In memoria di don Gallo A Zogno ci sono Vauro e gli Ottocento - BergamoNews
Valbrembana

In memoria di don Gallo A Zogno ci sono Vauro e gli Ottocento

Il vignettista sabato 14 dicembre prenderà parte all’inaugurazione dell’esposizione dedicata al sacerdote partigiano fondatore della comunità San Benedetto di Genova. Insieme a lui ci saranno diversi ospiti e la musica degli Ottocento con le cover di De Andrè.

Vauro Senesi sarà a Zogno. Famoso per la sua presenza nei talk-show di Michele Santoro, prima “Annozero” e ora “Servizio pubblico”, il vignettista sarà l’ospide d’eccezione all’inaugurazione della mostra organizzata dalla Tavola della pace della Valbrembana in memoria di don Andrea Gallo.

L’appuntamento è sabato 14 dicembre alle 15 nella sala polivalente delle scuole medie di Zogno. Prenderanno parte all’evento anche Lilliana”Lilli” Zaccarelli e i ragazzi della Comunità di San Benedetto al Porto in Genova, fondata dal sacerdote partigiano. Questa realtà, che è uno di quei gruppi impegnati sul fronte delle marginalità sociali, accoglie tutti coloro che si trovano in situazione di disagio, con particolare attenzione al mondo della tossicodipendenza, dell’alcool e delle problematiche di natura psichica.

Il pomeriggio, infine, sarà allietato dalle canzoni degli Ottocento, che eseguiranno le cover dei brani più amati di Fabrizio De Andrè. La figura di Faber è sempre stata legata a quella di don Gallo: infatti, in moltissimi suoi interventi il sacerdote amava citare il “Vangelo secondo De Andrè”, per indicare la necessità di avere gli orizzonti ampi e la mente aperta, proprio seguendo l’esempio e sulla poesia del cantautore genovese.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it