BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Livaja e i suoi dribbling che mi fanno godere: da sempre amo i maledetti

Matteo Bonfanti su Bergamo & Sport parla del talentuoso e ribelle attaccante dell’Atalanta, confrontandolo con la propria carriera da giocatore dilettante e da giornalista “Sono un muscolare ma amo i fantasisti, del pallone come della penna”

Più informazioni su

Matteo Bonfanti su Bergamo & Sport parla di Livaja, il talentuoso e ribelle attaccante dell’Atalanta, confrontandolo con la propria carriera da giocatore dilettante e da giornalista “Sono un muscolare ma amo i fantasisti, del pallone come della penna”

di Matteo Bonfanti

Amo i maledetti. Maradona più di tutti. E da bambino non so quanti rigatoni Buitoni ho fatto mangiare alla mia povera famiglia. E mia mamma s’incazzava perché le piaceva la Voiello, sempre di Napoli, ma più figa, forse di sinistra. Mia sorella Chiara, la più normale tra noi, tifava invece per la Barilla. Stava insieme a Fabrizio che era della Roma. E coi punti voleva farsi la maglietta di Renato.

Andavamo a fare la spesa al supermercato e sulla scelta della pasta pareva la guerra: lei a caccia di bollini giallorossi, io partenopei. Alla fine ho vinto io: agli allenamenti dell’Aurora San Francesco con la maglia di Diego Armando, anche se, fin dai pulcini, ho sempre giocato mediano: a correre e a picchiare gli avversari che avevano addosso il numero dieci, quello di Maradona.

A me spettavano il quattro o l’otto: di Bagni, Crippa, Bonacina, De Napoli e Gattuso. E guai a tentare un dribbling. Per quello c’era Gando, che tutt’ora è il mio migliore amico, classe cristallina, visione di gioco e gol da fenomeno, dieci anni insieme nel rombo di centrocampo disegnato per noi, ad agosto, da ogni allenatore che ci ha avuto in rosa, il buono, lui, che è anche bello, e il cattivo, io, che non sono neppure carino.

Sono un muscolare, in campo, nella vita, pure a scrivere: la frase che non decolla, i pensieri spesso alla rinfusa, buttati giù per arrivare alle fatidiche tremila battute. Ma non provo invidia per i fantasisti. Li amo alla follia: Maradona, Gullit, Baggio, Del Piero e Doni. Quelli sui giornali: Pelucchi, Dell’Orto, Severgnini, Travaglio e Carosi. Io no, per tirare fuori un articolo come si deve, ci metto fatica, ore, passione, passo e ripasso il testo, limo le parole.

Come quando giocavo: “Quanto s’impegna quel Bonfanti, avesse i piedi arriverebbe in Serie A”. Non sono finito nemmeno in Eccellenza, ho smesso che giocavo in Prima, a Dubino, il ginocchio che cede per la sesta volta, l’ambulanza sul campo, mio babbo che mi guarda dalla tribuna e mi dice mai più, perché stare un mese sì e un mese no in ortopedia non è vita.

La lunga prefazione per dire che Marko Livaja mi piace da morire anche se, lo so già, mi farà incazzare da morire. Domenica ero a vedere Atalanta-Bari e l’attaccante di Spalato faceva quello che voleva: prendeva palla e saltava l’uomo con una facilità impressionante, quella del genio. Che, sempre, è indisciplinato, un po’ stronzo perché indisponente, rissoso, ma straordinariamente affascinante. Perché ha qualcosa in più, nel fisico e nel cervello.

Guarda Carmona, in cui io mi immedesimo assai, e gli viene da ridere. Cento palloni del cileno non valgono un solo tocco del croato. Che quest’anno ci dividerà, spesso seducendoci, alcune volte abbandonandoci, sempre entusiasmandoci. Non lo farà Carmona, a cui daremo sette in pagella per l’abnegazione che manco so bene cosa voglia dire. E non lo farò neppure io nei miei modesti articoli da giornalista pedalatore.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paci no grazie

    Teo ma se eri un mediano tutti muscoli e corsa , come è che il giovedì in campo non corri neanche se ti paghiamo ?!?!

  2. Scritto da nino cortesi

    Complicato.
    Livaja è fortissimo, punto. Va educato e penso che l’Atalanta sia la società migliore per lui. Ci vorrebbe un Prandelli, che ha dimostrato di saperci fare con un tipino come Balotelli. Serve anche un Moralez. dietro però ed anche un Carmona con compiti differenti ma indispensabili.

    1. Scritto da tex

      ottimista ! auguri …………………

  3. Scritto da piersolodea

    interista goditi schelotto

    1. Scritto da Max

      tranquilli che quando avrà la testa sulle spalle tornerà all’Inter, magari festeggerà il ritorno al comunale con una bella tripletta.

    2. Scritto da tex

      siete cosi lucidi che toppate come sempre PS Schelotto lo veneravate poi quando se n’è andato avete fatto come i bambini dell’asilo

  4. Scritto da tex

    all’inter faceva e farebbe panchina. cmq tenetevelo ne riparleremo tra un mese

  5. Scritto da tex

    porterà solo problemi ed è sopravvalutato, meglio tornarlo all’inter

    1. Scritto da BGBGBGBGBG

      ti piacerebbe, da tifoso interista, vero?eheh