BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bene il 4-3-3 e Livaja, ma la rosa è troppo ampia e nessuno vuole andarsene fotogallery

Luciano Passirani dopo la vittoria dell’Atalanta in Coppa Italia contro il Bari: "La squadra ha girato bene, su tutti Livaja, Moralez e Baselli. Però l'organico è numericamente imbarazzante e difficilmente la dirigenza riuscirà a cedere qualcuno"

Più informazioni su

di Luciano Passirani

E’ sempre calcio d’agosto, ma solo con riferimento al calendario. Infatti non contano più le vendemmiate a seppellire di gol le goliardiche rappresentative delle varie comunità montane, meta dei ritiri estivi. Finalmente è calcio vero, si gioca per i tre punti o meglio per il passaggio al turno successivo della Coppa Italia, ribattezzata Tim Cup, che a parole nessuno snobba. Nemmeno Colantuono, che alla vigilia aveva dichiarato "sarà la prova generale per il campionato", proprio 50 anni dopo la vittoria dell’unico trofeo atalantino mi sarei aspettato un proclama più convincente. Non tanto per illudere i tifosi, suvvia per provare a crederci.

Ad illuderci ci prova questo Bari, così il campo sentenzia che tra l’Atalanta e i Galletti pugliesi i valori sono troppo differenti per dare un giudizio. La sorpresa in negativo viene da quest’ ultimi, alle prese con troppi problemi societari, che a tratti hanno dato l’impressione di considerare Bergamo una trasferta turistica. Nessuno li ha avvisati che solo nel 2019 la nostra città sarà, forse, capitale della cultura. E dire che tra di loro c’è pure un bergamasco, il ritrovato Marino Defendi, capitano.

Ben per l’Atalanta che fin dall’avvio ha deciso di non fare sconti, non adeguandosi al ritmo degli avversari, merito soprattutto di Livaja autore di una doppietta, così dopo mezz’ora la qualificazione si era già chiusa. La serata ci ha ridato un pimpante Moralez, schierato inizialmente a sorpresa per un problema alla caviglia di Jack Bonaventura. Il 4-3-3 ha funzionato comunque, ma ripeto l’avversario non mi permette di dare un giudizio definitivo.

Con il mercato che chiuderà solo il 2 settembre non me la sento di stare del tutto tranquillo. Avverto nell’aria che qualche movimento ci sarà. Si punta sempre a sfoltire una rosa numericamente imbarazzante, ma nessuno vuole andarsene. Mentre l’ultimo quarto d’ora di Baselli, in sostituzione di Cigarini, mi conforta. A questo punto la linea mediana potrebbe bastare, anche se Cazzola è sempre out e Kone, che non mi sembra da serie maggiore, ha parecchie richieste in serie B? Le vere richieste ci sono solo per Ardemagni. Difficile che rimanga a fare panchina e Marino sa che lasciare Denis senza una vera alternativa è troppo rischioso.

Ora vincere a Cagliari, o meglio a Trieste dove sembra si giocherà, è quasi d’obbligo, visto che la squadra di Cellino non deve stare proprio al massimo, accertato che il passaggio del turno se lo è aggiudicato il Frosinone, che non frequenta nemmeno più la serie B, ma tenta di risalire dalla Prima Divisione. Non è stata la sola sorpresa dell’avvio, sono fuori anche Torino, Genoa, Livorno, mentre la doppietta di Gabbiadini ha fatto felice Genova sponda doriana, un poco meno quelli che come il sottoscritto avevano creduto alle parole di Marino: “Juventus o torna da noi”. Pazienza, teniamoci stretto questo Livaja, contento lui di non andare in Nazionale e regalarci una doppietta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Fabio

    E’ sempre divertente vedere come si scandalizzano le perpetue se uno entra in chiesa e non si fa il segno della croce. Bravo Passirani, uno tra i pochi critici lucidi e che se ne intendono di calcio.

  2. Scritto da Veronika

    Ma da 1 a 10, lei, sig. Passirani, quanto la odia l’Atalanta?

  3. Scritto da makio

    Quest’anno L’ Atalanta farà un bellissimo campionato….

  4. Scritto da ALBERTO

    Lucido come sempre Passirani. Il Bari squadra senza proprietà e nemmeno allenatore, visto che Gautieri si è dimesso alla fine del ritiro, non era un test attendibile.
    4-3-3 da verificare contro il Cagliari, personalmente temo una musica diversa, ma punterei solo a vincere.

  5. Scritto da nino cortesi

    Bonaventura è di sicuro un calciatore da Juventus o da Napoli. Con 12 milioni che entrano in cassa si risolvono tutti i problemi di abbondanza in attacco. E per lui si aprono le porte della Nazionale.

    1. Scritto da veronika

      So che lei sig. Cortesi stravede per Moralez (che per inciso piace molto anche a me). Privarsi di Jack però lo riterrei un errore perché garantisce quei 6-7 gol che sommati ai 6-7 di Livaya ci garantirebbero i numeri per la salvezza. Piuttosto attuando il 4-3-3, modulo usurante per gli esterni di difera, pernserei di coprire la panchina con 2 terzini perché oltre a Nica e Del Grosso non abbiamo alternative valide (forse Brivio, se si ripiglia)

  6. Scritto da riccardo

    E figuriamoci se non c’era il solito riferimento polemico a Marino…sta diventato una ossessione, Sig. Passirani. Veda di risolvere certi problemi personali in modo più diretto e passi ad altro perché sinceramente sta diventato un disco rotto.
    Con un Livaja del genere non capisco per quale ragione si debba tirare in ballo Gabbiadini, che segna poi ad una squadra di lega pro. Vuol dire proprio polemizzare per il gusto di farlo.
    A proposito, chi l’ha preso Livaja? Forse Marino?

  7. Scritto da Grigio

    Soliti giochi di parole connotate da un livore che porta ad esasperare lo spunto critico di Passirani anche quando proprio se ne potrebbe fare a meno. Sarebbe semplicemente bastato dare atto della correttezza di quanto anticipato da Colantuono: partita da inquadrarsi come prova generale per il campionato. Inoltre, per correttezza di cronaca, Gabbiadini è stato riscattato dalla Juve che, divenuta p.roprietaria de