BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Aggredisce e deruba la compagna: 30enne inseguito e arrestato

Prima ha aggredito la compagna in strada sottraendole i bambini, poi l'ha derubata e due agenti della polizia locale dell'Unione Insieme sul Serio sono intervenuti con un inseguimento rocambolesco per le vie del paese. Braccato ha preso a calci e pugni un agente, ma l'uomo - un 30enne con precedenti penali - è stato arrestato.

Più informazioni su

Ha aggredito la convivente in strada, le ha messo le mani al collo insultandola, poi le ha sottratto i bambini. La giovane donna chiama aiuto e sul posto, in via 25 Aprile a Gazzaniga, intervengono due agenti dalla polizia locale dell’Unione Insieme sul Serio. I due agenti identificano l’uomo, un 30enne con precedenti penali, e lo invitano a calmarsi ma il giovane non esita ad inveire verbalmente a più riprese nei confronti dell’agente e dell’ufficiale con insulti e minacce di morte. Sono da poco trascorse le 17.30 di martedì 13 agosto quando l’uomo con violenza si scaglia sulla convivente e le strappa la borsa contenente portafogli, soldi e documenti, spintona uno dei due vigili e si dà alla fuga. A questo punto, l’agente aggredito afferra le manette dal cinturone e, non con poca fatica, riesce insieme alla collega a bloccare il malvivente in via Manzoni, di fronte al municipio.

L’uomo, già noto alle Forze dell’Ordine per precedenti penali di rapina e spaccio di droga, ha incessantemente opposto forte resistenza alla polizia locale con calci, morsi e testate, reiterando minacce e parolacce, tentando in ogni modo di divincolarsi, strappando persino i pantaloni ad un agente ed aggrappandosi alla sua pistola d’ordinanza. E’ stato pertanto deferito all’Autorità Giudiziaria per un’ampia gamma di reati perpetrati, tra cui oltraggio, violenza, minaccia, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. In supporto alla polizia locale sono intervenuti alcuni cittadini che hanno assistito all’aggressione della donna, due autoradio della polizia locale e i carabinieri di Albino.

"La polizia locale – afferma in una nota Mirko Lizzola, l’agente aggredito che ha riportato contusioni – non eleva solo verbali al codice della strada ma contribuisce fermamente nella sua attività di controllo capillare del territorio a garantire elevati standard di sicurezza a tutta la collettività. Sono scattate le manette all’uomo per evitare che la situazione potesse ulteriormente degenerare, data anche l’intensa affluenza di famiglie con bambini piccoli alla fiera di Gazzaniga. Un plauso a tutti coloro che hanno seriamente sostenuto noi poliziotti locali nelle fasi più critiche di questo spiacevole avvenimento".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.