• Abbonati
Urbanistica

Piazzale della stazione Movimento 5 stelle: “Fallimento per la città”

Pubblichiamo la nota del Movimento 5 Stelle di Bergamo in merito alla riqualificazione del piazzale della stazione. Nelle scorse settimane cittadini ed esperti hanno espresso perplessità sul risultato dei lavori. Ora anche il Movimento 5 Stelle stronca la ristrutturazione.

Pubblichiamo la nota del Movimento 5 Stelle di Bergamo in merito alla riqualificazione del piazzale della stazione. Nelle scorse settimane cittadini ed esperti hanno espresso perplessità sul risultato dei lavori. Ora anche il Movimento 5 Stelle stronca la ristrutturazione:

Senza mezzi termini riteniamo che la piazza realizzata sia un fallimento per la Città sia per l’aspetto estetico che per quello funzionale Recentemente le testate giornalistiche locali hanno preso nota delle diverse opinioni a riguardo riportando tra le varie anche una lettera da parte del Sindaco dal tono informale che, riteniamo, si concili poco con l’importanza della questione, concentrandosi molto sull’aspetto estetico dell’opera senza entrare nel merito della sua funzionalità. Il progetto doveva comprendere che la piazza fosse utile alla mobilità e facilmente fruibile, risultando gradevole nella visione e vivibilità; il progetto avrebbe dovuto inoltre realizzare un’uscita dalla stazione scenografica, non solo per la visione di Città Alta, ma per il suo intorno. tutto ciò è stato disatteso. L’impressione che se ne trae è che si sia trattato di una operazione di maquillage urbano molto superficiale. Su questo tema si è espresso anche l’Ordine degli Architetti rimarcando l’inadeguatezza dei metodi utilizzati per arrivare a questa soluzione. A nostro avviso, al di là del metodo utilizzato, rimane la miopia dell’Amministrazione Pubblica che non ha saputo dare una visione chiara del tipo di città desiderabile ai progettisti ovvero non ha saputo gestire e governare una trasformazione importante per la città.

All’amministrazione ci piacerebbe anche rivolgere alcune domande, per esempio: perché non è stata interpellata la sovraintendenza per i beni architettonici? Perché è stato pagato un architetto di grido per un progetto per poi farlo stravolgere dai tecnici? O ancora su come è stata gestita la gara d’appalto con punteggio al ribasso e proposte migliorative a cui è stato in seguito recuperato il ribasso, questo sì, ma le modifiche migliorative non si sono ancora viste. Aldilà dell’estetica i principi di funzionalità sono fortemente disattesi. La distanza di connessione tra le stazione dei treni e degli autobus è di fatto aumentata, manca una connessione fisica tra stazione e tram, le pensiline poco riparate e con scarso livello di accessibilità per anziani e disabili, le biciclette ignorate dalla riqualificazione dell’area e relegate a ruolo marginale, assenza di segnaletica e criteri caotici per le fermate delle autolinee.

In vista dell’EXPO 2015 e successivamente per la candidatura di Bergamo 2019 Capitale della Cultura, riteniamo opportuno prevedere interventi mirati di adeguamento funzionale della piazza, ben consci che la collettività non vorrà, né potrà sobbarcarsi ulteriori oneri. A questo avviso, si auspicano soluzioni a basso costo se non a costo zero, coinvolgendo anche sponsor privati, oltre all’esercizio di tutte le possibili garanzie e contestazioni che si rendessero necessarie .

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
Più informazioni
leggi anche
Generico
Bergamo
Piazzale della stazione, alberi abbattuti Flash mob di protesta
Piazzale della stazione
Bergamo
Piazzale della stazione in leggero ritardo Ecco le immagini
Piazzale Marconi rimesso a nuovo
Bergamo
Piazzale Marconi a nuovo si presenta alla città Ti piace? Dì la tua
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI