BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il ministro Cancellieri: “L’omicidio stradale sarà reato entro gennaio”

Se ne parla da anni, ma nessun governo ha mai fatto il passo decisivo per l'approvazione. Il ministro della Giustizia AnnaMaria Cancellieri ha annunciato che entro gennaio verrà istituito il reato di omicidio stradale. La misura dovrebbe essere inserita in un pacchetto di nuove norme sulla giustizia. L'obbiettivo è di garantire pene più severe contro chi provoca incidenti mortali e risarcimenti sicuri per i famigliari delle vittime.

Più informazioni su

Se ne parla da anni, ma nessun governo ha mai fatto il passo decisivo per l’approvazione. Il ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri ha annunciato che entro gennaio verrà istituito il reato di omicidio stradale. La misura dovrebbe essere inserita in un pacchetto di nuove norme sulla giustizia. L’obbiettivo è di garantire pene più severe contro chi provoca incidenti mortali e risarcimenti sicuri per i famigliari delle vittime. «Entro gennaio porterò in Consiglio dei Ministri un pacchetto di norme sulla giustizia che conterrà anche l’introduzione del reato di omicidio stradale” – ha spiegato il 1 gennaio il ministro Cancellieri. Di recente, a metà novembre, il ministro dell’Interno Angelino Alfano aveva reso noto che proprio sul reato di omicidio stradale era stato attivato con il ministero dei Trasporti un gruppo di lavoro per verificarne praticabilità ed efficacia.Dal punto di vista penale, la base è quella prevista dal reato di omicidio colposo, contemplando però nei casi più gravi – ad esempio lo stato di ubriachezza oppure l’assunzione di sostanze stupefacenti – che si possa arrivare fino a una pena di dieci anni. In sostanza la gradualità della condanna dovrebbe essere stabilita sulla base delle condizioni psicofisiche del guidatore e anche sul comportamento tenuto dopo l’incidente. 

Rischierà dunque una pena alta anche chi non si ferma per prestare soccorso o comunque cerca di sottrarsi alle proprie responsabilità dopo aver investito un’altra autovettura oppure persone che vanno in motorino o a piedi. Senza escludere la possibilità di prevedere l’arresto obbligatorio nei casi più gravi. Sono i dati diffusi dalla polizia stradale a dimostrare la necessità di adottare strumenti efficaci tenendo conto che nei primi dieci mesi del 2013 su circa un milione e mezzo di infrazioni contestate, ci sono stati oltre 18 mila denunce per guida in stato di ebbrezza e oltre 1.000 per chi invece era sotto l’effetto di droghe. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da max

    perfettamente inutile aggiungere reati e leggi per regolamentare regolamenti e leggi che già ci sono e che non vengono fatti rispettare viene da chiedersi se si vuole creare solo caos oppure si mira solo a fare cassa o a prendere voti

    1. Scritto da chaos ab ordo

      ricordo che sulla banconota da un dollaro altre a vari simboli massonici anche la frase “prima il caos poi l’ordine”. ti lascio quindi immaginare cosa ci sia in azione per realizzare il fetido Nuovo ordine mondiale. questi di solito per ottenere quello che vogliono fanno “due passi avanti ed uno indietro”. anche se dissimulato un risultato è stato ottenuto verso il caos (vedi grecia ecc)

  2. Scritto da nino cortesi

    Ho sognato che un Tir la ……….

  3. Scritto da Gaetano Bresci

    …se non fosse così fumoso il concetto di “drogato” in Italia; nell’ipotesi di investimento di un ciclista senza luci, potrei beccarmi anni di galera se trovato positivo al THC (magari una canna fumata ore prima) e scamparla se obnubilato da medicinali o troppa stanchezza ?

  4. Scritto da Pippo

    Ma questa qui è ancora in circolazione?

  5. Scritto da Mark

    E’ inutile aggiungere un nuovo reato se già non si fanno rispettare gli altri.

  6. Scritto da Mark

    E’ inutile aggiungere un nuovo reato se già non si fanno rispettare gli altri.

  7. Scritto da il polemico

    inaspriscono le pene,poi tra indulto,patteggiamento,sconti e amicizie con lo stesso ministro,si esce poco dopo,come è sempre accaduto,senza contare che chi commetterà questo reato,sarà invogliato a fuggire,o per paura,o perchè è clandestino,ubriaco,drogato o altro….per me cambierà poco

    1. Scritto da cambierà... cambierà ...

      caro polemico, cambierà eccome: se ti capita un incidente, sottolineo incidente, nel quale avviene un decesso, sarà estremamente difficile per la persona sfuggire alla massima pena, che verrà decretata in primis dai mass media ed a seguire dalla “giustizia”. Naturalmente all’opposto per chi è clandestino,ubriaco,drogato o altro….scenderanno in campo i “soliti” difensori come si è notato in molti altri casi