi la necessità di realizzarne un terzo.

La Telecom ha così presentato ricorso al Tribunale amministrativo di Brescia e ha ottenuto la sospensiva sul diniego dell’autorizzazione comunale. La sentenza definitiva del Tar, che dovrebbe mettere la parola fine su questa battaglia, è prevista per il prossimo luglio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Desperados

    Come definiscono “tali” amministratori la deforestazione del Monte Purito avvenuta nel 2013 per far spazio ad un nuovo impianto di risalita che doveva entrare in funzione gia’ da tempo e che invece risulta ancora chiuso causa mancanza neve.E il progetto skydome, questo “ecomostro” in grado di devastare una intera vallata, portato avanti dal Sindaco e company con dispendio di denaro publico ed ancora (fortunatamente) irrealizzato (quanti tempo e denaro publico e’ stato speso sino ad oggi????).

  2. Scritto da Desperados

    Come definiscono “tali” amministratori la deforestazione del Monte Purito avvenuta nel 2013 per far spazio ad un nuovo impianto di risalita che doveva entrare in funzione gia’ da tempo e che invece risulta ancora chiuso causa mancanza neve.E il progetto skydome, questo “ecomostro” in grado di devastare una intera vallata, portato avanti dal Sindaco e company con dispendio di denaro publico ed ancora (fortunatamente) irrealizzato (quanto tempo e denaro publico e’ stato speso sino ad oggi????).

  3. Scritto da usiamo il cervello

    Forse i signori di Selvino non sanno che tutto il loro paese è soggetto a vincolo aeroportuale (insieme ad altri 107 comuni di BG) perchè sfora tutto in altezza i limiti previsti per la sicurezza. Provino ad informarsi in Comune che ha ricevuto la comunicazione da ENAC. Questo sì che è un mostro….