BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tre furti in quattro anni Il sindaco di Vertova: “La politica intervenga” fotogallery

Il sindaco di Vertova, Riccardo Cagnoni, dopo l'ennesimo furto in casa nella notte di Capodanno scrive una lettera aperta a tutte le forze di governo e dell'opposizione e chiede di affrontare seriamente il tema della sicurezza. "Le ronde: deprecabili? Può darsi, ma i cittadini chi e come li tuteliamo?".

Un furto in casa nella notte del 31 dicembre, il terzo in quattro anni. Il sindaco di Vertova, Riccardo Cagnoni stanco dopo l’ennesimo colpo prende carta e penna e scrive una lettera aperta che pubblichiamo integralmente.

 

A tutte le forze politiche di governo e di opposizione

Illustrissimi,

mi permetto di inviarVi questa lettera in quanto anch’io come sindaco rappresento le istituzioni e come tale sulle Istituzioni ho sempre riposto la mia massima fiducia e stima. Non Vi nego tuttavia che in questo momento provo enorme fatica a conservare questa fiducia e non nascondo che prevale in me un sentimento di impotenza sia come sindaco che come cittadino. Nella sera di capodanno ho subito l’ennesimo furto in casa (il terzo in quattro anni), nonostante la presenza del sistema di allarme, regolarmente attivatosi, ma soprattutto in quattro minuti i ladri hanno devastato la camera con mazza e smerigliatore violando quello che ciascuna famiglia ha di più caro: la propria intimità.

Il fenomeno dei furti negli appartamenti come noto si è particolarmente accentuato negli ultimi anni e neanche Vertova, comune nel quale sono stato eletto da quasi dieci anni sindaco, ne è rimasto estraneo. La sicurezza, ma ancor più la percezione della sicurezza da parte dei cittadini, nei nostri paesi ha ormai toccato un livello bassissimo e preoccupante. In alcuni paesi sono nati movimenti organizzati di cittadini per effettuare autonomamente un’attività di controllo del territorio che alcuni hanno definito, con tono dispregiativo, “ronde”.

Deprecabili? Può darsi, ma i cittadini chi e come li tuteliamo?

Si sono moltiplicate le assemblee ed i dibattiti pubblici, ai quali io stesso ho presenziato, che di positivo hanno lasciato solo una folta partecipazione sintomo di un’attenzione ed una preoccupazione elevata per il dilagarsi del fenomeno, e dalle quali è emerso un coro unanime: la gente reagisce in modo talvolta scomposto ma reagisce perché non si sente tutelata. Le forze di polizia fanno quel che possono ma combattono una battaglia impari, con scarsi mezzi e personale e contro un nemico che ha poco o nulla da perdere. Fra la gente c’è forse qualcuno spinto da sentimenti vendicativi ma la larghissima parte chiede soltanto giustizia, quella giustizia che non otteniamo certamente con provvedimenti di clemenza come l’indulto ma al contrario con l’inasprimento e con l’applicazione certa della pena. Se vogliamo affrontare seriamente il problema dobbiamo smetterla col falso buonismo e non pensare che il sovraffollamento delle carceri sia risolvibile soltanto liberando i delinquenti.

E’ da oltre 30 anni che ne sentiamo parlare. Se ogni parola spesa al riguardo fosse un mattone oggi avremmo già costruito carceri in misura sufficiente. Credo che sia veramente arrivato il momento di dire basta. Sentiamo continuamente parlare di agenda del governo, ritengo che sia opportuno ascoltare una volta tanto quanto proviene dal territorio, dalla gente, rispondendo alla sua richiesta di sicurezza mettendo al primo posto di questa agenda la legalità. Cordialmente.

Riccardo Cagnoni

Sindaco di Vertova

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sére

    Solidarietà al cittadino di Vertova, preso di mira dai ladri.
    Non conosco le precedenti opinioni del signor Cagnoni, ma per scrivere la lettera pubblica, non sono bastati i furti a raffica per tutta la valle Seriana, é stato necessario che il furto (l’ennesimo!)avvenisse nella sua propria abitazione. Confido non si debba sperare che rubino 4 volte per ogni politico, prima che si diano una mossa!!! (con tutti i politicanti che abbiamo in groppa: dovremmo aspettare le famose calende greche!)

  2. Scritto da Piero

    Sembra che l’abbiano preso di mira, magari per questioni terze: 3 furti in quattro anni, non è la media che capita ad ogni famiglia… Comunque, ronde sì!

  3. Scritto da Luca Lazzaretti

    Condivido le parole del sindaco, e spero che il PD si dia una mossa sul fronte della sicurezza e della certezza della pena! E niente indulti o amnistie, si facciano carceri come si deve, a norma, rispettando l’essere umano, ma la pena devi scontarla fino in fondo!