Editoria

Laureati e docenti a confronto sulla nuove frontiere del digitale

Giovedì 24 ottobre alle 18 a “La Vecchia Filanda di Brusaporto” terzo appuntamento il ciclo di incontri dei laureati organizzato da LUBERG, l'associazione dei laureati dell'università di Bergamo

E’ in programma giovedì 24 ottobre alle 18 a “La Vecchia Filanda di Brusaporto”, in via Cesare Battisti 6, il terzo incontro dei laureati organizzato da LUBERG. La serata, che sarà dedicata al tema delle nuove frontiere del digitale, vedrà confrontarsi laureati, docenti universitari ed esperti di information technology ed editoria sul ruolo e gli effetti delle nuove tecnologie nella società contemporanea.

Il programma dell’incontro prevede i seguenti contributi:

– La convergenza digitale e internet come innovazione trasversale (Gianfranco Giardina – DDay.it, Direttore Responsabile)

– Sviluppi futuri e prospettive delle tecnologie digitali (Vincenzo Esposito – Microsoft, Direttore Div. Piccole / Medie Imprese e Partner)

– Effetti dei media digitali sulla società e sull’individuo (Marco Lazzari – Università di Bergamo, Presidente Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione)

In chiusura è previsto un dibattito con libero confronto fra relatori e partecipanti e cui seguirà un buffet informale.

La partecipazione all’incontro è aperta a tutti i soci, ai laureati e agli studenti dell’Università di Bergamo che desiderano confrontarsi sul tema, condividere idee o progetti professionali, stringere nuove relazioni o riallacciare rapporti con ex colleghi. Gli incontri dei laureati – che si tengono con frequenza periodica in forma di conferenza, tavola rotonda, dibattito, hanno per oggetto temi di interesse ambientale, economico, sociale, culturale o artistico – nascono dalla volontà di LUBERG di offrire eventi di approfondimento su temi dell’attualità.

Il primo incontro si è tenuto il 20 marzo scorso al Teatro Donizetti e ha visto il confronto fra laureati e neolaureati sugli obiettivi dell’associazione; il secondo appuntamento è stato animato dal tema del Made in Italy come valore per distinguersi nell’attuale scenario economico.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI