Quantcast
Tragedia di Pontida Indagato il capostazione L'accusato: 'Sono distrutto' - BergamoNews
L'inchiesta

Tragedia di Pontida Indagato il capostazione L’accusato: ‘Sono distrutto’ fotogallery video

Il pubblico ministero Maria Cristina Rota ha iscritto nel registro degli indagati il capostazione di Ambivere che la mattina di giovedì 7 novembre avrebbe premuto il pulsante per far sollevare le sbarre del passaggio a livello. Il treno ha proseguito nella sua corsa e a Ca' de Rizzi ha investito un'ambulanza: nell'impatto sono morti Umberto e Claudio Pavesi, padre e figlio di 79 e 49 anni.

Dopo la tragedia il dolore e la ricerca della verità per cercare di capire che cosa sia successo. Che cosa ha causato la morte di due persone la mattina di giovedì 7 novembre, quando le sbarre del passaggio a livello di Ca’ de Rizzi si alzano, un’ambulanza passa e viene investita e travolta dal treno.

Uno schianto violento in cui sono morti Umberto Pavesi, 79 anni, e il figlio Claudio di 49 entrambi di Filago.

Dopo aver sentito testimoni, ascoltato il macchinista, verificato i tracciati e la memory card del passaggio a livello il pubblico ministero Maria Cristina Rota ha iscritto nel registro degli indagati il capostazione di Ambivere: Aurelio Carminati di Bottanuco.

Il fascicolo aperto riporta l’accusa di disastro ferroviario e omicidio plurimo colposi. Un errore umano quindi, come confermava il pm Rota già dopo le prime testimonianze raccolte e i tabulati raccolti dalla Polfer.

Anche se il capostazione di Ambivere subito dopo la tragedia ripeteva e affermava che "Quel pulsante l’ho schiacciato io, ma quando era il momento di farlo". E saputa l’accusa che gli viene rivolta dalla Procura di Bergamo afferma: "Sono distrutto, penso a quei morti giorno e notte. Io sono intervenuto quando l’operazione andava fatta" si difende l’uomo.

Intanto le indagini proseguono. C’è un nodo ancora da chiarire: perché quel sistema era difettoso? E da quanto tempo? Secondo alcuni testimoni, quella mattina, un’ora prima che il convoglio Bergamo-Lecco travolgesse l’ambulanza le sbarre del passaggio a livello erano rimaste abbassate per oltre venti minuti. Lo raccontano alcuni automobilisti che rimasero in colonna in attesa che le sbarre si alzassero.

L’episodio si è ripetuto anche alle 9.42 di giovedì 7 novembre. Dopo dieci minuti le sbarre si erano alzate, l’ambulanza riprese il suo tragitto e sui binari si scontrò con il treno. Per l’autista dell’ambulanza era impossibile evitare l’impatto, la visuale è ridotta perché i binari costeggiano una collina ricoperta di alberi.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Il treno dopo l'incidente
L'incidente
Pontida, treno investe ambulanza: morti padre e figlio
Una delle immagini della tragedia di Pontida
Il racconto
Tragedia di Pontida, la testimone: “Ho visto volare pezzi d’ambulanza”
Il sindaco Vanalli e il pm Rota
I commenti
Tragedia di Pontida Pm: “Sequestrato materiale stabiliremo responsabilità”
Incidente Pontida
La nota
Incidente Pontida, Trenord: “Accertamenti tecnici per chiarire la vicenda”
Ambulanza travolta a Pontida
Le indagini
Pontida, errore umano? Pm: accertamenti in corso interrogate due persone
L'ambulanza distrutta dopo lo schianto
Le indagini
Incidente di Pontida L’errore sulle sbarre dalla stazione di Ambivere
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI