BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Parcheggio dell’aeroporto, è ancora tutto fermo Precisazioni della commissione

Venerdì 30 agosto è in programma l’ottava convocazione della commissione paesaggio chiamata a dare il via libera al parcheggio da 3500 posti che Sacbo vuole realizzare in un’area accanto alla bretella di collegamento tra l’asse interurbano e lo scalo bergamasco. Le prime sette sedute sono state annullate perché non è stato raggiunto il numero legale.

Venerdì 30 agosto è in programma l’ottava convocazione della commissione paesaggio chiamata a dare il via libera al parcheggio da 3500 posti che Sacbo vuole realizzare in un’area accanto alla bretella di collegamento tra l’asse interurbano e lo scalo bergamasco. Nelle prime sette sedute, in cinque occasioni il punto è stato rinviato e due non si sono tenute perché sarebbe mancato il numero legale. Una coincidenza? Forse, visto il periodo di vacanze. Ma è piuttosto strano che un progetto così importante venga rimandata per ben sette volte di fila. E non è escluso che venerdì vada tutto liscio. La certezza è che la pazienza dei tecnici Sacbo e dei dirigenti sta per finire. Perché l’opera, fondamentale nel progetto di sostenibilità economica della società, ha già avuto un percorso politico molto travagliato. All’interno della maggioranza, la Lega Nord non ha mai nascosto perplessità per i 120 mila metri quadrati di asfaltatura su un’area verde alle porte di Bergamo. L’approvazione in Consiglio comunale, mal digerita dai lumbard, è stata seguita da alcune precise prescrizioni da parte degli uffici per attenuare l’impatto ambientale: piantumazioni, luci a led.

Ora la commissione paesaggio deve dare l’ok definitivo prima dell’inizio dei lavori. Il presidente Sacbo Miro Radici già un anno fa aveva auspicato di poter dare il primo colpo di ruspa a inizio estate 2013. La scadenza è già stata superata e l’ostruzionismo, voluto o meno, non aiuta a rispettare il crono programma. Chi fa parte della commissione? Il presidente è l’architetto Livio Casanova, dirigente di Palafrizzoni. Gli altri componenti sono l’avvocato Marco Buzzanca, l’architetto Barbara Corna, Antonio Galizzi, il geometra Paolo Gritti, l’architetto Federico Mele e l’architetto Simona Pergreffi, sindaco di Azzano San Paolo, in rotta con Sacbo a causa dei voli che esasperano i suoi concittadini. Proprio per questo motivo il primo cittadino esaminerà la questione, ma non voterà.

In merito all’articolo pubblichiamo la richiesta di rettifica inviata dall’avvocato Marco Buzzanca.

Scrivo la presente personalmente, nonché in nome e per conto degli altri componenti della Commissione per il Paesaggio del Comune di Bergamo, onde rettificare il contenuto dell’articolo pubblicato sul sito www.bergamonews.it, in data 22 agosto 2013, intitolato “parcheggio dell’aeroporto è ancora tutto fermo. Sacbo si spazientisce” e scritto da Isaia Invernizzi.

In particolare, l’articolo in argomento, tra l’altro, riferisce erroneamente che “venerdì 30 agosto è in programma l’ottava convocazione della commissione paesaggio” e che “nelle prime sette sedute, in cinque occasioni il punto è stato rinviato e due non si sono tenute perché sarebbe mancato il numero legale”; al riguardo viene poi scritto quanto segue: “Una coincidenza? Forse, visto il periodo di vacanze. Ma è piuttosto strano che un progetto così importante venga rimandato per ben sette volte di fila…”.

Il testo insinua quindi il dubbio che la realizzazione del progetto del parcheggio a servizio dell’aeroporto avrebbe trovato ostruzionismo da parte della indicata Commissione ed in particolare dell’arch. Simona Pergreffi, qualificata dal Vostro giornale come “sindaco di Azzano San Paolo, in rotta con Sacbo a causa dei voli che esasperano suoi concittadini”.

Tuttavia, contrariamente a quanto dichiarato nell’indicato articolo, va rilevato che la Commissione ha esaminato la pratica in argomento solamente due volte, più precisamente in data 5 e 18 luglio 2013, quando venivano richiesti alla società S.A.C.B.O. S.p.A. la documentazione integrativa ed i chiarimenti ritenuti indispensabili per una verifica di compatibilità paesaggistica degli interventi proposti.

Dopodiché va riferito che l’ultima seduta della Commissione si è tenuta il 30 agosto u.s., dunque tempestivamente, essendosi dovuto attendere il deposito della domandata documentazione da parte della società istante, avvenuto in data 29 luglio u.s., oltre al decorso del periodo feriale, ed in tale sede ha espresso il proprio parere conclusivo in merito all’intervento in argomento, il cui contenuto verrà comunicato ai soggetti interessati nei termini e nelle forme di legge, mentre si ritiene al riguardo di segnalare che l’arch. Pergreffi non ha partecipato alla discussione per ragioni di opportunità.

Peraltro va per completezza ríferito che il parere della Commissione ha natura obbligatoria ma non vincolante e pertanto potrà essere modificato dalla Soprintendenza.

Da ultimo, invito il Vostro sito a veridicare con scrupolo la veridicità delle informazioni prima di pubblicarle, rispondendo ciò ad un Vostro preciso dovere, a maggior ragione nei casi quali quelli di specie, ove tale operazione sarebbe stata senz’altro agevole.

Tanto era doveroso precisare e distinti saluti.

Avv. Marco Buzzanca

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da andrea

    il parcheggio non è necessario, è obbligatorio!! in questo periodo cercare di entrare a orio è diventata un’impresa (grazie anche ai vigili urbani che svolgono troppo “bene” il loro lavoro)

  2. Scritto da stefano

    Un bel parcheggio di alberi ci vuole visto che a Bergamo si respira cherosene da anni ormai!

  3. Scritto da usiamo il cervello

    Come è possibile che approvino un mega parcheggio sotto le rotte in assenza del Piano di Rischio previsto dalla normativa nazionale ed europea per il quale è ancora in corso la VAS? Nei parametri previsti per gli insediamenti previsti nel Piano di Rischio e di Risk Assesment per queste aree non è prevista la possibilità di insediamenti con forte presenza umana e depositi di carburante. Quindi un mega parcheggio sarebbe incompatibile…

  4. Scritto da giobatta

    orio, cresciuto a dismisura in un’area altamente antropizzata, necessita che crescano anche le infrastrutture ausiliarie, quali i parcheggi, sottraendo al verde ulteriori aree.
    io credo che occorra spostarlo una decina di km piu’ a sud. ma in italia ormai sappiamo – o possiamo – solo volare basso.

    1. Scritto da gigi

      Che andava realizzato lontano dalla città lo ha detto anche Radici. Caravaggio è il posto giusto- Così facciamo felice anche Pirovano….

    2. Scritto da bepi

      Sei mai stato 10 km più a sud ? Ricordi dell’infanzia ? Se interessa il tetto di casa mia parliamone.

      1. Scritto da giobatta

        ho detto 10 per dare un’idea. occorre uno studio di fattibilita’ e di impatto ambientale, ovviamente. io proporrei una borsa di studio per una tesi sull’argomento. io darei un contributo, chi altro ci sta?

  5. Scritto da Marco Foresti

    Sarebbe interessante sapere chi sono coloro, all’interno della commissione, che fanno mancare il numero legale… un pessimo modo d’affrontare le problematiche e l’economia della città, tipico dei politicanti odierni!

  6. Scritto da Marta

    Se facessero il green parking, farebbero un piacere a Orio e all’intera Bergamo…..