• Abbonati
Politica

Vitalizi d’oro in Regione C’è anche Patelli, ex cassiere della Lega Nord

Repubblica continua l’inchiesta sui vitalizi che ogni mese Regione Lombardia dà a suoi ex consiglieri: 620 mila euro distribuiti a esponenti politici eletti nellòe passate legislature. Dopo lo stop imposto sulle generalità dei beneficianti, il quotidiano è riuscito a carpire qualche nome. C’è anche il bergamasco Alessandro Patelli, ex segretario amministrativo della Lega Nord.

Ecco nomi e cognomi. Repubblica continua l’inchiesta sui vitalizi che ogni mese Regione Lombardia dà a suoi ex consiglieri: 620 mila euro distribuiti a esponenti politici eletti nellòe passate legislature. Dopo lo stop imposto sulle generalità dei beneficianti, il quotidiano è riuscito a carpire qualche nome. C’è anche il bergamasco Alessandro Patelli, ex segretario amministrativo della Lega Nord, divenuto celebre per essersi dato del pirla dopo aver ricevuto una tangente da 200 milioni durante Tangentopoli. Il suo vitalizio ammonta a 3mila 686 euro lordi al mese.

E gli altri? L’ex leader del Movimento studentesco Mario Capanna – scrive Repubblica -, eletto dal ’75 all’80 (3mila 159 euro lordi al mese); Benito Benedini, eletto nel Partito repubblicano, industriale, ex presidente di Assolombarda, oggi presidente della Fondazione Fiera (2mila 331 euro lordi al mese); Giampiero Borghini, sindaco di Milano per un anno, ex assessore regionale e poi city manager di Letizia Moratti a Palazzo Marino (5mila 898 euro lordi al mese). Carlo Ripa di Meana, che fu eletto consigliere regionale per il Psi alle prime elezioni regionali nel 1970 e di cui poi in Lombardia si sono perse le tracce, percepisce un vitalizio dal Pirellone di 2mila 391 euro lordi mensili. Nella lista compare anche l’ex funzionario pci Roberto Vallini, eletto consigliere nel 1975 e poi, terminato il mandato, tornato all’attività di giornalista: prende un vitalizio mensile di 3mila 150 euro lordi. Il primo presidente della Lombardia, Piero Bassetti (2mila 391 euro lordi al mese), l’ex vicepresidente socialista Ugo Finetti (2mila 878 euro lordi mensili), gli ex presidenti Giuseppe Guzzetti (1979-’87) e il suo successore Giuseppe Giovenzana (1989-’92): il primo percepisce un vitalizio mensile di 4mila 782 euro lordi, il secondo di 2mila 368.

Il più ricco tra gli ex consiglieri regionali è il ciellino Luciano Valaguzza. Prende un assegno mensile di 6mila 319 euro lordi dal luglio 2005. Dopo aver versato contributi per 274mila euro ne ha già portati a casa ben 614.360. Nonostante le cifre, mai smentite, il presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo sostiene che non ci sia “nessuno scandalo perché quello che stiamo facendo è piuttosto di rivedere al ribasso anche i vitalizi già erogati sulla base delle leggi allora vigenti. Ciò era già previsto in un ordine del giorno approvato in Consiglio regionale lo scorso giugno".

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Generico
I bergamaschi
Ecco il vitalizio degli ex parlamentari Pandolfi record: 9512 euro al mese
Consigliere regionale
Consiglio regionale
Petizione anti vitalizio, Sola raccoglie oltre 800 firme in 12 ore
Gabriele Sola
Regione lombardia
Sola contro il vitalizio, ma “costretto” ad incassare il rimborso da 70 mila euro
Regione Lombardia
Il caso
Scandalo vitalizi, alla Regione costano 620 mila euro al mese
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI