• Abbonati
Politica

Dietrofront di Berlusconi Fontana: “Ultima chance per il nostro paese”

Fino alla mattina di mercoledì sembrava scontato il voto contrario, invece il leader del centrodestra ha deciso autonomamente il dietrofront. Resettate anche le dichiarazioni di martedì dei parlamentari bergamaschi che alla fine hanno seguito le indicazioni del Cavaliere.

«Mettendo insieme le aspettative e il fatto che l’Italia ha bisogno di un governo che produca riforme istituzionali e strutturali abbiamo deciso, non senza interno travaglio, per il voto di fiducia». Con queste parole Silvio Berlusconi ha sancito la sopravvivenza del governo guidato da Enrico Letta. Un colpo a sorpresa, che ha spiazzato molti anche tra gli stessi parlamentari del Popolo della Libertà. Fino alla mattina di mercoledì sembrava scontato il voto contrario, invece il leader del centrodestra ha deciso autonomamente il dietrofront. Resettate anche le dichiarazioni di martedì dei parlamentari bergamaschi che alla fine hanno seguito le indicazioni del Cavaliere. “Non era così chiaro come sarebbe andata a finire – spiega Gregorio Fontana -, io spero che abbia fatto una scelta giusta. Io sinceramente ho partecipato ad assemblee in cui la linea emersa era tutt’altra. Abbiamo firmato una cambiale in bianco per senso di responsabilità, speriamo che sia ben utilizzata. E’ l’ultima chance per il paese. Mi aspetto che sulla pressione fiscale venga fatto qualcosa attraverso cancellazione Imu, Iva e legge di stabilità”.

Il coordinatore provinciale del Pdl Angelo Capelli ritiene quella di Berlusconi “una presa di posizione importante. Il Cavaliere ha riconosciuto che la scelta più utile era votare la fiducia e capire come ricomporre il quadro con i vertici del partito. Diciamo che è stata una sorpresa a metà. Berlusconi è una persona molto intelligente, sa leggere tutte le situazioni”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
Più informazioni
leggi anche
Silvio Berlusconi
Politica
Parlamentari bergamaschi Pdl: “Non voteremo la fiducia”
Berlusconi in Aula per la fiducia
Fiducia/2
Il governo Letta incassa la fiducia 235 sì, settanta no
Roberto Formigoni
In parlamento
Formigoni guida un gruppo autonomo Si chiamerà “I popolari”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI