BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Moschea a Bergamo? “Decidano i cittadini non i magistrati”

"Non è il Tar che può decidere se realizzare o meno una moschea. Sono i cittadini e le amministrazioni locali che devono farlo": a dirlo è Alberto Ribolla, capogruppo della Lega Nord a Palazzo Frizzoni, intervenendo nel dibattito scatenato dalla sentenza su Brescia che mette a rischio il suo Pgt.

Non è il Tar che può decidere se realizzare o meno una moschea. Sono i cittadini e le amministrazioni locali che devono farlo. In Paesi civili e multietnici, come ad esempio la vicina Svizzera, la realizzazione delle moschee è una scelta che spetta ai cittadini, che vengono interpellati tramite referendum e non alla magistratura”. Lo dichiara Alberto Ribolla, capogruppo della Lega Nord a Palazzo Frizzoni, intervenendo nel dibattito scatenato dalla sentenza su Brescia che mette a rischio il suo Pgt. 

“A tal proposito Gori non faccia il democristiano e dica se è e non è favorevole alla realizzazione di una moschea a Bergamo. Scopra le carte e parli chiaro, su argomenti di tale importanza l’ambiguità è inaccettabile. Se il centrosinistra vuole realizzare una moschea lo faccia nei Comuni che amministra, prevedendola nel proprio Pgt”. E in riferimento ai casi di via Cenesio e via Cabrini Ribolla afferma: “La legge regionale è chiara e prevede che si debbano rispettare le regole e alcuni requisiti, non da ultimo la sicurezza, per poter definire degli spazi come  luoghi di culto. E questo vale anche per Bergamo, senza eccezioni. Per la Lega Nord vengono prima i cittadini bergamaschi che in via Cabrini hanno chiesto con forza la chiusura dello spazio abusivo,  attuata dalla procura si segnalazione del Comune”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paola

    Vergogna!Vergogna! Al comune di Seriate che in Via Tiepolo ha lasciato liberi d’aprire una moschea, Perché SI TRATTA DI UNA MOSCHEA, e non di un centro culturale!!!!!…Siamo in Italia o no???Ma dove siete???Da che parte state???Nella loro Nazione stanno facendo uno scempio delle nostre chiese cattoliche e qua gli date spazio!!!!VERGOGNA!!!!!La Signora Antonella ha ragione…Ne parleremo alle prossime votazioni! Due quartieri interi sono indignati!!!

  2. Scritto da marco

    caro ribolla……o hai imparato anche tu’ a fare il politico,e quindi racconti balle alla gente o sei uno dei pochi rimasti a credere ancora alle favole.GUARDA CHE A SERIATE “AMMINISTRAZIONE LEGHISTA”HA APERTO UNA MOSCHEA,INFORMATI PRIMA DI ACCUSARE IL TAR SULLA SCELTA DI BRESCIA,VAI A CHIEDERLO AI CITTADINI RESIDENTI IN ZONA SE SON CONTENTI…..A PROPOSITO E A MENO DI 100 METRI DALLA SEDE LOCALE DELLA LEGA NORD “BRAVI”

    1. Scritto da Antonella

      Buonasera
      confermo tutto quanto segnalato da Marco; io risiedo nel Condominio dove si trovano questi locali che hanno “adibito abusivamente” a Moschea…. noi tutti residenti della Via Tiepolo e’ da Agosto 2013 che ci siamo mobilitati per far cessare questa situaizione ma ad oggi niente e ‘ cambiato e’ una vera vergogna !! con l attuale Amministrazione Seriatese ne riparlermo alle prossime Elezioni comunali

  3. Scritto da Andrea

    Concordo totalmente.

  4. Scritto da ureidacan

    Le aree per i luoghi di culto sono nel PGT che Ribolla ha votato.A parte le chiese cattoliche, che ricevono qualche contributo dallo Stato per via del Concordato, tutte le altre confessioni devono comprarsi il terreno, pagare gli oneri e spendere i soldini per la costruzione. Questa si chiama libertà di culto.

    1. Scritto da Alberto

      L’8 per mille non riguarda solo la Chiesa cattolica: informarsi prima di scrivere boiate, grazie.

    2. Scritto da Leghista

      Cosa sta dicendo? L’unica area di culto prevista, al confine con Azzano, è stata ridotta ad 1/3 ed è inutilizzabile.

  5. Scritto da wiw

    populismo pilatesco…sempre peggio

  6. Scritto da Gioanpadan

    Perché quando si parla di luoghi di culto non cattolici i giornalisti stravedono per le moschee? Si potrebbe parlare di templ buddisti, chiese protestanti ecc. Paradossalmente l’Islam non è religione ufficialmente equiparata alle altre dallo stato italiano, perché l’Islam non accetta i principi della costituzione italiana. Perché quindi c’è questo morboso affetto per l’islam da parte dei media? Sempre luogo di culto = moschea, e le altre religioni!?!

  7. Scritto da Giovanni

    Ribolla, lei è favorevole o no alla liberalizzazione della cannabis? Non faccia il democristiano, risponda.

  8. Scritto da pippo

    E i fedeli musulmani sono “cittadini” o “magistrati”?
    Cittadini, io credo. Nono sono italiani, ma sono residenti a Bergamo. E quindi si decida insieme a loro.
    Oppure serve il pedigree padano?

  9. Scritto da Enrico

    Bergamasco, figlio di bergamaschi, favorevole alla moschea.

    1. Scritto da Luca

      Bergamasco figlio di bergamaschi. Assolutamente Contrario alla moschea. Due a uno. Chiedetelo poi a quelli della Malpensata o a quelli di via Cenisio. Avrete un plebiscito contrario: attenzione, non per ragioni religiose, ma di comportamento! Questi non hanno rispetto per noi bergamaschi!

    2. Scritto da Mister Bean

      bergamasco, figlio di bergamaschi pure io. Voto contro.
      uno a uno.

      1. Scritto da Gennaro Cacioppo

        Va be sono bergamasco anch’io e sono a favore.

  10. Scritto da per le precisione

    “…La legge è chiara e prevede che si debbano rispettare le regole e alcuni requisiti, non da ultimo la sicurezza…” Quindi via lo stadio da Bergamo ? MAGARI !!!