BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gufi, lama e cavalli arabi La fiera di Sant’Alessandro un’opportunità di rilancio

Dal 6 all’8 settembre la nuova edizione della rassegna agricola al polo fieristico di via Lunga con tante novità, come la mostra di coccinelle. Malvestiti “E’ un’opportunità di crescita per tutto il settore, anche perché i dati in Bergamasca sono positivi”

“La fiera di Sant’Alessandro è un’opportunità di rilancio per l’intero settore sul territorio bergamasco”. E’ un entusiasta Giovanni Malvestiti, presidente della Camera di Commercio di Bergamo a presentare la nuova edizione della fiera di Sant’Alessandro in programma dal sei all’otto settembre al polo fieristico di via Lunga.

L’evento ultracentenario dedicato al mondo degli animali e dell’agricoltura negli anni è diventato un punto di riferimento a livello regionale per il mondo degli operatori agricoli, che hanno la possibilità valutare il meglio delle offerte in tema di macchinari, attrezzature e prodotti per agricoltura e zootecnia, e molto altro ancora.

Come consuetudine, infatti, la Fiera di Sant’Alessandro è anche un’autentica festa di fine anno per il mondo agricolo e i suoi tanti appassionati. Non a caso la Fiera attrae anche un numeroso pubblico non professionista, che tramite questo evento ha modo di apprezzare anche nei minimi dettagli le caratteristiche tipiche del mondo agricolo e del suo ricco indotto. La rassegna diventa così un’occasione per bambini e famiglie per entrare in contatto con una realtà spesso distante dalla vita quotidiana di chi vive in città.

“Siamo alla decima edizione del nostro evento –spiega Malvestiti- e tengo a sottolineare che siamo in crescita nelle esposizioni, seppur del 4 %. Ma in un momento come questo è un dato che non va trascurato. Abbiamo parecchi eventi importanti. Come quelli del mondo equino, con i cavalli arabi in esposizione. Altri di carattere ludico per rasserenare le nostre famiglie in un momento difficile”.

"La fiera di Sant’Alessandro è un appuntamento millenario –racconta Luigi Trigona, Segretario Generale di Fiera Promoberg-. Ricordo quando si svolgeva nel centro di Bergamo, lungo il Sentierone. Di anno in anno ha saputo rinnovarsi, arrivando fino ai giorni nostri con il medesimo entusiasmo. Il comparto agricolo è in crescita e non soffre la crisi. Questo fattore, unito ai numerosi eventi per il pubblico, rende la fiera molto appetibile per il pubblico. Cito per esempio la mostra di cavalli arabi, quella delle coccinelle, degli struzzi, oppure le varie fattorie didattiche. Poi le gare sui tronchi d’albero”.

Saranno in totale 204 gli espositori, su una superficie di 13mila metri quadrati interna e 15800 esterna. 400 in totale i capi di bestiame, con uno spazio particolare per i cavalli, che saranno 200 su un’area di 15800 metri quadrati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da terry

    non hanno citato che sabato sera c e un bellissimo spettacolo con carrozze cavalli stupendi e balli cancan e country alle 20.45

  2. Scritto da doge

    Grazie dell ‘informazione. Però Sabato e Domenica ( quando si presume che le famiglie siano a casa),si paga.
    Astenersi buontemponi a caccia di ovvietà

  3. Scritto da doge

    Il problema, secondo me, è che si paga troppo l’ ingresso : una famiglia di 4 persone, solo per entrare, spenderà 30 euro ( con il parcheggio), quindi, una volta all’ interno, quanto vorrà spendere?? poco o nulla.

    1. Scritto da 035

      venerdì l’entrata è gratis, se non sbaglio, e la Fiera chiude alle 22,30