BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Virus intestinale, Livaja non gioca a San Siro e se ne va al ristorante

Una nuova “livajata” fa storcere il naso ai tifosi nerazzurri sui social network: il giocatore fino a pochi giorni prima non si era allenato per un virus intestinale e non era stato convocato, ma durante Milan-Atalanta si è fatto fotografare in un ristorante brasiliano con amici

Più informazioni su

Fino a pochi giorni prima non si era allenato a causa di un virus intestinale, ma a un’ora da Milan-Atalanta si è fatto tranquillamente fotografare in un ristorante brasiliano di Milano con gli amici. Marko Livaja protagonista di un nuovo episodio che fa discutere i fan nella sua tormentata avventura a Bergamo.

Dopo le litigate durante gli allenamenti nella scorsa stagione, prima con mister Colantuono e poi con Ivan Radovanovic (al quale rifilò anche un pugno) con tanto di mancate convocazioni per punizione, una nuova “livajata” ha fatto storcere il naso sui social network ai tifosi nerazzurri, già infastiditi per il suo scarso impegno in campo nelle partite in cui è stato impiegato.

Il numero 7 arrivato a Zingonia dall’Inter in cambio di Schelotto (un altro giocatore disprezzato dai sostenitori atalantini), fino a pochi giorni prima della difficile trasferta di San Siro contro i rossoneri non si era allenato a causa di un virus intestinale, e per questo non era stato convocato per la partita nello stadio della sua ex squadra.

A un’ora dal fischio d’inizio, però, Livaja si è fatto scattare una foto mentre si trovava con amici in un ristorante brasiliano di Milano (con tanto di bottiglia di vino sul tavolo) che ha pubblicato immediatamente sul proprio profilo Facebook. Un gesto che ha raccolto critiche.

Intanto, mentre i dirigenti nerazzurri confermano che rimarrà a Bergamo, si susseguono le voci di un suo possibile passaggio al Catania già nei prossimi giorni, dove ritroverebbe il fratello Mirko, che gioca nella Primavera etnea.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Massimo

    Comunque al Picanha ci si sfonda di cibo…. lo invidio.

  2. Scritto da Lalliese

    Ha fatto benissimo alla faccia di quelli che gli danno i soldi per vederlo tirare ad un pallone,una roba penosa.

  3. Scritto da carlo

    Virus intestinale, gastroenterite e va in giro in magliettina a maniche corte con un collo a v che gli si vede la pancia quasi? i comuni mortali dopo 5minuti si prendono uno schittone che del ristorante vedrebbero solo il bagno, ma JEEG ROBOT D’ACCIAIO Livaja dalla Croazia no. Ma roba de macc. Rimandare a casa subito !!

  4. Scritto da Marco

    Dopo giorni a riso in bianco, avrà avuto una fame micidiale…

  5. Scritto da greatguy

    altro articolo in perfetto stile bgnews!!!! mi fate veramente pena, siete peggio del giornalino parrocchiale ma quello di 20 anni fa…che schefe scec…

  6. Scritto da mark

    ma nella foto si vede un grosso spiedone una bella bottiglia di vino, il bicchiere di vino quasi vuoto, il piatto ben azzuppato, insomma l’ha maiat prope bè, sperem che al guarese

  7. Scritto da d

    Mi sembrano articoli da rivistucole pettegole, sia inteso con rispetto parlando.

  8. Scritto da indurain

    Dalla foto io evinco:
    Livaja ha davanti i piatto con residui bianchi (mozzarella?)
    L’amico ha davanti un piatto con residui di carne.

    Livaja ha davanti la bottiglia d’acqua.
    L’amico ha davanti la bottiglia di vino con due bicchieri.

    Siccome quello che non è certo è interpretazione, io deduco che Livaja abbia pranzato (cosa dovuta ad ogni essere umano) cose si addice ad un atleta con problemi intestinali.

    Insinuare sospetti, in mancanza di certezze, è eticamente scorretto

    1. Scritto da Tone

      Se poi guardi bene, sullo sfondo, ci sono anche le marmotte che impacchettano la cioccolata. Dai eh… compra il cotechino dell’atalanta, così li aiuti a pagargli lo stipendio.