BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Schumi, dal video “nessuna imprudenza”: nei guai l’impianto

Dalle immagini registrate dalla telecamera che l'ex campione tedesco aveva sul casco al momento dell'incidente la Procura di Albertville ha stabilito che Schumi non avrebbe colpe: "Anche gli sci erano nuovissimi, non sono la causa della caduta". Tremano i gestori dell'impianto: sono "una cinquantina" gli incidenti, anche gravi, già registrati nel comprensorio negli ultimi anni.

Più informazioni su

Michael Schumacher non ha commesso alcuna imprudenza prima dell’incidente sulle piste di sci di Meribel. E’ quanto rivelato dalla Procura di Albertvile che, dopo aver guardato e riguardato con attenzione le immagini registrate dalla telecamera che l’ex campione tedesco aveva sul casco al momento dell’incidente, ha decretato che Schumi stava scendendo a una velocità "non eccessiva" (20 km/h al massimo), senza commettere manovre azzardate. Nessuna conferma, invece, sull’esistenza di un secondo filmato ripreso da un altro sciatore tedesco, del quale aveva scritto il settimanale tedesco Der Spiegel.

"Abbiamo esaminato con attenzione il filmato della telecamera posta sul casco di Schumacher, dobbiamo ancora procedere alla trascrizione del filmato immagine per immagine, ma questo ha determinato con certezza il luogo della caduta, la velocità e la distanza dal bordo della pista" ha spiegato il procuratore del tribunale di Albertville, Patrick Quincy. "La pista era ben segnalata e gli sci dell’ex pilota tedesco erano nuovissimi e non sono stati la causa dell’incidente". La Procura, poi, ha ricordato "una cinquantina" di incidenti, anche gravi, in quel comprensorio sciistico.

Intanto, spunta anche un precedente giuridico: nel 2009, infatti, la corte d’appelo di Chambery condannò lo stesso impianto di Meriber per non aver segnalato alcuni massi sulla pista di Muduit, una delle due su cui sciava anche il pilota tedesco. Vittima di un grave incidente fu una ragazza di 24 anni che subì fratture multiple e un trauma cranico che le provocò un’invalidità del 6%. Fu indennizzata con 86mila euro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ??

    perchè,sciare fuori pista in un tratto con visibili sassi e rocce è una cosa prudente?

    1. Scritto da Marco

      Visto che tutti i giorni sulle piste rullano e spianano gatti delle nevi, potevano anche asportare e spianare quegli speroni rocciosi affioranti.