BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Non voglio rimanere attaccato alla poltrona” Finazzi (Lega) si dimette

Il consigliere provinciale e sindaco di Trescore balneario Alberto Finazzi, esponente della Lega Nord, ha deciso di rassegnare le dimissioni da via Tasso. In una lettera inviata al presidente del Consiglio comunale Roberto Magri, al presidente Ettore Pirovano e ai colleghi ha spiegato i motivi che lo hanno portato ad abbandonare la Provincia.

Il consigliere provinciale e sindaco di Trescore balneario Alberto Finazzi, esponente della Lega Nord, ha deciso di rassegnare le dimissioni da via Tasso. In una lettera inviata al presidente del Consiglio comunale Roberto Magri, al presidente Ettore Pirovano e ai colleghi ha spiegato i motivi che lo hanno portato ad abbandonare la Provincia. “Le funzioni svolte dai consiglieri provinciali, da più di un anno, sono praticamente azzerate da nuove normative finanziarie che impediscono dio fatto l’evoluzione di qualsiasi progetto e programmazione territoriale. Omologano, anzi, noi stessi consiglieri provinciali a coloro che sono stati causa del dissesto finanziario nazionale, obbligandoci a intervenire con provvedimenti penalizzanti per i nostri cittadini relativamente alla erogazione di minori servizi, all’applicazione di maggiori tasse e tariffe e, infine, col blocco degli investimenti.

Non ritenendo determinante e utile rimanere seduto nei banchi di questo consiglio provinciale in balia dei governanti che gestiscono lo Stato colpendo indistintamente amministrazioni virtuose e amministrazioni in dissesto finanziario, anche al fine di far comprendere all’opinione pubblica che la politica “incollate” alla poltrona non è nella coscienza di molti amministratori locali, voglio in questo modo ulteriormente rappresentare un disagio sociale e amministrativo espresso dalla realtà territoriale che ho rappresentato finora. Ringrazio tutti coloro che con me hanno collaborato nello svolgimento della mia funzione di consigliere provinciale: Consiglio, presidenza, Giunta e tutti i dipendenti per la preziosa assistenza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pino

    Ma prima di commentare, leggete? Ha detto che è un anno (non da 4) che non riescono a svolgere il proprio lavoro per via di provvedimenti statali che hanno dato più incombenze alle province e hanno tolto i soldi. Due la seconda “poltrona” non era remunerata ne prima ne adesso…
    Questo è un gesto politico che tutta la maggioranza doveva intraprendere….altro che balle!!!

  2. Scritto da pino

    Siamo in una Democrazia Rappresentativa o Lui rappresentava tutta la cittadinanza, suoi elettori e no. Arrivare quasi alla scadenza del mandato e sbattere la porta è puerile ed inutile. Era in Provincia per fare e per sistemare le cose che eventualmente non andavano; era impotente? poteva fare opera di denuncia fin da subito. Ora è troppo comodo e utile solo per lavarsi la coscienza per la propria inettitudine ! Un altro “dimenticabile”

  3. Scritto da BRUNO

    qui non importa il colore politico !! questo è un UOMO !!! lo ammiro ! speriamo sia un esempio per gli altri ….hahhahaha

  4. Scritto da Bravo

    Va bè trovate ogni tipo di scusa per dar dietro a chiunque non sia di sinistra, tre mesi un anno o un giorno non importa, bella mossa e molto ben giustificata.

  5. Scritto da antonio

    bravo Finazzi!!! peccato che a sinistra il buon esempio come il tuo non l’ho ancora visto… sono solo capaci di blaterare, già ma loro a Bergamo candideranno Gori, un famoso… che ha portato in italia “l’isola dei famosi”…alla faccia della cultura…

  6. Scritto da Buffoni

    Il solito Sindaco leghista che finge di non essere incollato alla sedia dimettendosi a 4 mesi dalla scadenza. Vicino a Bergamo altri sindaci leghisti faranno la stessa operina? Chissà, la sceneggiata napoletana (pardon, padana) è aperta.
    A casa tutti questi buffoni del Dio Po. Tutti a raccogliere ampolle al Monviso

  7. Scritto da Fabio

    A 3 mesi dalla scadenza!!!!!……..ma che bravo

  8. Scritto da Pluto

    ” disagio sociale e amministrativo espresso dalla realtà territoriale che ho rappresentato finora”. alla buonora! per quanti anni ha governato il CDX e la Lega in questi anni? lui dov’era? forse pensa di accasarsi coi 5S?

  9. Scritto da per le precisione

    A tre mesi dalla scadenza e dopo oltre 4 anni e mezzo che è rimasto attaccato alle DUE poltrone ??? Ma chi vuol prendere in giro… Vuole solo un po’ di visibilità !!1