BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giustizia, Pdl Bergamo in piazza per sostenere i referendum radicali

Il Pdl Bergamo scende in piazza per sostenere i referendum sulla giustizia promossi dai Radicali. Il 6 e 7 settembre saranno allestito gazebo in tutta la provincia per raccogliere le firme. In particolare, il Coordinamento Provinciale di Bergamo sostiene i quesiti sulla responsabilità civile dei magistrati, quello sui magistrati fuori ruolo, quello contro l’abuso della custodia cautelare e quello per la separazione delle carriere.

Il Pdl Bergamo scende in piazza per sostenere i referendum sulla giustizia promossi dai Radicali. Il 6 e 7 settembre saranno allestito gazebo in tutta la provincia per raccogliere le firme. In particolare, il Coordinamento Provinciale di Bergamo sostiene i quesiti sulla responsabilità civile dei magistrati, quello sui magistrati fuori ruolo, quello contro l’abuso della custodia cautelare e quello per la separazione delle carriere. Per poter raccogliere le firme necessarie per chiedere l’indizione dei referendum, il PdL di Bergamo sarà presente sul territorio e presso i Comuni che hanno messo a disposizione i moduli di raccolta delle firme, fino a metà settembre. Per informazioni è possibile telefonare presso la nostra sede di via Frizzoni, 28, a Bergamo.

"L’esigenza di una riforma della giustizia – commenta il coordinatore provinciale Angelo Capelli – è da tempo ampiamente riconosciuta da tutte le forze politiche. E’ infatti evidente a tutti che i problemi che affliggono la nostra giustizia sono al primissimo posto tra i fattori frenanti della competitività internazionale del Paese e soprattutto della sua capacità di attrarre investimenti produttivi dall’estero”. “Lo spinoso tema della Giustizia, il verdetto della Cassazione su Silvio Berlusconi, la difesa del ruolo politico del Presidente Berlusconi, hanno evidenziato ancora una volta la compromissione dei contrappesi, non più esistenti, tra i poteri dello Stato. Occorre avviare l’apertura di un nuovo e più civile capitolo del dibattito sulla Giustizia Giusta e sul suo corretto funzionamento. Il tema della Giustizia, quale fattore primario che renda una società accettabile, vivibile e sana, è da troppi anni, un problema di fondo sostanzialmente irrisolto. Senza dimenticare – conclude Capelli – che l’emergenza giustizia resta, come già detto, un nodo centrale per gli equilibri della nostra democrazia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Asdrubale

    Ho letto quali sono i referendum e non vado a firmare perchè sono assolutamente negativi e ci costerebbero un sacco di soldi

  2. Scritto da Libero

    Oh ragazzi ma possiamo lasciare da parte Berlusconi per una volta? Se riusciamo per una volta a ragionare da persone senza guardare alle ns. Convinzioni politiche non possiamo non andare a firmare. Vi sembra giusto che solo da noi i processi siano infiniti? Vi sembra giusto che questa gente abbia liberato mafiosi e criminali che dovevano restare in galera o essere irregolari che dovevano essere espulsi e sono tornati a stuprare e delinquere in vario modo e nessuno di loro paga?

    1. Scritto da Malafede

      E cosa c’entra quello che hai scritto con i referendum ? Sai ameno di cosa stai parlando ? Disinformato o in malafede ?

      1. Scritto da Libero

        Far passare un referendum sulla responsabilità civile sui giudici è un primo passo per dare un giro di chiave ad una casta che non risponde a nessuno se non al CSM cioè ancora a dei giudici e al presidente di questa specie di Repubblica. Dopo di che quello che ho scritto sono degli esempi di come questa gentaglia si sia resa responsabile di azioni con conseguenze gravi senza far conto a nessuno. Te capit?

        1. Scritto da Malafede

          Adesso puoi raccontare tutte le pallette che vuoi, ma tu i titoli dei referendum manco li avvi letti, ti confermo che alcuni di essi dicono l’ESATTO CONTRARIO di ciò che hai scritto.

    2. Scritto da La verità fa male

      Quello che scrive lei è sacrosanto. Nella vicenda referndum non è in discussione Berlusconi ma si tratta di rispondere ad alcune domande: vogliamo eliminare il finanziamento pubblico ai partiti? vogliamo eliminare o mantenere l’ergastolo? vogliamo carriere separate per i giudici? siamo favorevoli o contrari al divorzio breve? Dire “io non firmo perchè li propone il PDL” è una fesseria: così facendo questi problemi restano (chi pensa che li risolvano i partiti è un povero illuso)

    3. Scritto da Gulp

      E’ evidente che non sai nemmeno di che cosa stai parlando. Quali sarebbero i referenum che parlano di ciò di cui stai parlando ? Non far ridere i polli non hai neppure letto i titoli . Al massimo alcune delle proposte fanno l’esatto contrario di ciò che hai detto !!! La cosa più orrenda è la separazione delle carriere , in un paese con i tassi di corruzione politica che conosciamo te l’immagini la parte inquirente “sotto” i politici ? DA PAZZI.

  3. Scritto da Che schifo

    La giustizia va riformata.
    Letto motivazioni sentenza berlusconi. Non c’è alcuna prova se non non poteva non sapere. Un vero schifo.
    Questi giudici politicizzati vanno espulsi o privati di abusare del loro potere emettendo sentenze senza prove, solo per salvare la faccia a chi li ha preceduti e far fuiri l’avversario politico
    La giustizia in Italia fa veramente schifo. Grazie a Dio è solo una piccola frangia, ma va eliminata per salvare l’onorabilità degli altri

    1. Scritto da Ascuàlmar

      Tu non hai letto proprio NIENTE, al massimo hai letto i suoi giornaletti e sentito le sue tv. Se avessi letto le motivazioni adesso ti vergogneresti di aver scritto questo commento. Ti pagano per scrivere queste cose o sei su qualche cadrega dalla quale raccogli qualche bricioletta ? TRE GRADI di giudizio amico mio , nessuno al mondo avrebbe potuto assolverlo .

  4. Scritto da Eolo

    Gli unici che guadagnano da questi referendum sono i promotori. Se va bene un sacco di soldi. Noi ne spenderemmo un sacco , per cose che, per me personalmente, sono completamente fuori dal mondo quando non dannosissime. Cose da pazzi.

  5. Scritto da poeraITALIA

    ATTENZIONE che l’amico PANNELA vuole le carceri vuote io
    vorrei i colpevoli ITALIANI in carceri ITALIANE il resto ognuno al
    suo paese non avremmo più il sovraffollamento carceri
    PANNELLA ho altro da fare cioè capire come facendo “scioperi della fame” a rinvigorirsi mentre gli ITALIANI che hanno fame stanno male mah mistero della
    politica

  6. Scritto da gigi

    ma scusate, alla fine chi ci guadagna dai problemi della giustizia sono gli avvocati la cui casta è ben rappresentata in parlamento……non vi viene il dubbio che a loro vada bene cosi ? hanno anche minacciato di far cadere il governo un paio d’anni fa se fossero passate la liberalizzazione della professione……..come i tasssiti. 1000 tassisti e avvocati contano più di 1.000
    .000 di operai

    1. Scritto da Jimmy

      Non mi pare tu abbia capito molto , la Giustizia ha bisogno di trovare efficienza (non c’entra niente con quello che ha voluto il PDL in questi anni !! ) , ha bisogno di trovarla per NOI , gli avvocati c’entrano ben poco. Per inciso le tariffe degli avvocati sono già state liberalizzate da Bersani. Di sicuro chi non è titolato per fare la riforma è proprio il PDL . Dio ce ne scampi

      1. Scritto da gigi

        chiariamo, non mi riferivo alle tariffe ma alla liberalizzazione delle professioni nel 2011 ( avv, arch, notai ecc ecc ) Che ci siano problemi son d’accordo (le cause sono dovute anche a troppi gradi di giudizio e norme che hanno fatto in parlamento per avere scappatoie e quant’altro) e il padrone del pdl non può avere voce in capitolo …..

        1. Scritto da Jimmy

          La mia opinione è che per le professioni di medico , notaio e avvocato la liberalizzazione farebbe solo danni ,sono attività troppo sensibili per non avere un “ordine” e dei criteri di accesso , per i problemi etici che comportano (per queste professioni c’è in tutto il mondo) importante che ci sia la liberalizzazione dei prezzi . Per tutte le altre categorie hai ragione ,non vedo assolutamente la necessità , anzi.

          1. Scritto da gigi

            gli “ordini” servono solo a proteggere ed aumentare i privilegi. Nei fatti basta documentarsi un pò su cosa sono e cosa realmente fanno. Tenti di fare il notaio, non ci riuscirà mai se non ha il padre notaio. Riguardo alle tariffe sono artificiosamente tenute alte e uno non può applicare tariffe inferiori.

          2. Scritto da Jimmy

            Le tariffe di medici e avvocati sono libere , è un dato di fatto e sono talmente tanti che non c’è nessun cartello , è impossibile. . Per quanto riguarda i notai credo che tu abbia ragione , ma il problema da risolvere è quello , non il fatto che esista un “ordine” con delle precise regole . Al limite assegnerei ad un mercato più ampio alcune operazioni che adesso possono essere garantite solo da loro.

  7. Scritto da Verità? Meglio dirla tutta

    Vorrei cortesemente farti ricordare che prima del giudice Esposito c’erano già stati 3, ripeto TRE, gradi di giudizio che avevano sancito la condanna.

    1. Scritto da gigi

      lasci perdere, i compari del delinquente fanno finta di non capire………..e aspettiamo fiduciosi le sentenze per prostituzione, pedofilia, soldi ai senatori.

    2. Scritto da La verità fa male

      Le faccio notare che il personaggio da me citato non era un tizio qualsiasi ma uno arrivato ai vertici della Cassazione, quindi teoricamente uno dei più esperti e dei migliori sulla piazza, uno che teoricamente agire con totale riservatezza, altro che dare interviste al Mattino prima del deposito della sentenza. Punto. A me questo basta (e avanza) per dare un giudizio su come è gestita la giustizia in Italia e per firmare questi referendum

      1. Scritto da Pietro

        I fatti , contano solo I FATTI . La FRODE FISCALE è così eclatante e confermata da tre gradi di giudizio che non può contestarla neppure san gennaro. NON C’E’ ALTRO DA AGGIUNGERE.

      2. Scritto da La verità ecc ecc

        Personaggi poco affidabili arrivano, purtroppo un po’ dappertutto, succede anche che qualche medico in ospedale non sia il massimo, e anche tra gli eletti in Parlamento ce n’è più di uno con precedenti poco chiari o peggio, ed è gente al vertice. Troppo facile fare di tutta l’erba un fascio e squalificare tutta la magistratura….

        1. Scritto da gigi

          mi scusi ma personaggi poco affidabile è il giudice ? non il delinquente che commette reati ? le ricordo che , a parte i reati dai quali è riuscito a scappare grazie alle leggi della sua banda, deve ancora rispondere per prostituzione, pedofilia, soldi a senatori…………..faccia lei chi è ” poco affidabile ”

  8. Scritto da laura

    Penso che il problema giustizia per i comuni cittadini, lavoratori e imprenditori,non attenga alle carriere dei magistrati quanto alla durata del processo civile, e alla difficoltà di recuperare il proprio credito, credo che Capelli in quanto avvocato lo sappia.
    Sarebbe ora di finirla di far passare i problemi di un singolo pregiudicato per i problemi dei comuni italiani.

  9. Scritto da La verità fa male

    FINALMENTE !!! basta parlare dei processi a Silvio, tanto con personaggi come il giudice Esposito si sa già come vanno a finire. Si faccia una battaglia politica seria per la giustizia, per i diritti degli immigrati e per l’abolizione del finanziamento ai partiti, si raccolgano le firme e poi le riforme su queste materie le farà il popolo con i referendum, non i tromboni del PD che parlano a vanvera ma non concludono mai niente

    1. Scritto da fascurà

      fino a quando vedo che il padrone del pdl è promotore della riforma alla giustizia, assolutamente no, prima il pregiudicato se ne deve andare poi vedremo. certo che il pdl senza il pregiudicato è come il pidimenoelle anzi peggio

      1. Scritto da La verità fa male

        Innanzitutto i promotori dei referendum sono i radicali di Pannella che queste cose le dicono e le propongono da decenni, in secondo luogo è un modo di ragionare fesso (per non dire di peggio) quello che se un provvedimento è giusto e va bene a tutti non deve essere adottato perchè tra quei “tutti” a cui va bene c’è anche Berluska, in terzo luogo se aspetta M5S a fare la riforma della giustizia (anzi, a fare qualunque cosa diversa da contare gli scontrini) aspetta e spera….

    2. Scritto da Buffoni&Ipocriti

      Le consiglio un viaggio a lourdes , visto che la situazione appare irrimediabile. Una battaglia sulla giustizia del PDL ? E’ come una battaglia di Re Erode per i diritti dei bambini.

      1. Scritto da La verità fa male

        La battaglia sulla giustizia non la fa il PDL ma la fanno i promotori e quelli che sottoscrivono i referendum (ce ne sono diversi: sei sulla giustizia, uno sulla legge Bossi Fini, uno sull’abolizione del finanziamento ai partiti, uno sul divorzio breve ecc…). Alla sinistra interessano questi temi? bene, sottoscriva i referendum e faccia una battaglia politica. Non frega niente di questi temi? non firmi i referendum, cavoli suoi, non rompa l’anima a chi vuol fare queste battaglie

        1. Scritto da fascurà

          ………non firmi i referendum, cavoli suoi, non rompa l’anima a chi vuol fare queste battaglie………diciamo che cerchiamo di far ragionare gli stolti, se vedo un’unbriaco che si mette alla guida glielo impedisco ……….

        2. Scritto da Buffoni&Ipocriti

          A lei interessa un sola cosa di quegli inutili e costosi referendum : la separazione delle carriere dei magistrati. In Italia ci manca solo che i magistrati inquirenti finiscano sotto il potere politico, con lo schifo e la corruzione che abbiamo è il massimo dell’ignominia.

          1. Scritto da La verità fa male

            In nazioni più serie le carriere sono separate (e questa è una delle ragioni per cui la giustizia funziona: il PM fa il PM e il giudice fa il giudice). A me interessano anche l’abolizione del finanziamento ai partiti e il divorzio breve, poi per tutti gli altri posso condividere o non condividere ma mi interessa che siano discussi e votati. Lei continui pure a delegare ai politicanti le decisioni e non si preoccupi: quelli, a parte chiacchierare, non faranno mai nulla di concreto

          2. Scritto da Giorgio

            Non parli di cose che non conosce , faccia il bravo . Parlare di separaione delle carriere o menoa livello internazionale vuol dire parlare anche dei relativi contrappesi e difetti/pregi . Quello che le posso dire è che in quest’italia corrotta passare l’accusa sotto l’esecutivo e magari togliendo l’obbligatorietà dell’azione penale sarebbe una cosa da matti.

        3. Scritto da Suvvia

          Una quantità di fregnacce da far accapponare la pelle, mica per niente il pdl la sostiene. Sù, non fateci perdere altro tempo e denaro . La riforma della giustizia non si fa coi referendum , si fa smettendo di votare il PDL

          1. Scritto da Pipotto

            E che, smetto di votare il pdl per fare un piacere a te?
            te lo puoi scordare, pipotto

          2. Scritto da Pippa

            Per me puoi votare anche Totò Riina , pippa.