BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Uomo di Percassi nella cabina di comando della nuova Alitalia

Mario Volpi, 53 anni, commercialista bergamasco e uomo di fiducia di Antonio Percassi entra nel consiglio di amministrazione di Alitalia. Il patron dell'Atalanta aveva aderito all'aumento di capitale della compagnia aerea con 15 milioni di euro.

Antonio Percassi vola in alto, un suo uomo di fiducia entra nel consiglia di amministrazione di Alitalia. E’ quanto emerge dall’assemblea degli azionisti della compagnia aera di bandiera riunito per il nuovo assetto societario dopo l’aumento di capitale. Percassi è uno dei nuovi soci di Alitalia. Attraverso la società Odissea, holding del gruppo che fa capo a Percassi, aveva aderito all’aumento di capitale con 15 milioni di euro.

Il nuovo consiglio di amministrazione di Alitalia sarà presieduto ancora da Roberto Colaninno che ha confermato anche Gabriele Del Torchio nel ruolo di amministratore delegato. Gli altri nove membri del consiglio sono Fabio Canè, Davide Maccagnani, Amedeo Nodari, Ranieri De Marchis, Pierre Francois Riolacci, Paolo Luca Stanzani Ghedini, Alessandro Zurzolo, Antonino Turicchi e Mario Volpi, quest’ultimo uomo di fiducia di Percassi.

Mario Volpi, 53 anni, bergamasco, inizia la sua carriera professionale nel 1984 in Arthur Andersen dove svolge attività di revisione contabile per società quotate. Dal 1986 esercita l’attività di dottore commercialista in qualità di socio presso lo studio Volpi, Bottega, Michetti di Bergamo negli ambiti della consulenza societaria e contrattuale, fiscale (nazionale e internazionale), seguendo inoltre operazioni di finanza straordinaria e casi di contenzioso tributario.

Laureato in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Bergamo, è iscritto dal 1986 all’Albo dei dottori Commercialisti e dal 1995 all’Albo dei Revisori Contabili. Mario Volpi ricopre la carica di Consigliere di Amministrazione ed è componente del Collegio Sindacale di numerose società.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alessandro

    sono contento che i soldi dei fornitori dell’immobiliare Percassi vengano utilizzati per far fare bella figura a una persona ….

    1. Scritto da Giorgio

      1L’Immobiliare Percassi non fa più parte del gruppo Odissea; 2I soldi usati sono ancoro quelli di Banca Intesa per il quale il gruppo ha un finanziamento di 150 milioni
      è un evidente operazione di facciata “all’Italiana” il classico imprenditore “con i soldi degli altri”,non sarebbe un male se non fosse che così facendo Banca Intesa chiude i rubinetti a chi ne ha bisogno, favorendo operazioni che hanno non finalità economiche ma politiche.Questo è il capitalismo malato che rovina l’Italia

      1. Scritto da giobatta

        come sei permaloso! sempre dietrologia! una volta che un imprenditore coraggioso investe per sostenere lo sviluppo di un’impresa italiana, subito a dargli addosso…
        chissa’ cosa avresti scritto se avesse investito in ethiad o ryanair!

        1. Scritto da wiw

          permaloso che cosa? Mi sembra che si argomenti con cognizione di causa. Se non è così ci dica come sono davvero le cose, altrimenti il suo post è gratuito.

          1. Scritto da giobatta

            ibis redibis non morieris in bello

          2. Scritto da wiw

            Bene. Non lo sa. E allora perché se la prende con una presunta presunzione? Mistero da sibilla cumana, davvero…=)

          3. Scritto da sibi(e)lla

            Direi che hai messo il motto giusto per la tua “presa di (non) posizione.

          4. Scritto da giobatta

            sto ridendo di gusto, buonanotte

          5. Scritto da Giorgio

            Parlo da persona informata, e mi baso su dati certi, Alitalia che perde un milione di euro al giorno, possono forse fare la differenza i 15 milioni di Odissea? L’unica giustificazione è una scelta politica e non economica. A mio modesto parere quando i capitali si muovono per scelte politiche è segnale di un capitalismo malato.
            Ben vengano invece gli investimenti da Ethiad, lì i capitali se si muovono lo fanno per una visione strategica a lungo termine. Mica per fare un piacere alla banca…

  2. Scritto da Mister BG

    Bravo Mario! buon lavoro ed in bocca a lupo!