BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Al nostro matrimonio niente regali ma offerte per i terremotati aquilani”

Alessandro Melegari di Bergamo ed Elisa Boffi di Sondrio hanno avuto una brillante idea per rendere ancora più speciale il giorno del fatidico sì, con una lista nozze dedicata alla costruzione di un parco per i bambini a L’Aquila

Un nobile gesto per rendere ancora più speciale il giorno più bello della propria vita. Alessandro Melegari di Bergamo ed Elisa Boffi di Sondrio si sposeranno ad Sant’Omero (in provincia di Teramo) lunedì 1 settembre. Per la loro lista nozze i due sposini hanno pensato di aiutare le popolazioni de L’Aquila colpite dal sisma del 2009: invece dei regali, gli invitati potranno fare un’offerta per i terremotati aquilani, in particolare per i bambini.

“Ho conosciuto L’Aquila nella primavera del 2004 e da quel giorno ogni occasione è buona per mettermi in macchina e raggiungerla appena avevo qualche giorno libero – ha raccontato Alessandro ad “Abruzzo24ore Tv”-. Andare a studiare nella biblioteca provinciale, fare due passi nel centro storico, andare a suonare nel parco del forte spagnolo o sdraiarmi sul prato davanti a Collemaggio mi hanno stregato a tal punto che le visite si facevano sempre più frequenti”.

La passione per la città abruzzese contagia piano piano anche la fidanzata di Alessandro: “È stato facile far innamorare dell’Aquila anche Elisa e di questa bella zona che conosceva solo turisticamente e insieme abbiamo cominciato a rivedere ogni angolo conosciuto e trovarne di nuovi. Ed è per questo che, specie dopo il terremoto del 2009, abbiamo coltivato il desiderio di ricambiare in qualche modo quello che sentiamo di aver ricevuto: la bellezza dei luoghi e l’accoglienza dei suoi abitanti”.

Dopo averci pensato su un po’, ecco la brillante idea: “Il modo migliore che abbiamo trovato è celebrare il nostro matrimonio, celebrando anche questa regione. L’idea di festeggiare il nostro matrimonio in Abruzzo deriva non solo dall’amore per i bellissimi paesaggi, dal clima e dal cibo, ma anche (e soprattutto) per le persone che vivono qui e che contribuiscono a renderla speciale”.

Ma non solo, perché la coppia ha pensato a qualcosa di più concreto: “Per aiutare gli abitanti dell’Aquila che ancora si stanno rialzando dal disastroso terremoto che li ha colpiti nel 2009 abbiamo deciso di “sensibilizzare” i nostri ospiti scegliendo di fare una lista nozze dedicata a L’Aquila: loro stessi devolveranno parte di quello che vorranno regalarci a favore di un progetto. In questo modo saranno in prima persona parte della ricostruzione di questa città”.

Un progetto destinato a far ritrovare il sorriso soprattutto ai più piccoli: "Con la nascita di nostro figlio Mattia abbiamo aperto occhi e cuore ai bisogni dei bambini – continua Elisa – e ci siamo dispiaciuti nel constatare che quello che manca ai bimbi di questa città sono i luoghi di gioco e apprendimento. Abbiamo quindi scelto un progetto per la ricostruzione del parchetto giochi vicino al forte cinquecentesco, fosse la maniera più efficace per far felici i bambini. Ci siamo subito convinti che quello fosse il progetto che faceva per noi e i nostri ospiti: è un bellissimo posto dove ricominciare a vivere il centro della città”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giobatta

    una coppia di sposi di bergamo a me molto vicina, ha chiesto ad amici e parenti un contributo per finanziare l’avviamento agli studi di bambini della costa d’avorio, in una localita’ da loro ben conosciuta, dove operano altri volontari italiani. che si beccano, tra l’altro, sovente la malaria (non crediate che si possa prevenire con certezza con la profilassi e che non si possa rifare piu ‘ volte)

  2. Scritto da arabella

    Complimenti davvero!!! raro di sti tempi trovare una nuova famiglia altruista . Salute , amore e prosperità vi accompagnino nel vostro futuro …e figli maschi come e’ tradizione dire

  3. Scritto da Il Conte

    bravi! suggerirei anche di aprire anche una “raccolta fondi” su uno di quei siti specializzati (e seri) così anche chi non è propriamente “invitato” dopo aver letto l’articolo può in qualche modo contribuire….
    i miei ossequi
    Il Conte