BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Legge antivivisezione Garattini contro il Ministro: uno stop alla ricerca

Protestano i ricercatori dei laboratori italiani che praticano la vivisezione per curare le malattie dell’uomo: la legge approvata dal parlamento il 31 luglio "mette in pericolo la scienza nel nostro Paese". Alla testa del dissenso il direttore del Negri Silvio Garattini.

Protestano i ricercatori dei laboratori italiani che praticano la vivisezione per curare le malattie dell’uomo: la legge approvata dal parlamento il 31 luglio "mette in pericolo la scienza nel nostro Paese".

Le lettere arrivano in quantità al ministero da tremila scienziati di diversi istituti di ricerca fra cui anche il direttore dell’Istituto farmacologico Mario Negri di Bergamo Silvio Garattini.

Nell’articolo 13 della Legge che recepisce la norma europea si restringe la vivisezione e si incentiva il ricorso ai metodi sostituivi di ricerca. Non è più possibile allevare nel territorio nazionale cani, gatti e primati non umani destinati alla sperimentazione ed è obbligatorio l’uso di anestesia che fino ad oggi non veniva usata in almeno il 20% degli esperimenti.

Vietato anche l’utilizzo di animali per gli xenotrapianti, “quando si modifica geneticamente l’organo di un animale donatore per renderlo compatibile con l’uomo” oppure per “far produrre agli animali grandi quantità di farmaci, anticorpi o vaccini”.

La Lav, Lega anti vivisezione, aveva commentato “questo è il coronamento di una battaglia di attivisti e associazioni che è in corso da anni”. 

Ecco cosa ha scritto nella lettera aperta di Silvio Garattini al ministro della Ricerca Maria Chiara Carrozza: “L’articolo 13 […] è una infrazione nei confronti dell’Unione Europea che vuole armonizzare la sperimentazione animale in tutti i Paesi europei ed è pure un grosso ostacolo alla collaborazione con altri ricercatori europei per competere per i fondi comuni di ricerca. […] Non si potranno più fare ricerche sui tumori umani impiantati nei topi per trovare nuove terapie, non si potranno più studiare le droghe negli animali d’esperimento […] è ridicolo, farà indignare il mondo, aggiungendo questa insensata legge alla terapia Di Bella, al processo contro i geofisici, a Stamina e così via”.

Riguardo ai “metodi sostitutivi” che la legge vorrebbe promuovere il sito del Mario Negri di Bergamo dice: “Per molte malattie dell’uomo su base genetica non esistono rimedi efficaci e la possibilità di utilizzare animali geneticamente modificati può essere l’unico strumento valido".

Al contrario per il medico e tecnico del ministero Massimo Tettamanti: “E’ la medesima GlaxoSmithKline a dichiarare che la vivisezione non serve. Ho condotto uno studio basandomi su documenti diffusi dalla multinazionale britannica, nonché sui fogli illustrativi dei medicinali commercializzati dalla medesima azienda. Se ne evincono dichiarazioni che lasciano ben pochi dubbi sulla validità della sperimentazione animale”.

Viola Carrara

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mariangela corrieri

    Contro la protesta del sig. Garattini, torturatore di migliaia di animali e difensore di questa tortura che per lui è dogma, a favore di una scienza degna che è dubbio e discussione, sintetizzando dico che un topo non è modello all’uomo e che proprio perchè preso a modello in decenni di ricerca e miliardi di denaro buttato nessuna delle peggiori malattie viene oggi curata e vinta.

  2. Scritto da mariangela corrieri

    Contro la protesta del sig. Garattini, torturatore di migliaia di animali e difensore di questa tortura che per lui è dogma, a favore di una scienza degna che è dubbio e discussione, sintetizzando dico che un topo non è modello all’uomo e che proprio perchè preso a modello in decenni di ricerca e miliardi di denaro buttato nessuna delle peggiori malattie viene oggi curata e vinta.

  3. Scritto da Luigi

    Credo che dd non conosca la parola Vegan. In questa parola ci sono tutte le risposte. Ecco alcuni siti.
    http://www.cambiamenu.it/
    http://www.viverevegan.org/web/

  4. Scritto da dd

    vorrei proprio conoscere tutti questi difensori degli animali DOCG, e vedere se poi non mangiano carne, non consumano latte, uova, non vestono con cuoio o pelle, ecc.. sarei proprio curioso di saperlo..

  5. Scritto da Luigi

    Spettacolare quello che scrive il Dr. Garattini “fare ricerche sui tumori umani impiantati nei topi”… il top della scienza, è come voler studiare le proprietà nutritive dell’arancia sperimentando sulla mela. Si occulta sempre la vera natura della vivisezione. Un farmaco dopo la vivisezione viene comunque sperimentato sugli umani e molti perdono la vita per questo. Ma quante persone devono ancora morire prima di capire che la vivisezione è inutile, fuorviante e pericolosa per noi?

    1. Scritto da Carlo

      Mi pare evidente che lei Luigi non sa nulla di biologia, ma fa persino dei paragoni. Non le pare un tantinello arrogante? Le faccio poi presente che se testassimo direttamente migliaia di molecole sull’uomo (quale?) invece che filtrarle ad alcune decine con i test sui modelli, la farmacologia sarebbe una roulette russa giocata sulla pelle dei malati. E’ questo che volete? Di certo molte farmaceutiche sarebbero felici di risparmiare i costi della sperimentazione animale…

  6. Scritto da roberta

    Spero che, se a uno degli estremisti della LAV dovesse capitare una di quelle malattie che oggi si curano grazie alla sperimentazione animale, questo per coerenza si rifiuti di essere curato; o meglio, l’ospedale stesso si rifiuti di curarlo. Per coerenza.

    1. Scritto da TIRRY

      CONDIVIDO AL DIECIMILA PER CENTO!!!!!!