BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

AAA Vendesi le caserme Montelungo e Colleoni Ma Demanio cede ai privati fotogallery

Un lungo elenco di beni immobili che, non avendo gli enti pubblici richiesto prelazione, ora vanno sul mercato. Il Demanio si rivolge quindi ai privati e cede aree e immobili di prestigio: nell'elenco pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale ci sono anche due caserme bergamasche la Montelungo e la Colleoni.

Il Demanio vende ai privati le caserme Montelungo e Colleoni a Bergamo. Dopo che nessun ente pubblico ha chiesto diritto di prelazione, ora gli immobili vanno sul mercato. In un elenco allegato al decreto del Ministero dell’Economia pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 4 gennaio, figurano due immobili di grande interesse a Bergamo: le caserme Colleoni e Montelungo.

Bergamo non è l’unica città a restare ferma di fronte a questa opportunità. Basta scorrere l’elenco allegato al decreto per accorgersi che sul mercato finiscono anche la caserma Mazzoni a Bologna, l’antica sede vescovile di via delle Monache a Trieste, il Palazzo degli Esami di Stato di via Induno a Roma, l’ex fabbrica di armi di via Guido Reni a Roma, caseggiato del disciolto Pnf di via Giustiniani a Genova, gli ex magazzini di commissariato Taliedo a Milano, l’arsenale militare di Pavia, la caserma Vittorio Veneto, Villa Tolomei e palazzo Buontalenti a Firenze, le isole di Sant’Angelo delle Polveri e di San Giacomo in Palude a Venezia, Palazzo Duodo a Venezia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luciano Avogadri

    Spero proprio che ci si liberi e non si inventi qualche altro modo per buttar via denaro pubblico. Prima si vende meglio e’.

  2. Scritto da Gio

    Giusto qualche settimana fa leggevo un articolo in cui qualcuno dal comune spiegava che aspettavano l’ok del demanio per utilizzare la montelungo… Ora si scopre che nessuno aveva chiesto niente… A me non piace essere preso per….!!!

    1. Scritto da ru

      Aria fritta…a mio avviso non diversa dal sermoncino che Gori scrisse su uno dei vari quotidiani nella sua “corsa” pre-elettorale. Se non si hanno i soldi o le vie per trovarli, i progetti valgono poco, anzi…aria fritta.

  3. Scritto da domenico

    Ma non c’era un accordo di partecipazione all’acquisto di queste caserme con i soldi derivanti dalla valorizzazione delle altre quattro caserme della città. Che fine hanno fatto questi soldi?

  4. Scritto da sepp

    qualcuno mi sa segnalare una sola cosa (anche piccola) rispetto alla quale Tentorio non è rimasto fermo immobile durante il suo mandato? siamo una città con l´encefalogramma piatto: __________________________________________

    1. Scritto da evvai

      di sicuro … bancarelle, “cultura, spettacoli”. Ma io starei tranquillo….con Gori,Tentorio ha una seria possibilità di continuare il suo mandato. Il suo motto vincente? “Meglio far poco, che far tanti sbagli”. E degli errori di Bruni ci sono ancora (non poche) tracce.

      1. Scritto da sepp

        bancarelle??? scherzi o dici sul serio??? sulla cultura meglio lasciar stare… basta vedere l’ offerta di mostre ed eventi di questo natale… (per fortuna Milano non è lontana). I fatti parlano chiaro: Tentorio è stato il peggior sindaco di tutti i tempi. Anche il Trota farebbe meglio.

        1. Scritto da Raf

          Peggio di Bruni è difficile. Il muro di via Autostrada ti dice niente?

          1. Scritto da sepp

            uno dei pochi edifici ben fatti a BG negli ultimi anni: elegante, pulito e città alta la si vede comunque da tanti altri angoli. Per il resto… Bruni era un sindaco normale. Nulla di paragonabile alla incredibile situazione attuale.

  5. Scritto da Reservoir

    A dire il vero, visto che il soggetto è plurale, si dovrebbe scrivere “Vendonsi le caserme”.