BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Meloni: no pensioni d’oro Pd e grillini la snobbano, con chi stai?

Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia era convinta di avere trovato la chiave per convincere tutti sulla revoca delle pensioni d'oro. Ma ha convinto solo la Lega Nord: “Non possiamo più consentire che ci sia gente che prende 90mila euro al mese, mentre intere generazioni lavoreranno una vita intera per non avere una pensione decente"

Più informazioni su

Giorgia Meloni era convinta di avere trovato la chiave per convincere tutti sulla revoca delle pensioni d’oro. Ma ha convinto solo la Lega Nord. L’unico partito che ha sposato la sua mozione per diminuire le pensioni d’oro dei politici: “Non possiamo più consentire che ci sia gente che prende da trenta e novantamila euro al mese, mentre intere generazioni lavoreranno una vita intera per non avere una pensione decente -ha spiegato la Meloni a La Stampa-. Vorrei sapere da Renzi e da Grillo (loro che si proclamano l’anticasta) che cosa pensino di questa scelta”.

Una scelta arrivata alla fine di un pomeriggio di liti, piccole rotture, boati e banchi abbandonati platealmente (da un gruppo di Cinque Stelle in dissenso con la proposta del proprio gruppo) al momento di un voto che premia con 310 luci verdi la mozione di maggioranza. Un testo piuttosto bizzarro che si impegna a “monitorare gli effetti delle misure contenute nella legge di Stabilità 2014, valutando in seguito nuove norme che realizzino maggiore equità, nel rispetto del dettato della Corte Costituzionale”.

Cioè? Cioè si va avanti con quanto previsto nella ex finanziaria che indica un contributo di solidarietà per le pensioni più alte: il 6% per la parte eccedente i 90 mila euro annui, che diventa 12% oltre i 128 mila euro e 18% oltre i 193 mila. Però, data l’evidente marginalità dell’intervento, ci si impegna a fare qualcosa di meglio in futuro. “Il Parlamento è una gabbia di matti. Mi chiedo come il M5S e Renzi spiegheranno ai cittadini le mozioni che hanno presentato. I grillini volevano tassare ulteriormente le pensioni minime colpendo chi già non riesce a campare, mentre il Pd propone di prelevare la ridicola cifra di 61 euro a chi ne guadagna in un anno 91 mila”, dice il leghista Fedriga.

Che assieme ai colleghi appoggia senza successo l’idea della Meloni: tetto massimo di cinquemila euro netti (dieci volte in più delle pensioni minime) e dai cinquemila euro in su calcolo del dovuto in base al sistema retributivo. “E’ giusto che ciascuno guadagni per quello che ha versato. Il problema sono i privilegi”. Teoria interessante, incapace di intercettare la solidarietà dei Cinque Stelle che, nel loro attacco ininterrotto allo stato delle cose, immaginano un sistema che porti le pensioni minime da 500 a mille euro utilizzando i fondi racimolati tassando progressivamente tutte le pensioni dai mille euro in su.

“Ma voi volete lasciare stare nonno Giuliano Amato che con la pensione di un mese può comprare la fuoriserie al nipotino”, dice il deputato-cittadino Sorial, sventolando – in un surreale calderone simbolico -. Tra pernacchie e grida. Un superclassico della dialettica parlamentare. Interviene il piddino Damiano. “Diciamo no al populismo. Diamo diritti a chi non li ha ma non togliamoli a chi ce li ha”. Sorial lo guarda come se fossero la sottospecie di un organismo degenere, che non si può considerare completamente umano.

Si vota. Dieci grillini lasciano l’aula per non votare la propria mozione. Passa quella di maggioranza. Altri boati. Ma ormai questi sono i fatti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giacomo

    La proposta di Fratelli d’Italia è anticostituzionale perché prevede una decurtazione solo ai più ricchi.La proposta del M5S è costituzionale perché attua un prelievo su tutti anche sulle pensioni minime,ma badate bene che sulle pensioni basse preleva solo lo 0,1% fino al 32% delle più alte. Il problema è che la Meloni e compagnia cantando non vuole questo perché anche loro saranno pensionati d’oro in futuro vogliono solo poter dire di aver fatto questa battaglia ben sapendo inutile

    1. Scritto da cat

      e in questa guerra fra poveri gli unici contenti sono i superpensionati.
      grazie 5stelle, con la vostra intransigenza cosa avete ottenuto? un bel nulla di fatto

  2. Scritto da Fratello d'Italia

    Per fortuna che esistono Fratelli d’Italia e Giorgia Meloni, gli UNICI che cercano di fare qualcosa di concreto per la nazione, e gli altri che fanno? M5S e Renzi parlano e basta, ieri avevano l’opportunità di cambiare le cose e non l’hanno fatto. Viva Fratelli d’Italia unico partito di destra che difende la nazione in parlamento.

    1. Scritto da Fandonie

      La meloni ed i signori di fratelli d’italia sono stati al governo per 10 anni senza fare nulla di nulla ed a causa della coalizione di cui facevano parte l’italia è andata alla malora.
      Nel caso specifico hanno ragione ma ad aver ragione quando si è all’opposizione sono CAPACI TUTTI .

      1. Scritto da sorella

        fratelli d’italia è nato da un anno…
        nel caso di specie FDI ah fatto votare una mozione in aula, non era una raccolta firme in piazza.
        gli altri partiti hanno bocciato la proposta di tagliare le maxipensioni e se ne assumeranno le responsabilità.

  3. Scritto da COMPARI

    per una volta che potevano dare un segno concreto: tagliare le superpensioni per aumentare le minime… Ovviamente hanno fatto gli indiani e hanno detto che studieranno misure più eque.
    PD, FORZA ITALIA, NUOVOCENDTRODESTRA, 5STELLE, tutti uguali, difensori dei privilegi

  4. Scritto da mavalà

    “monitorare gli effetti delle misure contenute nella legge di Stabilità 2014, valutando in seguito nuove norme che realizzino maggiore equità”, una favoletta che fa il paio con i 383 voti su Ruby nipote di Mubarak. Nuove norme? Equità? La norma bocciata era la più equa ed etica di tutte le riforme fatte fino ad ora, e ne ho contate tra riforme e ritocchi, 14 negli ultimi 20 anni.

  5. Scritto da Francesco

    …la proposta della MELONI è ben strutturata perché rispetta anche i diritti di chi ha versato moltissimo, quindi i cosiddetti pensionati d’oro che hanno contribuito in base a quello che ricevono vengono tutelati, gli altri che si sono avvalsi di leggi truffaldine vengono giustamente retribuiti in base a ciò che hanno versato…Sentire a Uno Mattina che il PD( ex_PCI) tutela le pensioni d’oro è nauseante.

  6. Scritto da carlo

    chi prima chi dopo tutti parlano di ridurre le pensioni d’oro, il giorno che ci riusciranno ci sarà un ricorso alla magistratura che dichiarerà il tutto incostituzionale, e saremo al punto di partenza

  7. Scritto da nino cortesi

    Solo M5* ha proposto in Parlamento la riduzione delle pensioni d’oro. Gli altri hanno votato contro. La Meloni fa melina ma si sa che al momento decisivo non si sbarazzerà delle pensioni d’oro.
    Più che bolle sono balle quelle raccontate qui dai nostri onorevoli commentatori.

    1. Scritto da daltonico

      va beh se vogliamo raccontare favole.. i 5 stelle hanno votato una proposta di tagliare TUTTE le pensioni, anche quelle da 1000 euro al mese! in cambio portavano quelle da 90.000 a “soli” 60.000 al mese! ah però, che difensori del popolo!

      1. Scritto da Andrea

        La Camera ha respinto la mozione presentata da M5S. Tutti hanno votato no, Sel astenuta, la proposta e proporzionale ed adeguata alla costituzione, per questo si è dovuto ritoccare il taglio anche alla classe media per non essere incostituzionale. Si parte dallo 0,1% sulle pensioni da 500 euro = 50 centesimi al mese = 6 euro all’anno al 30% su quelle di 90mila = 27mila al mese = 324mila all’anno.

      2. Scritto da vedo bene i colori

        leggiti bene la mozione dei 5S prima di sparare a zero :
        Votata l’8 Gennaio ma presentata gia anche il 25/9/2013

        http://parlamento17.openpolis.it/atto/documento/id/14850

      3. Scritto da Ferdy

        Forse quelle privilegiate che non rispettano i contributi versati sono quelle basse vada a rileggersi i metodi di calcolo applicati dal 1990 in poi dopo riforme Dini ed Amato. Con retributivo le privilegiate sono proprio le medio.basse riconosciute vicino a percentuali 80/90 pct ultimi redditi. Si documenti su metodo di calcolo.

  8. Scritto da albadorataitalia

    io sto con albadorataitalia qui bisogna dare una sterzata a tutti i blabla tanto poi non fanno nulla!

  9. Scritto da pensiomorto

    a chi guarda al passato: il voto sulla proposta di Fratelli d’Italia è stato ieri.
    Ieri PD, NCD, FI, M5S e tutti gli altri potevano tagliare le superpensioni (fino a 90.000 Euro al mese!!). NON l’hanno fatto.
    Questo è l’unico dato che conta oggi.

  10. Scritto da La verità fa male

    IO STO CON LA MELONI E CON LA LEGA NORD ma il problema non è che io sto con la Meloni e con la Lega Nord: il problema vero è che il PDemocristiano ormai difende solo i burocrati come Befera, Saccomanni e Cancellieri anche di fronte a errori e scandali incredibili; il problema è che il PDemocristiano è stato in ginocchio ad appoggiare tutti i provvedimenti del governo del banchiere Monti e non difende più da tempo i poveri, perchè è pieno di salottieri ricchi e altezzosi

    1. Scritto da elavista

      non solo di memoria corta soffre il nostro lvfm… ma anche di miopia a quanto pare perche’ non mi spiego come possa non aver visto di fianco al testo di questo articolo il riquadro con il link ad un articolo precedente di BGNEWS dal titolo inequivocabile: “Pensioni d’oro si allunga la lista: flotta di LEGHISTI”!!!!!! urge farsi vedere da un dottore caro LFVM… ma di quelli bravi

    2. Scritto da memoriacorta

      caro lvfm, temo che lei abbia un serio problema di memoria corta visto che limita i suoi ragionamenti all’oggi senza rendersi conto che le stesse persone con cui lei dice di voler stare sono altrettanto responsabili (se non peggio visto che eran loro al governo prima di monti) del Pdemocristiano sia della situazione tragica che ha portato monti al governo sia del mantenimento della casta i cui esempi in casa lega e PDL sono noti.Gli unici credibili a lottare contro la casta sono i grillini

  11. Scritto da balle

    Sono anni che Grillo insiste per cancellare le megapensioni e solitamente maturate a suon di contributi pagati dai cittadini a politici e manager pubblici con svariate poltrone. Ora la Meloni viene a fare la puritana ma non mi risulta che quando era al governo (e lo e’ stata per anni con il PDL!!) abbia mai fatto una proposta simile e nemmeno che abbia mai rinunciato, come fanno regolarmente i parlamentari del Movimento 5 stelle, a parte del suo megastipendio o ai rimborsi elettorali..

    1. Scritto da bolle

      in realtà ci sono decine di articoli e servizi, in rete, su parlamentari e consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle che non hanno rinunciato al megastipendio…
      alla prova del voto, ieri, il M5S, ha votato NO al taglio delle maxipensioni, questo è il dato di fatto.

      1. Scritto da Beppe

        Se sa leggere il cartellone con le lucette verdi e rosse può’ vedere che il M5S ha votato compatto SI al taglio delle pensioni d’oro, sempre se non e’ daltonico e sempre se sa leggere/vedere/interpretare o è il solito troll disinformatore???

        1. Scritto da daltonico

          si legga bene QUALE proposta hanno votato i grillini: quella di tagliare tutte le pensioni, anche quelle da mille euro al mese! e di ridurre quelle da 90.000 a 60.000 al mese!!! equa come proposta!

  12. Scritto da mario59

    Stanno tirando sempre di più la corda.
    E’ giusto che un cittadino percepisca la pensione in base a quanto ha versato, va bene aggiungo io..ma non possiamo fare tutti i dirigenti o i politici..la pensione pubblica dovrebbe essere uno strumento sociale che garantisce a chiunque abbia lavorato, una decorosa vecchiaia..non a qualcuno stipendi da nababbi e alla maggiorparte, ridicoli salari da fame.
    Ribadisco in nessun caso, la pensione pubblica dovrebbe elargire stipendi a dir poco vergognosi

    1. Scritto da leo cat

      “la pensione pubblica dovrebbe essere uno strumento sociale che garantisce a chiunque abbia lavorato, una decorosa vecchiaia”, appunto, a chi ha alle spalle una vita di lavoro. Non confondiamo il reddito di cittadinanza con la pensione e, non equipariamoli economicamente. Che c’entrano le pensioni minime e sociali (già ampiamente integrate), con la gente che ha lavorato 40 anni? Cosa c’entrano gli evasori previdenziali con chi ha versato contributi annuali pari ai loro falsi redditi medi?

    2. Scritto da fabio

      Pienamente d’accordo col suo punto di vista.

  13. Scritto da pornastri

    Sinistra scandalosa. E cdx pure. Fate vomitare. Era Letta che parlava per i giovani? Meritate una seria rivoluzione.

    1. Scritto da lucio

      Non ci vuol molto ad esser d’accordo con la Meloni. Chissà che
      prima o poi, oltre alle pensioni d’oro, anche partiti che si dicono
      a parole, progressisti, anche senza referendum, aboliscano il
      finanziamento ai partiti politici, da SUBITO, E ANCHE IL NUMERO DEI PARLAMENTARI, e loro consulenti. P.S. Non ho
      ancora capito perchè nelle scelta dei candidati, i partiti politici non riescano a presentare candidati competenti e preparati…