BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nobel al Bosone di Higgs Giannotti sarà a BgScienza “Un sogno che si avvera”

Il Nobel della fisica è stato conferito a Peter Higgs dell'Universita' di Edimburgo e al professor Francois Englert dell'Universita' di Bruxelles, ma parla anche italiano. Sono infatti oltre 600 i ricercatori italiani che hanno contribuito alla conferma delle teorie di Higgs con il loro lavoro all'Lhc di Ginevra. I principali sono Guido Tonelli e Fabiola Gianotti, amici di BergamoScienza, responsabili degli esperimenti principali che hanno portato al Nobel.

Il Nobel della fisica è stato conferito a Peter Higgs dell’Universita’ di Edimburgo e al professor Francois Englert dell’Universita’ di Bruxelles, ma parla anche italiano. Sono infatti oltre 600 i ricercatori italiani che hanno contribuito alla conferma delle teorie di Higgs con il loro lavoro all’Lhc di Ginevra. I principali sono Guido Tonelli e Fabiola Gianotti, amici di BergamoScienza, responsabili degli esperimenti principali che hanno portato al Nobel, e i cui nomi circolavano come possibili destinatari del premio insieme allo stesso Higgs.

La ricercatrice sarà ospite del festival sabato 12 ottobre proprio per parlare del Bosone di Higgs. Un incontro, quello in programma alle 18.30 al teatro Sociale, ancor più coinvolgente dopo la notizia del Nobel. Cinquantuno anni a fine ottobre, romana, Fabiola Gianotti e’ uno dei nomi di punta della fisica mondiale, inserita dal Time tra le persone piu’ importanti del 2012, subito dopo il presidente Obama, e tra le cento donne piu’ influenti del globo dalla rivista Forbes nella classifica del 2013.

Dal 2009 la scienziata e’ direttrice di ATLAS, l’esperimento principale che ha confermato l’esistenza del bosone di Higgs, sia pure con un piccolo margine di dubbio che non ha pero’ impedito all’Accademia di Stoccolma di conferire il Nobel allo scienziato. E’ stata proprio lei lo scorso 4 luglio ad annunciare al mondo per la prima volta l’osservazione della ‘Particella di Dio’. “Ho la pelle d’oca – ha dichiarato – "Non sono delusa di non esser stata inclusa fra i vincitori del Nobel, non mi aspettavo altro. Sono invece felice e molto emozionata per questa vittoria della fisica delle particelle. E’ tutto fantastico, un sogno che si avvera. Non c’e’ da stupirsi – ha precisato – perche’ non si da’ il Nobel a un esperimento che ha coinvolto migliaia di persone. Non e’ nella tradizione del Nobel neanche dare il premio a un istituzione, come il Cern. Quindi adesso ci godiamo questo che e’ sicuramente un bellissimo risultato".

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da surface

    Davvero hanno confermato l’esistenza del bosone di Higgs? In un universo esistente, nel tecnocomplex Cern, hanno sperimentato il passaggio dal vuoto all’addensamento spontaneo ubiqquitario di particella specifica che ha squilibrato il fatale annichilimento tra materia-antimateria, facendo sopravvivere una frazione di materia sufficiente a istaurare l’Universo ordinario? e quale sarebbe il corrispondente del bosone di Higgs per la materia oscura, ossia il 96% del restante Universo?

    1. Scritto da Bah !?

      Bah … hai provato a chiedere a Maria Stella ?