BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’Europa, i gay, l’economia E il fascino del Potente a cui Cl cede sempre

Una voce fuori dal coro quella di Paolo Deotto che su Riscossa Cristiana osserva il Meeting di Rimini, il grande palcoscenico di Comunione e Liberazione, e si chiede dove stia andando il movimento fondato da don Giussani.

Una voce fuori dal coro quella di Paolo Deotto che su Riscossa Cristiana osserva il Meeting di Rimini, il grande palcoscenico di Comunione e Liberazione, e si chiede dove stia andando il movimento fondato da don Giussani. Forse anche in seguito a questo articolo da martedì al Meeting di Rimini si stanno raccogliendo le firme contro la legge sull’omofobia. 

 

di Paolo Deotto

Domenica 18 agosto 2013 si è aperta la XXXIV edizione del Meeting di Rimini. Incontro con il Presidente del Consiglio, Enrico Letta. Letta è un uomo senza dubbio garbato, fa tanto giovane perché non si è nemmeno messo la cravatta, non sembra una salma riesumata malamente come il suo predecessore, il nefasto Loden.

Tutto ciò è molto bello.

Però raramente è capitato di sentire un discorso così vuoto di contenuti reali.

Già, perché, ci sia consentito, un Capo di governo non può rifugiarsi in una serie di belle affermazioni di principio, tanto generiche quanto indiscutibili, ma non fornire uno straccio di dato concreto che giustifichi le sue affermazioni. Pare infatti che l’Italia non stia vivendo un momento molto facile, e avrebbe bisogno di fatti concreti e non di discorsi aulici.

Leggiamo sul Corrierone: “Non lasceremo soli i giovani. Lavoreremo e faremo di tutto perché riescano ad avere opportunità che altri giovani in altre parti d’Europa hanno oggi. Grazie all’Europa e a un’Italia migliore daremo ai giovani questa opportunità”.

Domanda: come?

“Dal richiamo di Napolitano è cominciato un cambiamento” ha esordito Letta, ricordando il discorso del presidente al Meeting di Cl di due anni fa in cui Napolitano chiedeva alle istituzioni di «parlare il linguaggio della verità». “Abbiamo la sensazione che in questi ultimi due anni un percorso si è compiuto. Un segno è dato dallo spread, che è tornato a livelli inferiori rispetto a due anni fa.” (peccato che oggi lo spread sia di nuovo schizzato in su… N.d.R.). Domanda: a quale cambiamento si riferisce Letta? A quello inaugurato con la politica del Loden e della Fornero, che ha portato la distruzione della previdenza e l’impoverimento progressivo e inarrestabile? Ma poi si scatena nel poetico, il nostro bravo Presidente del Consiglio, quando afferma con decisione che “L’Italia sa che può uscire dalla crisi e non voglio che nessuno interrompa questo percorso di speranza che abbiamo iniziato”.

Percorso di speranza, nientemeno. Cosa corrobori questa speranza, resta un mistero. Forse il fatto che la disoccupazione è in costante aumento? Che le banche non concedono credito alle imprese? Potremmo proseguire, ma potete leggere l’articolo del Corrierone per avere il quadretto completo. Ci limitiamo a far notare che Letta afferma apoditticamente che il 2014 “può essere l’anno del nuovo inizio”.

In primis sarebbe bello capire cosa intenda per “nuovo inizio”, ma ancora più bello sarebbe capire perché il 2014 sia così foriero di speranze. Gli italiani sono già stati presi in giro a sufficienza dal Loden che “avvertiva”, stile cane da tartufi, la ripresa alla fine del 2012, salvo poi spostarla al 2013; visto che del 2013 si sono già consumati i primi due quadrimestri, e stiamo peggio di prima, spostiamo questa data della fantomatica ripresa, o del “nuovo inizio”, al 2014, tanto secondo una certa banda di politici gli italiani sono tutti fessi e stanno a sentire beati… Tutto senza una cifra, tutto senza una spiegazione.

Un inno alla speranza, molto bello e sensato come quello che potrebbe fare un medico che dicesse a un malato grave: “Lei guarirà!”. “Grazie, dottore, ma che cure devo fare? Che farmaci devo prendere?”. “Non si preoccupi, lei guarirà, glielo dico io”. Poi il medico se ne va, senza aver intrapreso alcuna terapia, perché non ha capito nulla della malattia, oppure l’ha ben capito e non sa come dire al malato di fare testamento. “Lei guarirà!”. Tanto bello, tanto vuoto. Tutte queste meravigliose speranze, per le quali si è intrapreso il cammino della speranza, come si realizzeranno? Ma è ovvio, in Europa. L’Europa è sacra, l’Europa non si mette in discussione, l’Europa è la gioia. Da anni annorum il Meeting ospita i politici più importanti e ci chiediamo, di anno in anno, perché continui a farlo.

L’anno scorso avevamo visto l’apertura della causa di beatificazione e canonizzazione per il Loden; ora il nefasto ragionierino col grembiulino non c’è più, e il turno è di Letta, peraltro suo degno epigono. Con sperimentata capacità di cambiare l’oggetto dell’amore, purtroppo Comunione e Liberazione sembra comunque non resistere al fascino del “potente”. Certo, farsi fotografare mentre si stringe la mano al Capo del governo, seppur molto pro- tempore e seduto su una sedia che scricchiola di continuo, può essere molto eccitante, può soddisfare quella piccola e umana ambizione di essere importanti, fotografati, intervistati. Ma francamente da un movimento ecclesiale, proprio perché così importante come Comunione e Liberazione, e quindi in grado di attirare i politici (che lo usano come passerella), sarebbe lecito aspettarsi un altro approccio con i “potenti”.

Sembra che i nostri amici (e non uso la parola “amici” con ironia, ma col cuore) di Comunione e Liberazione non si siano resi conto che (per dirne una, non piccina), tra pochi giorni si discuterà in Parlamento una proposta di legge che, partendo dal falso problema della “omofobia” si propone di stravolgere le basi morali della Società; già, perché se anche si attenuassero o addirittura si azzerassero le ben chiare minacce alla libertà religiosa e alla libertà di espressione, contenute nel progetto di legge, resterebbe la follia di dichiarare per legge l’omosessualità come un “valore” degno di particolare tutela giuridica.

Tutto questo va bene a Comunione e Liberazione? Stento a crederlo, anche perché tutti capiscono che una normativa da manicomio quale quella che si prospetta serve come grimaldello per far passare in breve tempo anche quell’oltraggio alla natura, al buon senso e al Creatore che sono i cosiddetti “matrimoni” tra omosessuali. Stento a credere che tutto ciò vada a genio a Comunione e Liberazione, però vedo anche con molta tristezza che ufficialmente il movimento non ha nemmeno considerato l’esistenza della raccolta di firme lanciata dai Giuristi per la vita proprio contro questo progetto.

Certo, un governo in cui siede, in una delle più importanti poltrone, una Bonino, potrebbe essere turbato da critiche contro quel progetto di legge che soddisfa le manie di quel radicalume-chic a cui ormai si è ridotta la sinistra, tanto da fa rimpiangere solidi ma intelligenti manigoldi come Palmiro Togliatti.

In quel governo siedono ministri di estrazione ciellina, come Mauro e Lupi, a cui va benissimo essere colleghi di una Bonino, portabandiera della legge più perversa che si possa immaginare, quella 194 che ha legalizzato l’omicidio dei bambini nel ventre materno. Non turbiamoli con problemi scottanti, come la difesa della famiglia (l’unica possibile). È molto più facile, più gratificante, essere vicino ai “potenti”, magari corroborati dalla pia illusione di poter fare chissà cosa perché si è riusciti a mettere un ditino in quella stanza dei bottoni, il cui interruttore generale è però ben lontano, nelle ovattate stanze del potere bancario e massone che sta ammazzando l’Europa.

L’Europa, quell’Europa che ha rifiutato di riconoscere le proprie radici cristiane, che si fa paladina dei diritti degli omosessuali, che bacchetta gli Stati in cui si possa avere qualche intralcio nel felice esercizio del “diritto” di aborto. Questa Europa va bene ai nostri amici di CL? Si direbbe di sì, quanto meno se dobbiamo dare ascolto a Giorgio Vittadini, che intervistato il 12 agosto dalla Stampa, parla dell’Europa come “punto possibile di una ripresa; è l’occasione per rilanciare i valori alti della politica”.

Ma caro Giorgio, di quale Europa parli? In che modo l’Europa, paladina dei valori più bassi (in senso morale e anche come ubicazione) può rilanciare i valori “alti”? E in che modo l’Europa, il cui perno è la BCE, banca privata a beneficio della quale gli Stati hanno spensieratamente rinunciato alla sovranità monetaria, potrà essere il “punto possibile di una ripresa?”. Comunione e Liberazione è in permanente oscillazione tra splendide realizzazioni in campo sociale, grandi testimonianze di fede, e una rara capacità di confusione a livello politico, unita a una perniciosa tendenza al conformismo. Non sarebbe ora che il Meeting, momento di maggior visibilità a livello mondiale di Comunione e Liberazione, smettesse di fare queste passerelle di potenti da ossequiare e con cui farsi fotografare? Mi sembra a volte che ciclicamente torni quel putiferio mentale per cui i ciellini del 1969 firmavano in Università Cattolica a Milano un manifesto (visto coi miei occhi) per “cacciare i fascisti dalla Cattolica”, e lo firmavano insieme a “Lotta Continua”.

Poi, vado solo a memoria, abbiamo visto le pubblicazioni, chiamiamole così “giovanili” della Jaca Book, con volumetti di Regis Debray e Fidel Castro. Abbiamo visto quella fabbrica di confusione che fu il Movimento popolare. E abbiamo visto l’idillio con Craxi, eccetera eccetera. Tanta, tanta confusione. E tutto ciò, che c’entra con un movimento ecclesiale, tanto più quando manca una parola, che sia una, contro i progetti di definitiva rovina morale dell’Italia? Vedremo. Cosa ci riserverà il Meeting 2014?

Come grande amico di CL, come anziano che incontrò la Chiesa in Gioventù Studentesca nel lontano anno scolastico 1962/63, sogno un Meeting che sia una testimonianza di grande presenza cattolica nel mondo. E che se proprio vuole occuparsi di politica, lo faccia con una propria anima cattolica e si ricordi che i cattolici non hanno bisogno di andare a mendicare applausi e non-idee dai potenti i turno.

(Riscossa Cristiana, 20 agosto 2013).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pino

    visto in tv ragazzi del servizio d’ ordine fare transenna umana all’ arrivo del potente di turno…

  2. Scritto da Geremia

    “Comunione e Liberazione sembra comunque non resistere al fascino del “potente” . ASSOLUTAMENTE STREPITOSO !! I “potenti” sono loro !!!!! Ma da quale strano mondo viene ? Per caso ha assistito alla politica degli ultimi decenni ? Conosce un certo Formigoni e un po’ di altri personaggi che hanno avuto dei problemi nei ruoli di POTERE che avevano ? Eletti da chi ? Sbalorditivo.

  3. Scritto da Franz

    È difficile commentare certe nefandezze. Questo pover uomo avrebbe bisogno di un bravo analista. Gente come lui in Medio Oriente si chiamano Talebani. Sono convito che se Papa Francesco leggesse queste farneticazioni rimarrebbe sconvolto.

  4. Scritto da dubbio

    Se i ciellini raccoglievano firme contro i fascisti in cattolica con quelli di lotta continua oggi è politicamente corretto raccogliere firme contro l’omofobia con forza nuova…o no! Beato lui che ha solo questi problemi…ma vivi e lascia vivere..

  5. Scritto da Angelo

    Ci mancava solo il grande inquisitore, un bel rogo per gay e donne che non stanno in casa e in chiesa, l’unico posto a cui hanno diritto, e adesso si che siamo a posto. E tuttavia, anche se delirante, su Letta inconsistente e sulla tentazione continua di CL per il potere non ha tutti i torti…

  6. Scritto da lotty

    E’ vergognoso che questo “signore” si permetta di chiamare omicidio la scelta delle donne di abortire, spero che qualcun altro gli risponda per le rime, visto che un mio precedente commento è stato censurato!

  7. Scritto da lotty

    E’ vergognoso che si permetta di chiamare omicidio la scelta delle donne che abortiscono, spero che qualcun altro gli risponda per le rime, visto che avete censurato il mio commento.

  8. Scritto da nino cortesi

    Tutti quelli che sono entrati trionfanti al meeting di Rimini di Cl sono finiti malamente. Si potrebbe fare un elenco dozzinale. Il potere del denaro non è sufficiente.

  9. Scritto da JIm

    “i cattolici non hanno bisogno di andare a mendicare applausi e non-idee dai potenti i turno” . Mah , più che applausi, certi referenti a CL si sono visti raccattare cadreghe ; quanto alle non-idee , per un confronto sarebbe interessante leggere quelle dello scrivente ma …… non ne trovo. Di gente che denuncia problemi se ne trova un sacco , che ha idee concrete molto meno. Se in realtà l’obbiettivo è parlare della questione “omofobia” , beh, la si può fare anche un po’ meno lunga.