Quantcast
Yara: Dna scagionerebbe il pedofilo padovano in carcere in Francia - BergamoNews
L'indagine

Yara: Dna scagionerebbe il pedofilo padovano in carcere in Francia

Ennesimo vicolo cieco nelle indagini sul rapimento e l'omicidio di Yara Gambirasio. Secondo alcune indiscrezioni, il test del Dna avrebbe infatti scagionato il cinquantenne di Padova in carcere per pedofilia in Francia.

Ennesimo vicolo cieco nelle indagini sul rapimento e l’omicidio di Yara Gambirasio. Secondo alcune indiscrezioni, il test del Dna avrebbe infatti scagionato il cinquantenne di Padova in carcere per pedofilia in Francia.

Gli inquirenti avevano sospettato di lui, perché ritenevano potesse essere figlio illegittimo di Giuseppe Guarinoni, l’autista di Gorno, deceduto, il cui Dna è compatibile con quello trovato sugli indumenti della ragazzina di Brembate sopra.

Il sospettato, infatti, è nato proprio nel periodo in cui il bergamasco ebbe una relazione extraconiugale e ha raccontato di essere stato lasciato in orfanotrofio quando era piccolo. Non solo: nel 2010, anno del rapimento di Yara, si trovava in Italia e avrebbe tentato di avvicinare qualche ragazzina bergamasca.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Yara Gambirasio
Il giallo
Donna uccisa a Lodi, le indagini riaprono il caso di Yara
Generico
Bergamo
“No alla violenza”, una giornata per ricordare Yara Gambirasio
Yara
Il giallo
Omicidio di Yara Il dna scagiona il killer di Lodi
Yara Gambirasio, il suo caso continua a tenere banco
Il caso
Yara, nuova pista E’ un pedofilo di Padova arrestato in Francia
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI