BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Matrimonio con arresto Ribolla (Lega): “Mi rifiuto di sposare extracomunitari”

“Io mi rifiuto di celebrare matrimoni tra extracomunitari e italiani”. Parola del capogruppo della Lega Nord a Palafrizzoni Alberto Ribolla. Sabato 11 gennaio il municipio di Bergamo è stato teatro di un arresto insolito: i carabinieri di Bergamo, di Imperia e Alassio hanno fatto irruzione in sala Caccia nel bel mezzo di un matrimonio tra un cittadino brasiliano e un'italiana, che invece di scambiarsi gli anelli si sono visti indossare le manette insieme ai due testimoni.

Più informazioni su

“Io mi rifiuto di celebrare matrimoni tra extracomunitari e italiani”. Parola del capogruppo della Lega Nord a Palafrizzoni Alberto Ribolla. Sabato 11 gennaio il municipio di Bergamo è stato teatro di un arresto insolito: i carabinieri di Bergamo, di Imperia e Alassio hanno fatto irruzione in sala Caccia nel bel mezzo di un matrimonio tra un cittadino brasiliano e un’italiana, che invece di scambiarsi gli anelli si sono visti indossare le manette insieme ai due testimoni. Sono stati arrestati per favoreggiamento di permanenza di cittadini stranieri clandestini sul territorio nazionale.

Ironia della sorte, il consigliere comunale Giacomo Angeloni aveva appena augurato loro buona fortuna per l’inizio del 2014. Il collega del Carroccio Alberto Ribolla non risparmia critiche: “Io non mi assumo responsabilità di andare a sposare due persone che non conosco. Non è la prima volta che le forze dell’ordine sono costrette ad intervenire per evitare matrimoni combinati. Ho dato una volta una cittadinanza italiana, ma ho voluto che la persona sapesse leggere quello che c’era scritto e capire il testo. E’ doveroso verificare che la persona sappia parlare italiano e capire quello che legge e che non siano matrimoni sfacciatamente combinati”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gaetano Bresci

    “Io non mi assumo responsabilità di andare a sposare due persone che non conosco”….nel senso che conosce TUTTI gli abitanti di Bg o che sposa solo amici, parenti e vicini di casa?
    …poi….”ho voluto che la persona sapesse leggere quello che c’era scritto e capire il testo”…forse il ribo non è al corrente dei dati sulla analfabetizzazione in italia, potrebbe non dare il consenso anche a dei bergamascotti veraci. Leghismopensiero, l’illogicità al potere.

    1. Scritto da La verità fa male

      Ha dimenticato una frase di Ribolla “non è la prima volta che le forze dell’ordine devono intervenire per impedire matrimoni combinati” …. dimenticanza casuale o finge di ignorare che molti matrimoni “misti” spesso sono il modo con cui l’italiano/a regala allo straniero/a una possibilità di cittadinanza, magari in qualche caso pure a pagamento? P.S. immagino che lei i dati sull’alfabetizzazione in Italia li conosca con precisione assoluta, provincia per provincia…

  2. Scritto da Giorgio

    Ribolla ha ragione. Chi gli da torto o non ha letto l’articolo e si è fermato al titolo (un po’ fazioso) oppure è contento di chi cerca di eludere le nostre regole e di fregarci.

    1. Scritto da Pier

      Io sono sposato con una straniera e quando ci siamo sposati sapeva leggere l’ italiano,quando ha preso la cittadinanza non gli hanno fatto leggere niente perche la conoscevano benissimo anzi era il sindaco che aveva problemi a leggere. Comunque e di legge che chi prende la cittadinanza sappia leggere non scopre mica l’acqua calda il caro leghista

  3. Scritto da Combinati siete voi

    ah perchè invece in Italia non si sono mai fatti matrimoni combinati o di riparazione? Esisteva il delitto d’onore, non so se ricordate! In ogni caso, poteva verificare le intenzioni dei coniugi prima del “grande giorno”, in modo da evitare figuracce. E anche se desse cittadinanza italiana non vedo quale sia il problema, la legge dice così. Ribolla in nome di quale legge agisce?

    1. Scritto da Angioletti

      Ovvio, quindi se noi abbiamo sbagliato per secoli è giusto permettere ad altri di fare altrettanto a casa nostra…. Ma le pare un ragionamento logico?

    2. Scritto da Delfino

      Per il signore che vive aspettando di scacciare il brutto ricordo dei Leghisti continui pure a massacrare ogni (piccolo) tentativo di ordinare le cose nella baraonda in cui siamo messi ,ma pensi che i contributi che paga salatamente servono anche a pagare volture di pensioni e/o stipendi che dureranno Decenni x persone che alla societa Italiana non danno Nulla .Per tutti noi una perdita secca .
      Complimenti alla lungimiranza.
      Saluti

  4. Scritto da patrizia

    Il titolo onestamente mi aveva indignato, leggendo l’articolo ne ho capito il senso… Per una volta (e mi stupisco di me stessa!) sono d’accordo con il pensiero leghista: matrimoni tra stranieri e italiani ok, ma non combinati, e soprattutto lo straniero deve capire cosa sta firmando!

  5. Scritto da Andrea

    Non sono mai stato leghista (anzi, sono del sud) ma il consigliere della Lega ha ragione. Perché dovrebbe sposare qualcuno se ci sono dubbi che sia un matrimonio di interesse/combinato?

  6. Scritto da Adriano

    secondo me è giusto verificare che non siano matrimoni di comodo. sono quindi d’accordo con Ribolla.

  7. Scritto da luigi

    mai avuto simpatie pe rla Lega anzi, ma qui il consigliere non parla di extracomunitari ma di matrimoni ocmbinati, ormai ho capito che i giornalisti devono lavorare e molt enotizie vengono un po’ forzate….

  8. Scritto da residente

    A quando le squadre di protezione della razza?
    Per fortuna, a breve, sarete solo uno sgradevole brutto ricordo!

  9. Scritto da Marco Oldrati

    Sono marito di cittadina russa, sposati in Comune di Bergamo il 22/12/2006. Fu necessaria la presenza di un interprete, perché richiesto dal comune ai fini della garanzia di quanto indicato da Ribolla (capire di che cosa si tratta), ma al di là di questo, mi piacerebbe sapere in nome di quale principio di legge il suddetto ribolla non si assume la responsabilità di andare a sposare persone che non conosce… Forse tutti quelli che conosce sono così onesti (Trota, Belotti, ecc. ecc.)?

    1. Scritto da Riccardo

      Mi scusi, tra i suoi conoscenti e amici ha dimenticato Belsito e il Dio del Po

    2. Scritto da giuseppe

      il consigliere dice chiaramente che vuole verificare che non siano matrimoni di comodo ed ha tutto il diritto (e io dico, il dovere!) di non procedere qualora fossero matrimoni combinati. la cittadinanza non si regala!

      1. Scritto da Marco Oldrati

        E inoltre il matrimonio non determina alcun diritto immediato di acquisizione di cittadinanza da parte della legge. Mia moglie da oltre sette anni risiede in italia con regolare permesso di soggiorno prima e carta di soggiorno ora, meno che mai con una cittadinanza acquisita automaticamente in qualità di coniugata con cittadino italiano.

      2. Scritto da Marco Oldrati

        La mia domanda non trova risposta: ho chiesto dove sta scritto che il consigliere comunale incaricato abbia diritto di sindacare la cosa. Inquirenti e forze dell’ordine ce l’hanno, altrimenti entriamo in un terreno in cui il matrimonio fra un’italiana (o un italiano) e un extracomunitaria (o extracomunitario) è materia di sospetto a priori e qui, scusate, non ci sto… soprattutto se le verifiche sono in capo a un soggetto politico non titolato dalla legge ad effettuare alcuna indagine.

      3. Scritto da lex

        Non ti preoccupare ribolla, quando mi sposero’ chiedero’ di farlo a gente con uno spessore culturale più alto del tuo. Mi sembra da pazzi che io debba venire da te e dimostrarti che non è un matrimonio di comodo. che d……..

        1. Scritto da ale

          E’ difficile che tu sia più colto di ribolla: so quanto lui ha studiato e quanto è colto!!! Ribolla è un ragazzo preparatissimo, pensa ed informati prima di parlare!!!

          1. Scritto da LEX

            guardi che lo spessore culturale non dipende dalla laurea in economia. Sto parlando di preparazione in campo umanistico, filosofico e giuridico. Lasciamo perdere va….

          2. Scritto da Marco Oldrati

            Ribadisco quanto detto sopra: la preparazione del Signor Ribolla non è in questione: è in questione il suo diritto in qualità di celebrante del matrimonio civile a farsi parte inquirente sulle intenzioni degli sposi. Se poi il Signor Ribolla ha il diritto di sospettare di combine i matrimoni fra cittadini italiani e cittadini extracomunitari, questo – perdonate – odora di una cosa che a scuola ai miei tempi chiamavano razzismo.

          3. Scritto da lex

            E’ doveroso verificare che la persona sappia parlare italiano e capire quello che legge e che non siano matrimoni sfacciatamente combinati”. Mi sono attenuto all’analisi della dichiarazione. Ribolla è membro delle forze dell’ordine? NEGATIVO quindi non c’è più niente da discutere.

          4. Scritto da Marco Oldrati

            E se non sa l’italiano, è tenuta ad arrivare con un interprete che rilascia dichiarazione giurata di tradurre fedelmente quanto previsto e pronunciato dal celebrante: io ho vissuto la cosa personalmente. Quanto al fatto che il celebrante possa sindacare se sposare o no i due convenuti, mi sembra che se configuriamo quest’ipotesi, allora andiamo nelle sceneggiature di Vanzina o nei romanzi di Liala, non nel terreno della legge.

          5. Scritto da LEX

            chi sei tu il suo tirapiedi?

  10. Scritto da Alberto

    Bravo Ribolla!

  11. Scritto da giovanna

    Be non c’è problema faccia un piacere a tutti si dimetta da consigliere comunale. Tanto non è che abbia molto da passare attaccato alla cadrega a dire stupidaggini a raffica, le elezioni sono vicine.

    1. Scritto da Corrado

      Non sono un leghista, ma quando le intenzioni sono giuste, vanno sempre bene, sopra tutto se sono indirizzate nel rispetto della legge. Perchè allora dire…si dimetta? Evitiamo il razzismo politico che porta solo alla faziosità di principio. Saluti

  12. Scritto da Luca

    giustissimo, concordo pienamente!