Aziende family friendly Presentazione delle domande prorogata al 31 dicembre - BergamoNews
Il premio

Aziende family friendly Presentazione delle domande prorogata al 31 dicembre

E’ prorogata al 31 dicembre la scadenza per la presentazione delle domande per partecipare alla seconda edizione del Premio “Aziende family friendly”, istituito dalla Camera di Commercio di Bergamo.

E’ prorogata al 31 dicembre la scadenza per la presentazione delle domande per partecipare alla seconda edizione del Premio “Aziende family friendly”, Premio istituito dalla Camera di Commercio di Bergamo, in collaborazione con la propria Azienda Speciale Bergamo Sviluppo, il Comitato per la Promozione dell’Imprenditorialità Femminile, la Consulta delle Politiche Familiari del Comune di Bergamo, la Provincia di Bergamo – Settore Istruzione, Formazione, Lavoro, Sicurezza Lavoro e Pari Opportunità -, la Consigliera di Parità della Provincia di Bergamo e la Asl di Bergamo e che vede il sostegno del sistema associativo locale.

L’iniziativa è rivolta a tutte le imprese private (di ogni settore e forma giuridica), con sede in provincia di Bergamo, che stiano realizzando comportamenti/esperienze/iniziative, extra contrattazione obbligatoria, a favore dei dipendenti in tema di pari opportunità nella gestione/organizzazione del lavoro interno o di welfare aziendale/interaziendale che ne faciliti la conciliazione vita-famiglia-lavoro. Le aziende interessate trovano la domanda da compilare sul sito di Bergamo Sviluppo, nella sezione news scorrevoli. Nella domanda sono riportati esempi che aiutano le imprese a identificare, in ognuna delle 6 categorie del Premio, l’ambito di intervento più vicino a quello adottato/messo in atto internamente.

Di seguito si riportano alcune azioni, nell’ambito delle quali le imprese possono identificare proprie iniziative/comportamenti adottati, che rientrano tra quelli che si possono indicare nella domanda di adesione al Premio:

– programmi di formazione continua, oltre gli obblighi di legge, per favorire i percorsi professionalizzanti e/o di carriera maschile e femminile;

– diffusione/sensibilizzazione, all’interno e all’esterno dell’impresa, di informazioni sui temi della parità tra i generi e della conciliazione;

– flessibilità dell’orario di lavoro e organizzazione del lavoro condivisa, ossia organizzata con il coinvolgimento del personale impiegato;

– estensione dei benefici previsti dalla Legge 53 per i congedi parentali;

– attivazione di servizi di orientamento professionale, formazione, counselling e/o coaching per facilitare il rientro dopo i congedi fruiti;

– interventi per agevolare i lavoratori con bimbi o per aiutare le famiglie con figli;

– interventi e/o agevolazioni economiche per supportare i lavoratori con familiari anziani o malati/diversamente abili a carico;

– interventi “salva-tempo” o per agevolare la gestione domestica dei dipendenti;

– interventi per salvaguardare la salute dei dipendenti, estendibili eventualmente anche ai familiari;

– realizzazione di iniziative per creare il coinvolgimento dei dipendenti e/o dei loro familiari

– partecipazione dell’azienda, a livello economico, alla creazione/potenziamento di uno o più servizi presenti a livello territoriale;

– partnership con enti e istituzioni locali e non, aventi natura culturale, sociale, ecc. fruibili da soggetti anche diversi dai propri dipendenti e dalle loro famiglie.

L’iniziativa punta a valorizzare i comportamenti “family friendly” adottati dalle imprese bergamasche nei confronti dei propri dipendenti: le imprese vincitrici otterranno spazio e visibilità in modo che le azioni da esse intraprese possano essere ulteriormente diffuse per spronare altre imprese del territorio a creare ambienti aziendali sempre più "family friendly".

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it