BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Gli anni spezzati”, miniserie tv: occasione sprecata

La nostra rubrica dedicata alla serialità affronta la freschissima miniserie televisiva “Gli anni spezzati”, andata in onda martedì e mercoledì su Rai Uno: “Perchè la tv generalista spende denaro, tempo ed energie per realizzare un prodotto così modesto?”.

di Ivan Leoni

Dopo aver guardato le prime due puntate della miniserie televisiva "Gli anni spezzati", andata in onda martedì e mercoledì su Rai Uno, mi chiedo quali siano le vere motivazioni che spingono i protagonisti della tv generalista a spendere denaro, tempo ed energie per realizzare un prodotto così modesto.

E’ vero, come qualcuno ha già fatto notare, che ogni volta che in Italia si affronta il passato (più o meno recente) piovono critiche che sembrano guidate col pilota automatico. Ma, francamente, non si può nemmeno pretendere di ricevere applausi quando si tenta di agire sulla memoria collettiva di una nazione mettendo in scena una narrazione da opera dei pupi o da filodrammatica.

Per carità, offrire una lettura condivisa di un periodo storico così segnato dalla conflittualità sociale non è certo cosa facile. Ci vogliono mani abili, cuori forti e menti oneste: ma perché farlo se poi ci si riduce a trasfigurare l’umanità dei protagonisti di quegli anni con dialoghi così piatti? Cui prodest sovraccaricare di santità quegli uomini che hanno invece vissuto il loro presente, portando consapevolmente sulle loro spalle il peso delle loro azioni, anche sapendo che avrebbero potuto pagarne il prezzo più alto? Perché ricostruire in modo così didascalico – e contemporaneamente ambiguo – vicende come la strage di Piazza Fontana e l’omicidio Pinelli, alludendo fumosamente alle responsabilità delle istituzioni?

D’accordo, a distanza di quarantaquattro anni nemmeno la magistratura è riuscita ad identificare con definitiva certezza le responsabilità storiche delle stragi; ma se non si ha nemmeno il coraggio di raccontare le verità – già accertate in sede processuale – sui depistaggi attuati da uomini dello stato, perché cimentarsi in un’opera di tale portata?

“Gli anni spezzati” si concentra puntigliosamente sulla cronologia per poi dimenticarsi clamorosamente di tratteggiare le ragioni di quel conflitto e il clima di quegli anni. A distanza di oltre quarant’anni ci si potrebbe anche legittimamente aspettare una rappresentazione quasi pacificata degli anni Settanta: non si deve mica essere dei pasdaran del “gomblotto” per affermare che la strategia della tensione messa in atto da alcuni uomini dello stato puntava, attraverso le bombe, a destabilizzare l’ordine sociale per stabilizzare l’ordine politico. Così come non si corre certo il rischio di essere additati come beceri reazionari se si affrontano in modo serio le storture prodotte dal terrorismo.

In occasione dell’uscita nelle sale di “Romanzo di una strage di Marco Tullio Giordana, Goffredo Fofi si chiedeva come fosse possibile che artisti, intellettuali e professionisti delle comunicazioni di massa, non riuscissero mai o quasi mai a raccontare degnamente il tempo passato e a essere all’altezza dei problemi di questo. Una possibile risposta è che, probabilmente, una certa elite intellettuale ha una considerazione veramente infima e bassissima degli italiani e li considerano alla stregua di alunni elementari sciocchini e svogliati, interessati solo alla ricreazione.

Quindi ci si accontenta di parodie di ricostruzione storica che suonano quasi come una (in)volontaria strategia della rimozione che impedisce di affrontare, confrontare e, al limite, conciliare memorie divise. E così facendo si inibisce la maturazione di una coscienza civile unitaria e si confeziona invece un pubblico di fruitori di favolette, pronti a consegnarsi nelle mani degli imbonitori di turno. Insomma, l’ennesima occasione sprecata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lotty

    Non ho visto la fiction, ma ho proprio letto mezz’ora fa su Minimum fax una recensione di Christian Raino dal titolo”una monnezza chiamata fiction” del tutto in linea con l’articolo di Ivan Leoni. Evidentemente le critiche negative sono più di una.

  2. Scritto da Gaetano Bresci

    ….se penso che entro fine mese devo pagare il canone…

  3. Scritto da Marco Cimmino

    Io non entro nel merito dell’impianto storico di quest’opera: una fiction, in fondo, e’ una fiction. Mi limito a dire che, se consulenza storica c’e’ stata, spero sia avvenuta a titolo gratuito: il manifesto contro Casa Pound in un telefilm ambientato ai tempi di Piazza Fontana e’ uno svarione tale da imporre la castrazione chimica dei consulenti e la restituzione immediata del malloppo! Dove li hanno trovati: a un corso di formazione sindacale?

  4. Scritto da Carlo Pezzotta

    Ho visto le 2 puntate che ho trovato fatte bene. Non è vero, almeno x quello che ho visto io, che non si è affrontato il problema dei depistaggi organizzati da uomini dello stato. Io non so che cosa abbia bisto il sig. Leoni, ma sicuramente non mi trovo d’accordo su quanto ha scritto. Spero invece, che le prossime puntate siano altrettanto veritiere come questa prima sul commissario Calabresi e spero che tanti giovani le guardino.

  5. Scritto da gmz

    L’articolo del sig. Ivan leoni mi sembra, a dir poco, BLASFEMO! Parla di ” parodie di ricostruzione storica” e contemporaneamente indica la morte dell’anarchico Pinelli come “omicidio Pinelli” dimenticando che la giustizia, nel caso Pinelli, ha definitivamente scagionato il commissario Calabresi. Invece dimentica che gli assassini di Calabresi, condannati in via definitiva sono liberi grazie all’intervento di Grazia concessa dal nostro Presidente Napolitano nel 2006!

    1. Scritto da Luciano Avogadri

      Ci sono tanti omicidi dei quali il Commissario Calabresi non e’ responsabile. E non per questo smettono di essere omicidi.
      Mi sfugge la logica della sua risposta. A me pare invece che l’articolo colga nel segno: sembra davvero che certi argomenti possono essere trattati solo come se gli italiani fossero dei deficienti, si tratti di Padre Pio, del Papa o degli anni di piombo.

      1. Scritto da gmz

        ma cosa vuol dire? Io non ho capito! mi deve scusare, ma se si spiega meglio mi fa un favore: immagino che se ha scritto lo h fatto per dire qualcosa, in questo caso a me….e io non ho capito. Omicidi di cui il Comm. Calabresi non è responsabile: perché ce ne è qualcuno di cui è responsabile che lei sappia? Infine, gli italiani non sono ne “coglioni” (come sosteneva qualcuno che immagino non Le faccia simpatia) ne “deficienti”: hanno metri di giudizio diversi gli uni dagli altri!