BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tremila insegnanti pronti ad entrare in ruolo La Regione: procedure lente

Con il nuovo provvedimento del Governo saranno circa tremila i docenti che entreranno in ruolo in Lombardia. Soddisfazione dall'assessore regionale all'Istruzione che lamenta però i gravi ritardi dovuti alle procedute e il problema dei dirigenti scolastici.

Più informazioni su

"Saranno circa 3000 in Lombardia gli insegnanti che entreranno di ruolo con il nuovo provvedimento del Governo. Se siamo soddisfatti di questo, restano però i gravi ritardi con cui le procedure sono poste in essere da parte del Ministero e solo l’impegno dell’Ufficio scolastico regionale consentirà di recuperare i tempi per rendere possibile un ordinato avvio dell’anno scolastico".

Lo ha detto Valentina Aprea, assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia, parlando dei provvedimenti annunciati ieri dal ministro Carrozza sull’immissione in ruolo di oltre 11.000 docenti in tutta Italia.

"Oltre al problema delle procedure – ha detto ancora Valentina Aprea – resta aperta la ferita dei dirigenti scolastici. Come Regione stiamo sollecitando fortemente il Ministero, perché, attraverso gli organi regionali, metta in atto tutte le soluzioni per garantire la presenza di dirigenti, come le figure dei vicari, per permettere l’avvio regolare dell’anno scolastico". "A questo proposito – ha aggiunto l’assessore – chiediamo una forte accelerazione delle procedure concorsuali per i dirigenti, per risolvere il grande pasticcio del precedente concorso dei presidi. Regione Lombardia non può permettersi un nuovo anno scolastico senza i dirigenti negli istituti scolastici".

A MILANO PIÙ DI MILLE NUOVI DOCENTI

Circa 3.000 nella regione e più di 1.000 a Milano. Queste le nuove immissioni in ruolo. Le operazioni sono state già avviate e si inizierà sabato 24 con i docenti di sostegno, per continuare poi lunedì 26 e martedì 27 con le restanti nomine. Il calendario è già pubblicato sul sito dell’Ufficio scolastico regionale.

ASSUNZIONI ANCHE PER I COLLABORATORI

Le immissioni in ruolo Ata già autorizzate (sostanzialmente solo collaboratori scolastici e profili minori; non assistenti e Dsga) sono in Lombardia 1.050, di cui 458 a Milano. Si prevedono poi circa 20.000 contratti a tempo determinato tra docenti e Ata, comprensivi di tutti gli spezzoni. Le operazioni di nomina si concluderanno entro i primissimi giorni di settembre. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gioapadan

    Mah sogno o son desto!? Ma da mesi che si dice che ci siano esuberi tra i dipendenti publici ed ora ne assumono più di10.000!! mentre sappiamo bene che i bambini e giovani diminuiscono e riforme per ridurre il numero di classi ….eh sì è iniziata un’altra campagna elettorale e non ci salveremo più. Sota a laurà e fa’ sito!!!

    1. Scritto da Antonio

      Questo commento è fantastico. Non perché sia condivisibile ma perché evidenzia benissimo quanto anni di attacchi ai pubblici dipendenti hanno prodotto e quanta ignoranza ci sia sul mondo della scuola.

    2. Scritto da daniela

      Uau! che riflessione la sua, ne sentivamo proprio il bisogno. Lei è evidentmenete molto informato sul problema, accurato nelle proposte..un fine pensatore. Perchè non si propone come ministro dell’istruzione? Avrebbe il nostro appoggio

      1. Scritto da Alice

        Già, perché i veri ministri dell’Istruzione sono dei geni… Sono soltanto i tutori di una casta con obiettivo primario il posto pubblico, non le generazioni da formare. Fortunatamente, non sono tutti così!

    3. Scritto da giulia

      Si ma ci sono anche tanti docenti che sono riusciti ad andare in pensione… e poi ci sono molte cattedre vacanti che vengono date a supplenza da tempo