BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ski Stadium di Valbondione L’opposizione in Procura: “Si indaghi sui costi”

I tre consiglieri del Gruppo di minoranza Valbondione Unita, Dario Chiodelli, Fabio Semperboni e Ambra Pedrazzoli hanno presentato alla Procura della Repubblica di Bergamo ed alla Procura Regionale della Corte dei Conti un esposto per chiedere di indagare sulle procedure di affidamento dei lavori e sui costi di realizzazione dello Ski Stadium di Valbondione.

"Costi che lievitano e procedure da verificare". E’ questo in sintesi l’esposto alla Procura della Repubblica di Bergamo e alla Procura regionale della corte dei conti presentato nella mattina di venerdì 23 agosto da parte di Dario Chiodelli, Fabio Semperboni e Ambra Pedrazzoli: i tre consiglieri comunali del gruppo di minoranza Valbondione Unita.

Qual è l’oggetto dell’esposto? Lo Ski Stadium realizzato in località Campell. "Con una delibera di giunta del 28 novembre 2006 il Comune di Valbondione approvava il progetto definitivo-esecutivo per la realizzazione del nuovo Ski-Stadium per una spesa complessiva di 426mila euro – spiega Dario Chiodelli -. L’opera viene realizzata dal Comune di Valbondione a favore Della società Sviluppo turistico Lizzola Spa di Valbondione, titolare degli impianti di risalita in virtù di una convenzione. Nel 2008 si approva il progetto definitivo e si prende atto della copertura finanziaria che prevede anche l’accensione di un mutuo: ci sarà il contributo della Regione di 213 mila euro e per il restanti 213 mila euro ci sarà un mutuo agevolato".

La gara di assegnazione dei lavori vede vincere una ditta austriaca per un importo netto di 276.720,79 euro, nel marzo del 2009 viene approvato il primo stato di avanzamento per 221 mila euro fino a quando viene approvata una sospensione dei lavori e il 28 dicembre 2010 avviene la risoluzione dei lavori con semplice nota del dirigente municipale. Trascorrono diciotto mesi, quando il 19 giugno 2012 il progettista/direttore dei lavori, con nota, trasmette una relazione al Comune di Valbondione in cui evidenzia che per completare i lavori che ammontano a 231 mila euro servono ancora 67 mila euro oltre ai 262 mila già spesi. La cifra prevista inizialmente sale da 426 mila a poco meno di 494 mila euro. Pochi giorni e il 21 giugno dello stesso anno la Sviluppo Turistico Lizzola Spa propone al Comune di Valbondione di terminare i lavori dello Ski-Stadium per la stagione invernale 2012/2013.

Il Comune accetta e affida i lavori alla Sviluppo Turistico Lizzola Spa con una trattativa diretta in deroga perché la società si è impegnata ad integrare i 67 mila euro mancanti, ma l’amministrazione comunale non attiva una gara pubblica per l’affidamento dei lavori mancanti che ammontano a 231 mila euro. "Le opere non vengono realizzate e parte del mutuo con il credito sportivo viene utilizzato a pagare le rate del 2010 e 2011 che dovevano già essere pagate dalla Sviluppo Turistico Lizzola Spa arrecando un danno consistente alle casse comunali" sostengono i tre consiglieri di minoranza. Intanto è il 21 marzo 2013 quando il Comune approva il nuovo progetto di completamento dello Ski Stadium. "Dal marzo 2008 che il comune si assume l’impegno con mutuo Credito Sportivo al 21 marzo 2013, si evince che le opere mancanti non sono state realizzate da nessuno anche se un dirigente nel luglio scorso ritiene di erogare un acconto di 31 mila euro allo Sviluppo Turistico Lizzola Spa così suddivisi: 18 mila euro per concessione di 99 anni di metri quadrati 2.900 di terreno (di fatto edificabile), dove si sta costruendo una centrale a biomassa del valore all’incirca di 5 milioni di euro e 13.162,25 di cassa" scrivono nell’esposto i tre consiglieri di minoranza.

Il gruppo di minoranza Valbondione Unita fa notare la complessa rete di rapporti che lega il sindaco Benvenuto Morandi, consulente di fiducia (in Banca Intesa Private Banking di Fiorano al Serio) di Franco Gamba, che è azionista di maggioranza di Sviluppo Turistico Lizzola Spa, con Claudio Conti vice sindaco e consigliere in Sviluppo Turistico Lizzola Spa e Graziella Semperboni attuale vicesindaco. "Oggi il Conti è amministratore unico Sviluppo Turistico Lizzola Spa e capogruppo di maggioranza in consiglio comunale, Sabrina Semperboni a luglio viene nominata assessore al bilancio anche se risulta l’unica proprietaria dei rifugi realizzati negli ultimi dieci anni in Valbondione e del 58% Sviluppo Turistico Lizzola". Insomma un rompicapo di delibere, acquisizioni, partecipazioni di società private per il nuovo Ski Stadium di Valbonione. L’esposto in Procura è solamente l’ultimo atto di un’estate caldissima per Valbondione: il sindaco Benvenuto Morandi è stato sospeso da Banca Intesa Private Banking in seguito ad alcune operazioni poco chiare che interesserebbero presunti ammanchi nei conti correnti della banca di investimenti di Fiorano al Serio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da walter semperboni

    Caro Alex,opere del genere???é solamente una pista illuminata,niente a che vedere con lo Ski Stadium di Selvino;ricordo poi che Stl non da lavoro solamente il periodo invernale,ma abbiamo una decina di operai che lavorano tutto l’anno e che si diversificano in vari lavori,fino a poco tempo fa anche quelli agricoli!!!Per terminare ricordo a tutti che questi pseudo amministratori erano stati invitati ad entrare nel cda di Stl,perchè Noi non abbiamo nulla da nascondere!!!

    1. Scritto da alex

      Non conosco il progetto nel dettaglio. La mia critica riguardava piu’ in generale l’ atteggiamento che molti amministratori hanni avuto negli anni verso le problematiche della montagna bergamasca e dei nostri montanari. Se il progetto e’ sostenibile e crea lavoro nel tempo allora il mio augurio e’ che possa concludersi il piu’ presto possibile. Senza alcun intralcio .. di tipo politico in particolare. Quello nuoce a tutti e fa sprecare altro tempo, altro denaro…

      1. Scritto da walter semperboni

        Bravo Alex,fa piacere rispondere a gente educata come Te che non commenta a vanvera,ha delle idee ed è educata..credimi che l’intero Cda di Stl e la maggioranza del Comune di Valbondione,si stanno adoperando per il bene di Valbondione;grazie per gli auguri e se hai bisogno di informazioni non lesinare a contattarmi e se sei uno sciatore,sei Nostro ospite,buona serata!!!

  2. Scritto da alex

    Ancora vengono buttati soldi per finanziare opere del genere? La montagna non si salva con le piste da sci o con i complessi di seconde case. Salvare la montagna vuol dire aiutare in primis i nostri contadini: mucche, prati sfalciati, prodotti tipici, turismo; quindi futuro. Con quei soldi quante stalle sarebbero state ristrutturate??. Un’ azienda agricola da lavoro tutto l’ anno. Una pista da sci solo qualche mese.. se nevica.
    Sveglia…

    1. Scritto da Rob

      Certo infatti in alto Adige d’estate fanno la fame… Non ci va nessuno. Meglio coltivare cavolo e patate.

  3. Scritto da roberta

    Questi della minoranza non sono gli stessi che non sapevano che il Co.Re.Co. non esiste più da ben dodici anni?

  4. Scritto da Walter Semperboni

    Ma uno dei consiglieri di minoranza del Comune di Valbondione,non è promoter di una stazione sciistica direttamente concorrente ad Stl????

    1. Scritto da marco

      e tu non sei collegato direttamente con STL?

      1. Scritto da walter semperboni

        Scusa ma riesci a capire la differenza????Io sono Presidente di Stl e sono un Cittadino del Comune di Valbondione,che non ricopre nessuna carica in Comune,ma che se pure fosse è ovvio mi impegnerei e mi impegno per il bene del mio Paese;differente credo sia la posizione di un signore che viene dalla bassa Bergamasca,che ha perso le elezioni,che occupa un posto nella minoranza del Comune di Valbondione,che è in pensione e fa il promoter in un altra località sciistica…..