BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Valle di Scalve Ciaspolata nel bosco verso la Diga del Gleno

La nostra rubrica dedicata alla montagna ci porta su uno dei sentieri più conosciuti e frequentati della Valle di Scalve, quello che da Pianezza conduce alla diga del Gleno: la scelta è quella di affrontarlo con le ciaspole perché con la neve l’itinerario assume tutto un altro fascino.

a cura di PREALPI in collaborazione con Andrea Morini

La Diga del Gleno é oggi meta di escursionisti dalla valle e fuori, in tutte le stagioni dell’anno; tutti conoscono la tragica storia e tutti vogliono “toccare con mano” il luogo estremamente affascinante sia dal punto di vista storico sia naturalistico. Il sentiero che da Pianezza conduce alla diga del Gleno é di sicuro uno dei più conosciuti e frequentati; noi abbiamo scelto il mese di dicembre per la nostra esplorazione poiché, con la neve, diga e valle assumono un fascino particolare.

Lasciata l’auto a Pianezza, indossiamo le ciaspole e ci incamminiamo in uno stretto vicolo tra le case che porta, in poche decine di metri, all’imbocco del sentiero seguendo una comoda mulattiera e i muretti a secco che delimitano, nella bella stagione, pascoli e campi. Il percorso prosegue rettilineo per alcuni metri poi devia a destra passando accanto una baita. Si prosegue quindi lungo la mulattiera immergendosi in un boschetto di faggi completamente ricoperti di bianchissimi cristalli di neve.

All’uscita dal boschetto uno spiazzo corrisponde ad un primo bivio; noi prendiamo a sinistra per “Diga del Gleno”, entrando così in un bosco di pini mughi, larici e ginepri. Dopo poche centinaia di metri un nuovo bivio ci porta ancora una volta a sinistra e un rapido susseguirsi di tornanti fa salire velocemente in quota costeggiando il tubo della condotta forzata dell’acqua.

Raggiunta la località Paragulì, costruzione di cemento da cui parte la condotta dell’acqua, il sentiero diventa pianeggiante verso Nord-Ovest contornando i ripidi fianchi della montagna in alcuni punti scavato direttamente nella roccia viva (prestare molta attenzione su questo tratto di sentiero, il ghiaccio è spesso presente, nascosto sotto la neve!).

Puoi leggere il resto dell’itinerario e scaricare gratuitamente la rivista completa Prealpi qui.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.