BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Regione in campo: “L’ospedale paghi le imprese creditrici”

In una nota congiunta l'assessore regionale alla salute Mario Mantovani e l'assessore all'ambiente, energia e sviluppo sostenibile Claudia Maria Terzi hanno annunciato che: "La Regione, pur non potendo subentrare per la liquidazione diretta dei sub fornitori della Dec, società appaltatrice, si sta impegnando affinché, nell'ambito del rapporto contrattuale, sia la stessa Azienda ospedaliera a farsi carico del pagamento dei lavori effettuati".

Più informazioni su

In cerca di una "soluzione nel più breve tempo possibile". La soluzione è il pagamento dei debiti da parte dell’azienda ospedaliera Papa Giovanni XXIII alle imprese creditrici che hanno lavorato per realizzare il nuovo ospedale di Bergamo aperto ormai tredici mesi fa.

"Regione Lombardia, tramite la propria Avvocatura, sta lavorando con tutte le parti coinvolte per raggiungere una soluzione nel più breve tempo possibile – affermano in una nota congiunta gli assessori alla salute Mario Mantovani e Claudia Maria Terzi, che si occupa di Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile . La Regione, pur non potendo subentrare per la liquidazione diretta dei sub fornitori della Dec, società appaltatrice, si sta impegnando affinché, nell’ambito del rapporto contrattuale, sia la stessa Azienda ospedaliera a farsi carico del pagamento dei lavori effettuati".

UN CAPITOLO DOLOROSO

Venerdì lo stesso assessore Mantovani, a margine della prima seduta del Consiglio regionale del 2013 in cui si era parlato dell’ospedale di Bergamo, aveva dichiarato: "Per ciò che è di nostra competenza, non è possibile allo stato attuale approdare ad una soluzione per quelle imprese che hanno lavorato alla costruzione dell’ospedale e che non sono state ancora saldate. La soluzione dell’intricata vicenda, che è ora di competenza della magistratura, sfugge al nostro controllo. E non possiamo intervenire con soluzioni che non dipendono da noi". Le imprese creditrici dovevano essere saldate dall’impresa titolare dell’appalto, la Dec Spa, poi andata in concordato preventivo. Per questo motivo gli imprenditori hanno portato in tribunale l’Azienda ospedaliera Papa Giovanni XXIII e hanno minacciato di "smontare l’ospedale".

Assicurazioni agli imprenditori erano arrivate dal presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni che aveva assicurato "una soluzione in tempi brevi".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mark

    E la regione,le provincia e i comuni pure!