BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stragi in Egitto, Di Pietro: ‘Fermare il bagno di sangue Armi prodotte a Bergamo’

L'ex pm di Mani puliti e senatore dell'Italia dei Valori Antonio Di Pietro sul suo blog interviene sul bagno di sangue che sta travolgendo l'Egitto, chiede al Ministro degli Esteri Emma Bonino di rispondere alla denuncia dell'Opal, l'osservatorio permanente sulle armi leggere di Brescia, secondo la quale in questi giorni di violenza le forze di sicurezza avrebbero usato anche armi prodotte a Bergamo e Lecco per sgomberare i sit-in dei manifestanti pro-Morsi".

L’ex magistrato di Mani Pulite, il senatore Antonio Di Pietro chiede che l’Italia faccia sentire la sua voce a livello internazionale per fermare la rivolta di sangue che sta travolgendo l’Egitto. E invita il Ministro degli Esteri Emma Bonino a rispondere alla denuncia dell’Opal, l’Osservatorio permanente sulle armi leggere di Brescia, secondo la quale in questi giorni di violenza, le forze di sicurezza avrebbero usato anche armi prodotte a Bergamo e Lecco per sgomberare i sit-in dei manifestanti pro-Morsi.

L’INTERVENTO DI DI PIETRO

"Il bagno di sangue che si sta verificando in Egitto deve essere fermato immediatamente – scrive sul suo blog l‘ex pm di Mani Pulite -. Il tutto avviene senza che nessuno condanni il proprio e vero colpo di Stato che si è avvenuto in quel Paese. E l’Italia, che ha non poche responsabilità per quanto sta accadendo, deve far sentire la sua voce nello scacchiere internazionale". Quindi il senatore e presidente onorario dell’Italia dei Valori invita la "Comunità mondiale ad intervenire, aiutando in tutti i modi possibili il processo di democratizzazione del Paese e non basta solo convocare una riunione dei ministri degli Esteri europei. L’Onu non deve limitarsi ad una sterile condanna delle violenze, ma deve mettere in atto tutte le armi diplomatiche possibili per far cessare questa vera e propria guerra civile che sta provocando decine di morti. Per il petrolio dell’Iraq si sono mossi tutti subito. La stessa Unione europea, almeno una volta, deve dimostrare di avere una voce unica e prendere decisioni tempestive".

Ma la denuncia di Di Pietro interessa la terra bergamasca: "Il nostro ministro degli Esteri, Emma Bonino risponda alla denuncia dell’Opal, l’Osservatorio permanente sulle armi leggere di Brescia, secondo la quale in questi giorni di violenza le forze di sicurezza avrebbero usato anche armi prodotte a Bergamo e Lecco per sgomberare i sit-in dei manifestanti pro-Morsi".

LE AZIENDE PRODUTTRICI DI ARMI

"Tra le armi in dotazione ai militari egiziani ci sono fucili d’assalto della ditta Beretta – spiega il presidente della Opal, Piergiulio Biatta -. Tra i bossoli trovati ci sono quelli della Munizioni Fiocchi Spa di Lecco che ha uno stabilimento anche a Zanica, in provincia di Bergamo".

Secondo la Opal le esportazioni di armi dall’Italia sono in costante crescita tanto che nel 2012, durante il governo Monti, hanno raggiunto i 28 milioni di euro. Che cosa esporta il nostro Paese? L’Opal stende un lungo elenco: fucili d’assalto e lanciagranate della Beretta alle munizioni della Fiocchi, dalle bombe per carri armati della Simmel alle componenti per centrali di tiro della Rheinmetall, dai blindati della Iveco alle “apparecchiature specializzate per l’addestramento militare”. L’Osservatorio Permanente sulle Armi Leggere (Opal) di Brescia ha potuto esaminare attentamente la Relazione ufficiale sulle esportazioni di sistemi militari inviata al Parlamento nelle scorse settimane dal governo Letta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Max

    Prima della fine di settembre il pifferaio magico se lo pappano senza mezzi termini e se il prossimo farà un minimo pro piccole e medie imprese, sarà una passeggiata dimenticarsi il cialtrone.

  2. Scritto da ITALIAPOVERA

    ma cosa scrivete questi ti uccidono a sassate bastonate non hanno bisogno d’armi è nel loro DNA
    quando avevano ucciso Saddam tutti in festa infatti si vede oggi
    come sono messi

  3. Scritto da Willer

    28 milioni di € di export armi ? ma cosa scrivono ???? Siamo il secondo esportatore mondiale ( dopo USA ) . Superiamo i 3 miliardi di € di fatturato !! Per il resto è solo inutile propaganda.. Pensi a pagare l’Imu dei suoi 50 e oltra appartamenti frutto del duro lavoro di inutile politicante.

    1. Scritto da Kurt Erdam

      Per la precisione sono 10 appartamenti + 1 quindi possiamo dire 11 fra lui e tutta la famiglia a fronte di 56 particelle catastali.Come vede la malafede dei giornali berlusconiani non sempre la fa franca nei fatti.Purtroppo c’è sempre una manica di gente che vota comunque per lui e per dichiarare ruby nipote di mubarak.E che ha contribuito a farci diventare terzo mondo.

      1. Scritto da La verità fa male

        Guardi che a tirare fuori la storia degli appartamenti di Di Pietro è stato Report e non i giornali berlusconiani, lo ha ammesso lo stesso Di Pietro quando ha detto “la puntata di Report mi ha rovinato”. E comunque di che ci si lamenta? è la classica storia dell’inquisitore, che politicamente ha campato e marciato sulle vicende giudiziarie, il quale a un certo punto viene messo fuori gioco con i metodi che lui stesso usava contro gli avversari politici

        1. Scritto da Kurt Erdam

          Report ha dato informazioni sbagliate e i mezzi del “satrapo”hanno adottato i sistemi consueti per far fuori chi non lo appoggia.E,secondo il vostro stile,continuate a dare notizie false e sbagliate sicuri che la gente vi creda.Comunque rimpirliate il pipì in dà’cuna gli appartamenti sono 11 e le particelle 56 e non ci sono reati né processi in corso.Ma la destra continua a sparare e cercare consensi in malafede.Io non ho mai votato Di Pietro ma fra Di Pietro e il “satrapo”niente dubbi!!!!

          1. Scritto da La verità fa male

            “sono 11 gli appartamenti e 56 le particelle” dove per particelle catastali si intende appezzamenti di terreno (più o meno grandi, non avendo sotto mano la visura catastale non sono in grado di saperlo). E secondo lei quante tra le persone normali che commentano su BG News possiedono 11 immobili e 56 terreni? Trattasi di privilegiato come tutti quelli che vivono di stipendi parlamentari

          2. Scritto da Kurt Erdam

            Non mi interessa granché;non ci sono processi in corso e la solita destra berlusconiana ci specula sopra come con le calze azzurre del giudice.Mia moglie è di origine contadina meridionale quando ho fatto le visure per l’IMU sono usciti un po’ di fogli con pezzettini di terreni cointestati a 7/8 fratelli alcuni anche a lontani cugini e zii per un tot.di 36€.Se fossi un Di Pietro mi passereste per ricchissimo proprietario terriero.Il compenso mensile di un’olgettina ne vale + di un secolo.

    2. Scritto da Kurt Erdam

      La sua disinformazione (o malafede) va corretta.Guardi che Di Pietro non ha 50 appartamenti,c’è un equivoco fra partite catastali e appartamenti posseduti,ovviamente gonfiato dai giornalucoli del satrapo condannato .Non mi ricordo di preciso ma gli appartamenti sono pochi.Siccome io non sono scemo sono andato a vedere prima di dire castronate.Veda lei.

      1. Scritto da willer

        Quindi mentre noi affondiamo i nostri politici di qualsiasi colore si gonfiano le tasche e sistemano generazioni. Questa situazione è inaccettabile. Un appunto personale, io non sono in “malafede” , mi basta vedere i miliardi di € che si sperperano e che rubano tutti. Mi stupisce il fatto che Lei caro Kurt veda solo le malefatte ( e ci sono eccome ) di Dx e difende la sx sempre e ovunque, così non si arriva da nessuna parte, anzi al solito scontro “tu hai rubato” no “tu hai iniziato prima.”

        1. Scritto da Kurt Erdam

          Mi consenta di considerare che la malafede c’è quando chi come lei dice che”sono tutti uguali”perché NON E’ VERO.Un ministro di sinistra si è dimesso per irregolarità amministrative pari a 3000€ per gli anni dal 2007 al 2012 una cifra ridicola e una sanzione amministrativa.Ma si è dimessa.Berlusconi condannato in terzo grado”tiene duro”perché ci sono quelli come lei.Io non mi ritenevo di sinistra ma disapprovando malversazioni,corruzioni evasione ecc.. mi ritrovo schierato.mio malgrado.

      2. Scritto da willer

        Caro Kurt non ne faccio una questione di dx o sx , mi sono informato, la replica della giornalista è stata: togliendo gli appartamenti intestati alla moglie e figli ne risultano 45 compresi garage e terreni per un valore di 5 milioni di €. Se continuava a fare il magistrato, se li scordava, quindi i soldi li ha fatti con la politica in cambio di nulla. ..segue

        1. Scritto da Kurt Erdam

          A me risultano 10+1 appartamenti ed un totale di 56 particelle cosa plausibile e nessun procedimento penale in corso.E’ chiaro che l’essere di Dx o SX non è a priori una patente di onestà ma guardiamo chi ha governato nei fatti negli ultimi 20 anni.Se mi legge mi sentirà parlare di”classe dirigente”non solo di politici.Qui è il sistema da cambiare e la democrazie da rifondare.Non si può parlare di democrazia con il volume di mezzi mediatici in mano a berlusconi.Vincerà sempre lui.

      3. Scritto da Luca

        Guardi che una delle prime a parlare di 56 appartamenti fu la giornalista Sabrina Giannini in un servizio di REPORT , trasmissione non proprio vicina a Berlusconi .

        1. Scritto da Kurt Erdam

          Vero, ed ha sbagliato erano particelle,d’altra parte le cose sbagliate non sono monopolio solo berlusconiano,anche se ci manca poco.Il seguito,però è tutto dei giornalucoli berlusconiani che secondo il loro stile hanno bastonato gli avversari del satrapo,come con fini,con boffo,col giudice delle calze turchese,con la boccassini,con prodi presunto agente KGB e con quello di adesso Esposito mi pare.questo è il problema che fa dell’Italia una non democrazia dall’apparire di berlusconi.

        2. Scritto da Luca

          56 proprietà…..

  4. Scritto da dd

    Si tratta solo di una forma d’ IPOCRITA BUONISMO AUTOLESIONISTA ALL’ITALIANA.
    Ecco cosa penso di quanto dice Di Pietro.
    Molte nazioni del mondo hanno eserciti che usano armi per difendersi o per aggredire.Spieghino a Di Pietro che se un folle usa il coltello per tagliare il salame per uccidere una persona, poi non se la deve prendere con la Cina perchè lo ha prodotto, o con la Francia perchè è stato comprato all’Auchan.

  5. Scritto da La verità fa male

    Trombonate. Ciò che accade in Egitto e in Siria (e ciò che sta per accadere in Tunisia) è il frutto dell’entusiasmo europeo, italiota e americano per le mitiche “primavere arabe”, esaltate a prescindere e senza conoscerne a fondo i protagonisti, salvo poi scoprire dopo nemmeno un anno che i nuovi eletti sono satrapi uguali se non peggiori di quelli abbattuti. L’Italia dal 2011 (governo Monti) non ha avuto uno straccio di politica estera e i risultati li stiamo vedendo

    1. Scritto da Kurt Erdam

      Da noi il vostro satrapo ha avuto voce in capitolo per un ventennio e invece della primavera abbiamo avuto l’autunno e adesso ci aspetterà l'”inverno”.E’ certamente il peggiore in assoluto anche confrontato con quelli che dice lei.Là li cacciano via,qui ha ridotto l’Italia in miseria e ha la protervia di dire che vuole governare ancora e le soluzioni a tutti i problemi.La domanda è ma se ha le soluzioni perché siamo in rovina e visto che siamo rovinati perché c’è gente che lo vota ancora?

      1. Scritto da La verità fa male

        Il satrapo italiano ha avuto voce in capitolo perchè era sempre liberamente votato da almeno un terzo degli elettori. Quando il satrapo è caduto in declino, un quarto degli italiani ha iniziato a votare un ex comico che spara cavolate talmente terrificanti a confronto delle quali Calderoli è un lord inglese. Se io fossi un dirigente del PD mi chiederei seriamente: quali errori abbiamo commesso visto che i nostri connazionali preferiscono un personaggio come Grillo a noi?

        1. Scritto da Kurt Erdam

          Domanda ridicola la sua,l’errore commesso dal PD(lo sa anche la mamma del gatto)è l’impressione di convivere pacificamente con berlusconi dividendo il potere con lui.Non è vero ma visto come sono andate le cose grillo ha buon gioco nel denunciarlo e molta gente gli crede.Il problema è sempre il personaggio berlusconi che riesce a sconfiggere i suoi avversari anche dando l’impressione che non lo abbiano avversato abbastanza.Grillo con berluska è più soft che col PD ma anche viceversa..

        2. Scritto da Kurt Erdam

          Il declino italiano è dovuto anche a un “satrapo”che è riuscito a farsi eleggere raccontando un sacco di palle perché dispone di una dotazione di mezzi mediatici fra televisioni e giornali che non ha uguali al mondo.E’ stato al governo un sacco di anni senza combinare nulla di buono e dichiarando di governare nel tempo libero.e adesso è stato anche condannato in terzo grado di giudizio.Ma “tiene duro” perché ha dietro le spalle gente come lei che ha sicuramente i suoi interessi da difendere

          1. Scritto da La verità fa male

            Non ho interessi da difendere se non quelli dei miei clienti (le piccole imprese o “impresari / bottegai”, come sono definiti dai cattosinistri e dai burocrati come Befera). Fino a quando i miei clienti e il sottoscritto saranno definiti “evasori fiscali” a prescindere, generalizzando, non potrò mai votare a sinistra, esattamente come lei si incavola e non vota Grillo quando dice che i pensionati “galleggiano”. Solo che lei se la prende troppo per le sparate di un ex comico

    2. Scritto da aris

      perchè è politica estera invitare gheddafi in italia con entourage e hostess, andare da putin a fare che non si capisce (salvo poi scoprire che paghiamo il gas russo il triplo), andare 10 volte da Erdogan a negoziare cosa? (to’, caso strano ho citato 3 dittatori). Chiarire prego

      1. Scritto da La verità fa male

        Con Gheddafi ci hanno fatto affari tutti, Prodi compreso, il quale Prodi ha un debole per i cinesi. D’Alema ministro degli Esteri passeggiava per le vie di Beirut con i rappresentanti di Hezbollah. Diliberto ministro della Giustizia è andato all’aeroporto ad accogliere la Baraldini, condannata negli USA per terrorismo. Politica estera significa avere a che fare soprattutto con i dittatori, e i governanti italioti (di destra e di sinistra) sono flessibili e forti di stomaco

        1. Scritto da Kurt Erdam

          Vero in politica estera si ha a che fare con tutti, ma lo sputtanamento che abbiamo avuto noi col satrapo fra i cucù,le corna,le urla sguaiate a Obama redarguite anche dalla regina Elisabetta più tutti i bunga-bunga con putin,quello della Cecoslovacchia che girava nudo nella sua villa in Sardegna ecc…ecc…ecc..non lo ha mai procurato nessuna altro nè in Italia né all’estero. Praticamente non ho memoria di capi di governo così scadenti.Ho dovuto anche vergognarimi personalmente.

          1. Scritto da La verità fa male

            Quello che girava nudo nella villa in Sardegna era il premier della Repubblica Ceca, la Cecoslovacchia non c’è più nel 1993. Lapsus freudiano o nostalgie comuniste? P.S. all’estero siamo stati sputtanati dai seguenti eventi: aver cambiato alleanze in entrambe le guerre mondiali, tradendo le nazioni con cui ci eravamo accordati; le foto della munnezza che invadeva la terza città italiana; la nostra ridicola giustizia e l’ancor più tragica burocrazia ….. altro che bunga bunga!

          2. Scritto da Kurt Erdam

            Mi sembra di capire che lei all’estero c’è stato poco e per ferie.E’ rimasto indietro.Io,purtroppo,ci sono stato tanto e per lavoro,da manager svedesi sull’aereo Pechino-Copenaghen a industriali turchi,a taxisti tunisini a tecnici peruviani moltissime (troppe) volte mi sono visto il dito puntato accompagnato dallo sghignazzamento BUNGA-BUNGA.Poi non avendo niente da fare la sera mi leggevo i giornali e mi creda non erano come “Libero”o”Il giornale”.Veramente da vergognarsi.Altro che palle

          3. Scritto da La verità fa male

            Non ho il minimo dubbio che un ex dirigente di azienda come lei ha viaggiato all’estero più di me, per ragioni di lavoro. Sono stato cinque giorni all’estero (ogni tanto una piccola vacanza me la concedo) e nonostante fosse strapieno di italiani non ho mai sentito nominare da nessuno la parola “Berlusconi” (per mia fortuna, in vacanza non voglio sentir parlare di queste vicende). All’estero hanno i problemi loro a cui pensare, non corrono dietro alle buffonate della politica italiana

          4. Scritto da Kurt Erdam

            Il disagio che si prova(provavo)in contesti esteri non era quello dei turisti italiani che,a torto o a ragione,esternano il loro lamento della serva.Era quello relativo alle esternazioni dell’imprenditore o del grande manager o,a volte,del tecnico di reparto.Poi anche giornali locali ci seguono con più attenzione di ciò che pensate.Ad esempio nel 95/98 Di Pietro era presentissimo sui giornali turchi e sembrava candidato ad un futuro radioso.E berluska a 2 facce era anche sul China-daily

        2. Scritto da Brad

          Che stomaco! Un’umiliante schifezza della portata di quella concessa da berlusconi a geddafi non ha precedenti nella storia d’italia !!!!

  6. Scritto da Ivan

    se io produco un fucile con questo posso:
    andare al poligono,andare a caccia, collezionarlo,oppure usarlo per difesa o per offesa.
    Caro il mio Di pietro lo stato da quelle armi non ha preso dei soldi sotto forma di tasse? e che tasse!!!

    non è forse lo stato che vuole ordinare aerei da caccia per la difesa? leggete bene caccia per la difesa e a quale prezzo?
    Non fate i moralisti che a Mubarak e Gheddafi stendavate i tappeti rossi quando arrivavano a visitare la povera Italia!!

    1. Scritto da il polemico

      mubarak e gheddafi comandavano nei loro paesi,se volevi intrapendere scambi o accordi commerciali e quant’altro con questi 2 paesi,con chi avresti dovuto parlare?con il numero 5 del governo?saranno stati dittatori,ma erano quelli con cui bisognava trattare,nessun altro….e la libia fino a qualche anno fa,soddisfava il 20% di fabbisogno energetico dell’italia,preferivi il 20% degli italiani al buio,pur di non trattare con gheddafi?

      1. Scritto da Ivan

        ha detto giusto comandavano! ma chi li ha messi li il popolo?
        era necessario il tappeto rosso ed il baciamano?
        per favore sig. polemico, non esistono solo la libia e l’egitto!
        non esiste solo il petrolio o il metano, ci sono molte altre risorse,ma gli interessi sono troppi!
        In quanti altri paesi ci sono le guerre e nessuno sa nulla?
        ci pensi!si rende conto che la benzina in egitto costa 20 centesimi di euro e nelle accise che lei paga della benzina ci sono anche le spese di guerra!

  7. Scritto da oscar

    così poi le comprano dai russi

    1. Scritto da Brao Oscar

      Bravo Oscar, tu si che hai capito a cosa servono i massacri di civili: a fornire le armi e far lavorare le nostre fabbriche, se no lavorano quelle degli altri. Brao Oscar

      1. Scritto da a favore delle fabbriche

        Poca ipocrisia.
        Fino a quando le sparano a loro è poco male…affari loro, noi pensiamo al nostro.

  8. Scritto da il polemico

    le auto durante l’anno, sono causa di migliaia di morti,che si fa con loro,caro di pietro?si deve far compilare un modulo sullo specifico utilizzo delle armi ai potenziali acquirenti?ogni ocasione per esternare e far vedere che c’è,è buona….

    1. Scritto da ocirne

      Sig. polemico, non sono un suo estimatore…ma stavolta devo ammettere che…siamo al massimo dello squallore !

    2. Scritto da pa pa gal

      mps?????????????

      1. Scritto da il polemico

        parlare per ora ancora di mps?ma i 4 miliardi rubati all’italia non ti sono bastati?è cè ancora 1 miliardino che perderanno con l’affare zalesky,ecco spiegato il perchè il pd non vuole eliminare l’imu sulla prima casa.accidenti:(((( grazie per tenere la guardia alta sulla banca del bersani…..continua cosi

        1. Scritto da Kurt Erdam

          Ancora con MPS? ma dai i ladroni sono quelli delle multe quote latte che non avete ancora restituito,son quelli della bad company Alitalia,.Ma non si vergogna a tirare in ballo mps?,è proprio a corto di argomenti.Continua a menarla con un prestito e non parla dei veri furti della destra che hanno portato l’Italia in rovina.Ma pensi alla Maddalena,all’Aquila.ma cresca un po’.. ma poi non è andato a informarsi bene?non lo sa che dietro il marcio di MPS ci sono Letta,Verdini e soci.?

          1. Scritto da Cabaret

            Ah, ma allora anche Kurt pensa che dietro a MPS ci sia il marcio.
            Berlusconi, naturalmente.
            Kurt, datti al cabaret

          2. Scritto da Kurt Erdam

            Io sono capace di leggere e vado a cercare su internet (almeno fin che si può)le notizie relative agli argomenti che mi interessano.A differenza di chi nella destra tramite giornale e libero stabilisce anche che una sentenza è sbagliata perché il giudice che l’ha emessa porta le calze turchesi.Questa è la differenza giovanotto.Dietro MPS ci sono gli interessi di tutti quelli che li hanno; compreso berluska che da mps è stato finanziato.I soldi non puzzano mai.Si svegli..

        2. Scritto da AdosCoiSape

          mps ?