BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Elena Morali: Ho rischiato di non camminare più per una caduta con gli sci

Brutta disavventura durante le vacanze natalizie per la soubrette bergamasca, che è rimasta vittima di un grave incidente sulla neve: "Mi son rotta in dieci pezzi ginocchio, tibia e perone. L'operazione in ospedale è durata ben sei ore"

Più informazioni su

Brutta disavventura per la soubrette bergamasca Elena Morali durante le vacanze natalizie. L’ ex pupa è rimasta vittima di un grave incidente sulla neve.

Sulla propria pagina Facebook la Morali ha ricostruito quanto accadutole pochi giorni prima di Natale, con un incidente sulle piste da sci che le è costato un’operazione nell’ospedale di Bergamo durata ben sei ore: "10 giorni fa ho rischiato di non poter più camminare. Ho avuto un brutto incidente sulle piste da sci (sport che io amo da quando son piccola) e nella caduta ho picchiato testa, schiena, gambe. Tutto.

Fortunatamente avevo sia il casco che il paraschiena, ma la gamba e’ stata meno fortunata perché lo sci non si è’ staccato. Mi son rotta in 10 pezzi ginocchio, tibia e perone. Dopo questa operazione durata sei ore, potrò tornare come prima iniziando dalla riabilitazione. Un grazie speciale ai medici e tutti gli infermieri dell’ospedale di Bergamo".

Elena si è trovata ad affrontare un altro duro momento nella sua vita, dopo aver superato le persecuzioni del suo stalker. Un incubo durato oltre un anno, con la persecuzione “virtuale” da parte di un ragazzo modenese di 26 anni che aveva fatto della bionda Morali il bersaglio di attenzioni morbose, che con il tempo si erano trasformate in una vera e propria persecuzione. Un amore ossessivo quello del giovane, che aveva approcciato la showgirl su Facebook, tempestandola di messaggi in chat e inviandole addirittura materiale pornografico e pedopornografico.

Dai complimenti si era poi passati alle reiterate minacce di morte, come la stessa Elena Morali aveva dichiarato alla stampa. “La tua fine è vicina, ti farò a pezzetti e li raccoglierò in un sacchetto di plastica che manderò a tua madre. Solo due mesi, ricorda, poi hai finito di mentire”, scriveva via sms. Una brutta vicenda che si era conclusa con la denuncia per atti persecutori nei confronti dello stalker.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da davide

    ma per favore….

  2. Scritto da lex

    ma chi e’?

    1. Scritto da jack

      infatti..