BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Effetto “falchi” sul Pdl Meno 1% nei sondaggi e il Pd torna in testa

Un punto secco perso in un mese. Il Pdl deve fare i conti con l’effetto “falchi” che potrebbe avere ripercussioni sulle intenzioni di voto degli italiani. E se il governo traballa si avvicinano le possibilità di tornare alle urne. Per questo motivo Affaritaliani.it non ha deciso di tenere monitorato il polso elettorale attraverso sondaggi commissionati in esclusiva.

Più informazioni su

Un punto secco perso in un mese. Il Pdl deve fare i conti con l’effetto “falchi” che potrebbe avere ripercussioni sulle intenzioni di voto degli italiani. E se il governo traballa si avvicinano le possibilità di tornare alle urne. Per questo motivo Affaritaliani.it non ha deciso di tenere monitorato il polso elettorale attraverso sondaggi commissionati in esclusiva. Le ultime analisi condotte da Coesis reserch e diffuso dal quotidiano online vede il Partito democratico tornare in testa: 28% di fine agosto rispetto al 27 della prima settimana di questo mese. Centrosinistra che sale corrisponde a un leggero passo indietro del Popolo della Libertà che inverte la posizione passando dal 27% al 26%. "Se continua così il Pdl può perdere anche altri punti – spiega Alessandro Amadori, numero uno di Coesis, ad Affaritaliani – Più sono forti i falchi e meno il Pdl è una forza nazional-popolare. Agli occhi degli italiani non è più quel partito post o neo democristiano. Probabilmente è stato dato troppo spazio a una persona di carisma ma di nicchia come Daniela Santanchè. Il Pdl rischia di diventare il partito della protesta e dell’instabilità". Poche variazioni per le altre formazioni politiche. Il Movimento Cinque Stelle resta fermo tra il 17 e il 18%. Sinistra Ecologia Libertà conferma il suo 6%. Stabile al 5% Scelta Civica di Mario Monti. In leggero rafforzamento la Lega Nord al 4% pieno. In crescita anche Fratelli d’Italia di poco sopra il 3%- Ferma al 2% l’Udc, mentre La Destra di Storace vale l’1,2%.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da evandro

    Suggerisco cautela nella valutazione dei sondaggi. Sappiamo bene che in Italia rispecchiano poco la realtà (troppo spesso gli intervistati non rivelano il loro reale pensiero)

  2. Scritto da arpaleni

    più che falchi direi cornacchie e neanche della miglior specie.
    Fa veramente senso vedere ancora in circolazione certi personaggi e rendersi conto che la gente non vuol rendersi conto di che elementi da circo si tratti.

  3. Scritto da gigi

    FATE LARGO AL NUOVO………….PIERFERDINANDOCASINI

  4. Scritto da poeraITALIA

    assurdo è vero BERLUSCONI dovrebbe andare a casa comunque condannato ma dal 1994 è sempre o quasi rimasto
    lui mentre nel PD hanno cambiato varie bandierine e ancora oggi
    LETTA O EPIFANI L’EX RE’ DEI SINDACALISTI
    comunque vada in bocca al lupo a tutti gli ITALIANI con le nuove
    elezioni non cambierà nulla allora perché andare a votare??
    a cosa serve se votiamo PD e governa PDL o viceversa

    1. Scritto da Beppe

      HAHAHAHAAH che tapino!!

      E’ proprio questa la debolezza della destra Italiana: da vent’anni ha sempre lo stesso “padrone”. Non c’è paragone nei paesi occidentali: Spagna. Francia. Germania. Inghilterra, Stati Uniti. tutti hanno cambiato, come è giusto, il leader dei principali partiti!

      1. Scritto da Zio Beppe pensa

        Che spiritoso sto Bebbe. È debole il centrodestra poichè da venti anni ha lo stesso padrone. E il centrosinistra, che ha gli stessi voti, che ha cambiato diversi padroni e non ne ha ancora trovato uno che cosa è?Forte?
        Zio Veppe, ma pensa prima di scrivere a vanvera qyeste contraddizioni

    2. Scritto da Mavalà

      PoeraITALIA ce n’era un altro che per 20 anni c’era solo lui , forse fai un po’ di confusione su cos’è la democrazia , a te i leader dei paesi occidentali avanzati , quelli le cui economie vanno bene, fanno proprio schifo ? Eppure cambiano , se fanno le cose bene li votano (ma sempre per poco) oppure li mandano a casa. Da noi ce n’è uno che ci ha portato sull’orlo del fallimento ed è pure condannato !!!!! Ma razza di popolo è mai questo ? Ma lassa pert !

      1. Scritto da poeraITALIA

        forse lei non ha capito quello che ho scritto io intendevo dire che
        si poteva mandare a casa ai tempi con il governo BERSANI il RE’
        delle liberalizzazioni rovinandoci
        e poi con il governo PRODI RE’ dell’euro e siamo in rovina morale quando si è deciso di fare questo si è fatto, era già accaduto con Bettino Cracxi l’hanno
        tenuto per comodità poi hanno deciso via

        1. Scritto da Mavalà

          L’unica cosa che ho capito è che lei non ha capito niente. Ma non di ciò che ho scritto io bensì di quello che è accaduto e sta accadendo in italia . Auguri

  5. Scritto da Beppe 81

    tradotto in parole in povere chiunque vinca le prossime elezioni non avrà la governabilità…

  6. Scritto da Beppe

    Ottimo! Speriamo Berlusconi accolga sempre di più le idee perdenti della Pitonessa, perdente nata.

    1. Scritto da La verità fa male

      Invece i vari Bersani, D’Alema & C. sono vincenti nati…. è 20 anni che urlano contro Berluska senza concludere niente di serio. Tra l’altro quelli del PD riescono a perdere anche dopo aver vinto: le due volte che hanno vinto con Prodi lo hanno malamente silurato, e non contenti di ciò hanno silurato Prodi per la terza volta (con i 101 franchi tiratori) e si sono fatti prendere in giro da due sconosciuti grillini in diretta streaming

      1. Scritto da Kurt Erdam

        In Italia è difficile liberarsi di berluska con le leggi che ha fatto il suo compagno di merende bettino ha le sue tre tv nazionali più i suoi giornali più molto altro mimetizzato Coi soldi messi in tasca(magari con le frodi fiscali per cui è stato condannato)si compra qualche De Gregorio o Scilipoti e manda il governo avversario in minoranza.Poi ci sono tutti i citrulli che votano per lui anche senza guadagnarci.In 20 anni non ha mai fatto una sola cosa nell’interesse degli Italiani

      2. Scritto da Beppe

        Prodi ha sfidato il nano due volte e ha vinto due volte, sempre con una una risicata maggioranza di 2-3 senatori, poi puntualmente comperati da Berlusconi.

        Berlusconi ha vinto duevcolte con larghissima maggioranza, tale da poter fare le riforme.
        Purtroppo non ha mai saputo fare nulla di concreto per questo paese, a parte far aumentare il deficit e ovviamente i suoi interessi personali.
        Che la Santadechè sia una perdente è un dato di fatto….vedi elezioni 2008

        1. Scritto da La verità fa male

          La prima volta (1998) Prodi non fu tradito da due o tre senatori ma fu sfiduciato alla Camera per colpa di Rifondazione Comunista; D’Alema non si fece turbare, organizzò un ribaltone insieme a Mastella e a Cossiga, salì al potere e partecipò alla guerra del Kosovo. Nel 2000 fuori D’Alema e dentro Amato, per poi presentarsi nel 2001 con Rutelli candidato premier e nel 2006 di nuovo con Prodi, fatto cadere nel 2008…. se tutti questi ribaltoni le sembrano cose serie, beato lei!

          1. Scritto da Beppe

            1) E’ un dato di fatto che Prodi ha sfidato il nano 2 volte e ha vinto
            2) Prodi non ha mai avuto la maggioranza larghissima di Berlusconi. Nonostante la larghissima maggioranza Berlusconi ha aumentato la pressione fiscale
            3) Prodi non ha mai fatto condoni ne scudi fiscali
            4) Prodi non ha mai fatto mirabolanti promesse e soprattutto non ha mai fatto leggi ad Personam

            Basta e avanza per preferire Prodi ( ma anche chiunque altro) al tuo nanetto.

          2. Scritto da La verità fa male

            I danni fatti da Prodi e da Monti (in quel momento commissario europeo) e da tutta la cricca di euroburocrati ed eurobanchieri, nel momento in cui creavano la moneta unica senza dare alla B.C.E. i pieni poteri di una banca centrale, i danni fatti accettando nazioni come la Grecia (che falsificavano palesemente i bilanci) nella moneta unica, e i danni fatti fissando parità come quella euro / lira chiaramente assurde, superano di gran lunga i danni del nanetto e dei suoi governi

          3. Scritto da il polemico

            beh,prodi in compagnia dei primi ministri europei di allora,è quello che ha stabilito che 1 euro valesse circa 2000lire,non prevedendo che l’economia nel libero mercato invece avrebbe fatto il cambio 1 euro=1000lire.e non dimentichiamoci che prodi è il personaggio che ha condannato alla chiusura con relativo licenziamento delgi operai,del famoso stabilimento alfa romeo di arese..prodi ha fatto la promessa che con l’euro stavamo meglio,ma mezza europa per ora sta annaspando..mahhh

          4. Scritto da Beppe

            Quante sciocchezze tra “Il polemico” e “La verità fa male” (mi sa che siete la stessa persona).
            Il concambio lira-Euro era basato sulle valutazioni dell’epoca e fu ottenuto dopo un lungo tira e molla da Ciampi, che non mi sembra uno sprovveduto…..di più non si poteva fare

            L’Euro entrò in vigore in Italia sotto il governo Berlusconi che omise tutti i controlli del caso. La speculazione la fece da padrona e nel giro di un anno tutto raddoppiò o quasi….

          5. Scritto da La verità fa male

            Io e il polemico siamo diversissimi: lui è di Forza Italia, un fedelissimo berlusconiano, io sono un pidiellino di destra anticapitalista e federalista. “La speculazione la fece da padrona”: la speculazione ripristinò i reali valori del cambio, perchè quelli stabiliti dagli euroburocrati erano fasulli, basati su bilanci come quello greco non veritieri. Si doveva dotare la B.C.E. dei pieni poteri di una banca centrale, non fu fatto, ne paghiamo ancor oggi le conseguenze

          6. Scritto da Ossignùr !

            Un pidiellino di destra anticapitalista ? Dio mio ma dove sono capitato ?

          7. Scritto da La verità fa male

            Ha presente l’eurodeputato inglese Nigel Farage? (se non sa chi è, può cliccare su google è facile da trovare). Ecco, lui è di destra ed è contrario, come me, a questa Unione Europea diventata un baraccone per euroburocrati, speculatori e banchieri strapagati. La vera destra difende le piccole partite IVA, mentre il PD da un po’ di tempo è dalla parte di banchieri e burocrati

          8. Scritto da Ossignùr !

            Allora lei non è anticapitalista , è semplicemente contrario all’unione europea . Resta quindi sbalorditivo che lei voti per chi ha decine di società offshore e che nell’europa ci vuole restare (perchè LUI sa che diversamente andrebbe tutto a gambe all’aria). L’eurodeputato inglese tiene troppo a quanti soldi fa la CITY con la speculazione finanziaria capitalistica (1/4 del pil se non ricordo male). Forse è il caso di darsi un’aggiustata !

          9. Scritto da Adelkè

            Dalle parti del Polemico (agitatore propagandista del partito che ci ha portato sull’orlo del fallimento ) dire sciocchezze apocalittiche è gratis . Il fatto che da un giorno all’altro una pizza sia passata da 5.000 lire a 5 euro è “mercato” o omesso controllo (che al contrario è stato fatto nelle altre nazioni) ? Per finire , sbaglio o arese lo ha chiuso la fiat ? Mukèla coi bale , seguace di pregiudicati e di gestori fallimentari.Bevi quote latte e vola alitalia che l’è mei.

          10. Scritto da La verità fa male

            Il POLEMICO agitatore? ma va là …. il passaggio della pizza da 5000 lire a 5 euro non è nè libero mercato nè omesso controllo, ma la semplice presa d’atto da parte degli operatori che il cambio lira / euro a 1936,27 era fasullo. Chi si è fatto imporre quel tasso di cambio è stato semplicemente sciagurato, e ancor più sciagurata fu la decisione di “partire tutti insieme” nonostante nazioni come Grecia erano palesemente fuori da ogni parametro e quel che è peggio con bilanci falsi

          11. Scritto da Croce Bianca

            Cioè durante la notte del cambio di valuta i pizzaroli ecc. dopo accurati studi monetari hanno deciso che 5.000 lire erano uguali a 5 euro. Immagino che lei sia convinto di sentirsi bene , bè, se invece si facesse dare un’occhiatina ?

          12. Scritto da La verità fa male

            Guardi che il tasso di cambio lira / euro era già stato fissato nel 1999 quindi i pizzaroli hanno avuto tre anni di tempo per decidere che dal 1° gennaio 2002 le vecchie 5000 lire sarebbero diventate 5 euro, a meno che non pensa che a ogni singola vendita di pizza uno prendeva in mano la calcolatrice e divideva 5000 lire per 1936,27. Tutti sapevano da tre anni che sarebbe finita così. Se Prodi non lo sapeva, si preoccupi per lui non per me

          13. Scritto da Kurt Erdam

            Anche la mamma del gatto sapeva che gli americani avrebbero venduto anche la zia per combattere l’Euro con ogni mezzo lecito o quasi;avrebbe costituito un’alternativa per il pagamento delle materie prime nei commerci mondiali soprattutto da parte dell’industria manifatturiera europea.Le genuflessioni della gente come tremonti sono la prima causa dei nostri problemi.Quelli del vostro schieramento chiaccherano molto ma non dicono che gli americani decidono anche che banane dobbiamo mangiare

          14. Scritto da Kurt Erdam

            Mentre il caffè passava da 1000 lire a 1€ il generale speciale si faceva portare con l’elicottero caviale e champagne ai suoi ricevimenti e su mandato di berluska impegnava i suoi uomini a correre dietro alle palle del conte Igor Marini.Mentre la grande mente di tremonti immaginava che sostituire la moneta da 1 euro con una banconota avrebbe risolto tutti i problemi come dire che un caffè da 1€ pagato con banconota costasse meno di un caffè pagato con una moneta.

          15. Scritto da Kurt Erdam

            Quando la finirete di raccontare citrullate sull’euro sarà sempre troppo tardi.l?euro è stata la più grande opportunità per affrancarsi dalle tangenti pagate al dollaro per ogni operazione di commercio mondiale.Il problema non è stato il cambio lira/euro ma quello dollaro/euro.In partenza un euro valeva 0,80 dollari poi gli americani hanno svalutato penalizzando la loro popolazione ma anche l’euro e ora siamo a tassi invertiti.Il tutto con l’aiuto dei genuflessi Tremonti & che

          16. Scritto da Croce Bianca

            Voglio scendere !

          17. Scritto da nino cortesi

            ECCO PERCHE’ ESISTE M5*.

          18. Scritto da Beppe

            A parte ridurre il costo della politica (buona cosa ma palesemente non sufficiente) e condannare Berlusconi (ottima cosa anche questa), le proposte macroeconomiche del M5S quali sono?

            Uscire dall’Europa e tornare alla lira? Tagliare le tasse e aumentare il debito al 200% del PIL?
            Quale è la ricetta?

          19. Scritto da Soluzione

            Uscire dall’Europa e stampare la nostra moneta.
            Debito? Di quale debito parli? Di chi ha giocato in oirsa soeculando e poi perde i soldi? Come al casinò. Insomma, ma lì non si parla di debito, ma di giocatori d’azzardo.
            Per far girare la sua economia lo stato stampi la sua moneta, non se la faccia prestare da altre tipografie, pagando oltr la carta e l’inchiostro anche gli interessi

          20. Scritto da La verità fa male

            Fate attenzione Nino …. quelli del PD si apprestano a votare contro Berluska non perchè improvvisamente sono rinsaviti (lo hanno salvato per 20 anni e continuerebbero a farlo) ma perchè contano, se il PDL fa cadere il governo Letta, di tirare insieme un altro minestrone. Qualche senatore in fuga dal M5S, alcuni pidiellini e montiani in crisi di coscienza, alcune manovre in Borsa e sugli spread, e il ribaltone è servito

          21. Scritto da nino cortesi

            Epifani fa cinema. Berlusconi è morto ma restano vivi tutti gli altri del governo larghe intese, stessa pasta, stesso imbroglio e per di più sostenuti dal loro sindacalista di successo Napolitano.

          22. Scritto da Crocerossina

            Berlusconi è vivissimo , M5s gli ha fatto la respirazione bocca a bocca e lo ha salvato.