BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Consegnano la richiesta alla guardia svizzera Il Papa riceve 26 ragazzi fotogallery

Alla fine del loro pellegrinaggio 26 ragazzi bergamaschi hanno scritto una lettera al Papa consegnandola ad una guardia svizzera. Dopo due giorni l'udienza privata alla Casa Santa Marta con Papa Francesco che li ha accolti e abbracciati: "Vi stavo aspettando"

Più informazioni su

Una lettera con una richiesta scritta in stampatello su un foglio di quaderno: vorremmo incontrare il Papa. Dopo due giorni la telefonata della Segreteria di Stato: "Il Papa vi aspetta". Un incontro che ha dello straordinario – il Pontefice infatti nel mese di agosto ha annullato tutte le udienze – per 26 ragazzi della provincia di Bergamo che si sono presentati alla Casa Santa Marta dove ad attenderli c’era Papa Francesco che li ha abbracciati e accolti così: "Vi stavo aspettando".

UNA LETTERA SCRITTA IN STAMPATELLO

Una lettera con la richiesta di poter incontrare il Papa consegnata ad una Guardia Svizzera domenica 11 agosto. A firmarla un gruppo di 26 ragazzi bergamaschi, accompagnati da Virna e Barbara, che hanno partecipato alla proposta dell’associazione “Al di là del mio naso” di Fara Gera d’Adda: dal 1° al 12 agosto, zaino in spalle hanno percorso a piedi la via Francigena nel tratto che da Siena conduce a Roma.

Oltre 250 chilometri percorsi in pieno spirito francescano fino alla tomba di San Pietro. Giunti in basilica hanno pensato di scrivere di getto una lettera a Papa Francesco con la richiesta di poterlo incontrare e l’hanno consegnata ad una guardia svizzera che controllava l’ingresso di Casa Santa Marta, la residenza del Pontefice. “Il 14 agosto, quando ormai ci eravamo un poco rassegnati e stavamo pensando a qualche altra idea per fargli arrivare un’altra copia, metto semplicemente la mano in tasca e sento vibrare il telefonino perché avevo tolto la suoneria – racconta Virna Grazioli responsabile dell’associazione Al di là del mio naso – “Sono don Fabian, voi siete il gruppo che ha scritto al Papa? Mi ha chiesto. Tra tutte le parole che ho detto mi è uscito un sì. Padre Fabian mi ha detto: “Il Papa non riceve in udienza nel mese di agosto ma vuole proprio salutarvi, venite all’ufficio di Santa Marta alle 17 e io preparo i permessi”.

L’INCONTRO CON PAPA FRANCESCO

Prima di entrare dal Papa abbiamo riletto la lettera scritta e poi eccoci accolti con sorrisi”. Il Papa ci ha detto “Vi stavo aspettando!”. Ci ha abbracciato e baciato uno ad uno con la sua stupenda semplicità”. Un incontro di quasi un’ora. I ragazzi seduti in terra mentre il Papa su una sedia ha risposto alle domande dei ragazzi. “Una volta seduto il Papa ha iniziato così – continua Virna -: questa mattina ho letto la vostra lettera, non sapevo dove eravate, se eravate ancora in Roma o se eravate andati. Vi ho chiamato, avete risposto, eccoci qui. Ascolto le vostre domande. Abbiamo semplicemente fatto al Papa quelle domande che ci eravamo posti durante gli undici giorni di cammino. È stato un dialogo tra un uomo semplice, umile, splendidamente capace di ascoltare il cuore di ognuno di noi”.

Prima di congedarsi Papa Francesco ha consegnato ad ogni giovane una corona del rosario, mentre i ragazzi hanno regalato a Papa Bergoglio una borraccia firmata da tutti. Il gruppo degli animatori dell’Associazione Al di là del mio naso è stato guidato da tre responsabili: Matteo Cresci, Virna Grazioli e Barbara Corna. "L’obiettivo del nostro cammino sulla via Francigena non era quello di incontrare il Papa – precisa Virna – ma quello di prendere del tempo per pensare alla nostra vita personale e di gruppo. Il nostro cammino non aveva neppure un obiettivo religioso, infatti alcuni di noi non sono neppure credenti, come abbiamo scritto nella lettera consegnata al gendarme". 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Emanuela

    Straordinario avvenimento, che per il NOSTRO Papa è semplice quotidianità!!!! grazie per aver reso pubblica la notizia

  2. Scritto da Arabella

    Emozionatissima per voi ,beati mi fate commuovere dalla gioia

  3. Scritto da semplicemente

    Una notizia che dà gioia….

  4. Scritto da lotty

    il mio papà, era un grande uomo, il più grande di tutti.

  5. Scritto da Virna Grazioli

    Lungo tutto il cammino ci hanno accompagnato domande su: chi sono io? Che cosa voglio essere? Abbiamo vissuto guidati da parole come essenzialità e provvidenza senza la pretesa di vivere in modo Francescano..

    Gli eventi e gli incontri stupendi avvenuti durante i primi 11 giorni hanno fatto nascere in noi il desiderio di incontrare Papa Francesco.

    Tutto e avvenuto come un Dono ED È’ DI QUESTO DONO E NULLA PIU CHE VOGLIAMO ESSERE TESTIMONI.

    Virna

    1. Scritto da Carla

      complimenti x il dono che vi siete meritati,dopo la vs. lunga camminata:l’incontro con PAPA FRANCESCO che rappresenta DIO,questo DONO riempia di GIOIA i vs. cuori ogni giorno e io partecipo alla vostra GIOIA. da Carla(sorella di Rosaria).CIAO

  6. Scritto da CONTI FRANCESCO

    Sono Francesco di Arcene. C’ero anche io all’incontro;e stato emozionantissimo vedere un Papa così umile e disponibile, rispondere alle nostre domande. Un incontro indimenticabile ed inaspettato.

  7. Scritto da Un grande

    Papa Francesco, un grande uomo, il più grande di tutti.