BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’arte incontra la memoria mostra di Alberto Passera sulla Shoah

L'associazione culturale “Circolo Gramsci” di Colognola organizza e promuove un momento di riflessione e dibattito sul territorio attorno al tema dell'olocausto costruendo una riflessione che trova nell'arte uno snodo cruciale.

L’associazione culturale “Circolo Gramsci” di Colognola, che opera a Bergamo dal 2004, intende con questa iniziativa promuovere un momento di riflessione e dibattito sul territorio attorno al drammatico tema dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico nonché delle leggi razziali in Italia.

L’idea prende avvio da una ricerca storica sul tema delle leggi razziali in Italia e sulla deportazione degli ebrei da Bergamo effettuata dal Laboratorio di Storia del Circolo Gramsci e condivisa dall’artista Oliviero Passera. Coordinatore e responsabile scientifico dell’evento è il dr. Scanzi Alberto, presidente dell’Associazione “Circolo Gramsci “. L’iniziativa è rivolta in primo luogo a studenti e insegnanti, ma si rivolge anche alle associazioni, a tutta la gente del quartiere e non solo.

Il progetto prevede, come accennato, di ricordare il “Giorno della memoria” mediante la realizzazione di una mostra sul tema dell’Olocausto con opere dell’artista Oliviero Passera. La redazione di un catalogo e la presentazione della ricerca storica, realizzata dal Laboratorio di storia del Circolo Gramsci, sulle leggi razziali e sulla loro puntuale applicazione anche a Bergamo, con la deportazione degli ebrei. Si vuole di fatto coinvolgere gli studenti, gli insegnanti, le associazioni e la gente dei quartieri a riflettere sulla drammaticità di quegli eventi, sia dal punto di vista emotivo suscitando, con le immagini esposte in mostra, forti emozioni sia dal punto di vista storico e della conoscenza. Emozioni che dovrebbero, secondo gli intenti degli organizzatori, far scaturire domande nelle coscienze degli osservatori al fine di riflettere sui fatti purtroppo noti. La location dell’evento, è l’Auditorium San Sisto a Bergamo in via Rampinelli, dall’8 gennaio e fino al 31 del mese.

E’ prevista la partecipazione di personale volontario e di relatori. Il programma dell’evento, sarà così articolato: inaugurazione della mostra e presentazione della ricerca storica nei giorni 11 gennaio alle 17 e a seguire il 27 gennaio, in occasione del giorno della memoria, dalle 20,30. Gli orari di visita della mostra saranno, invece, i seguenti: dalle 10 alle 12 nei giorni feriali; dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 19 nei giorni festivi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.