BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La “bomba” Zaleski sull’autunno delle banche italiane

Fabio Pavesi sul Sole 24 Ore descrive la "bomba a orologeria" che di nome fa Romain Zaleski della Tassara che ha ricevuto prestiti miliardari dalle banche, Intesa in testa, ma anche Montepaschi, Unicredit, Mediobanca e la bergamasca-bresciana Ubi.

Fabio Pavesi sul Sole 24 Ore descrive la "bomba a orologeria" che di nome fa Romain Zaleski della Tassara che ha ricevuto prestiti miliardari dalle banche, Intesa in testa, ma anche Montepaschi, Unicredit, Mediobanca e la bergamasca-bresciana Ubi.

 

Sarà un autunno rovente per il raider franco-polacco Romain Zaleski e la sua Tassara.

E sarà il momento della verità del lungo connubio con le principali banche italiane.

Un primo segno del precipitare della situazione è stato il passaggio degli 800 milioni di crediti di Intesa Sanpaolo da prestiti in ristrutturazione a prestiti incagliati.

Vuol dire che per quei crediti netti (l’importo lordo è di 1,2 miliardi) il rischio che si tramutino in perdita per la banca è sempre meno remoto.  

Poi UniCredit, altro grande prestatore di denaro a Zaleski, ha manifestato tutto il suo disappunto sul percorso di riassetto.

Il filo lungo che lega storicamente il finanziere alle banche è quindi sempre più sottile.

Viene al nodo la politica scellerata di aver ricoperto di prestiti ingenti, circa 2,9 miliardi, un puro raider.

Non un imprenditore ma uno speculatore di Borsa.

Le attività della Tassara infatti sono fatte pressochè tutte da partecipazioni per 2,3 miliardi (bilancio 2011) su 2,7 miliardi di attivo.

Il gioco perverso giocato dalla Tassara in tutti questi anni era questo. Tu banca mi presti denaro e io con quel denaro compro le tue azioni. Il che pone Zaleski (e le banche) nel più classico conflitto d’interessi.

Zaleski è contemporaneamente debitore e azionista delle banche. Con risultati devastanti.

La crisi finanziaria con la caduta dei titoli in borsa ha prodotto il dissesto della Tassara. Dal 2008 infatti siamo al terzo gito di boa della ristrutturazione dei debiti.

Le banche concedono tempo per la restituzione dei prestiti alzando un poco i tassi.

La situazione già a fine del 2011 era esplosiva. La Tassara ha dovuto svalutare le partecipazioni e ha bruciato tutto il capitale finendo addirittura con patrimonio negativo per 430 milioni. Una situazione fallimentare.

Il 2012 (il bilancio non è ancora disponibile) con il recupero delle quotazioni dei titoli e le operazioni Edison e la quotazione di Alior Bank potrebbe aver visto migliorare la situazione. Che resta però senza dubbio pesantissima. 

Le Intesa Sanpaolo sono in pancia a Tassara a 3,59 euro di valore (oggi quotano 1,5 euro); le azioni Mps sono state pagate 1,49 euro (oggi 0,2 euro); le Ubi Banca sono a bilancio per oltre i 12 euro contro prezzi di mercato di 3,4 euro.

Alla fine il valore di mercato delle partecipazioni è poco più della metà rispetto ai 2 miliardi messi a bilancio.

Ci vorrebbe un miracolo.

Ovvero sia che i prezzi di Intesa, Mps, Ubi banca e Bpm si mettano a recuperare il 100-200% per mettere al riparo Tassara.

Ma le banche che hanno finanziato improvvidamente per i suoi acquisti di Borsa il raider franco-polacco ora non hanno più tempo di aspettare.

Rischiano come per Intesa di perdere buona parte dei 2,4 miliardi di crediti in capo a Zaleski.

Ecco perchè sarà un autunno caldo, molto caldo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da M.angela

    ….. Mi sembra abbastanza ovvio ,le banche devono rivedersi con il sig. Zaleski e rimettere le loro sporche operazioni/speculazioni al loro posto, e non in c…o a noi,!!!

  2. Scritto da Albe

    Fino a quando non riusciremo a ficcare in galera (per sempre…) chi ha fatto e chi ancora fa questo tipo di truffe, non avremo alcuna possibilità di salvarci.

    1. Scritto da Andy Baumwolle

      Si certo con quelli però che gli hanno prestato i soldi per comportarsi azioni della stessa banca creditrice
      E lo sapevano benissimo a chi prestavano i soldi

  3. Scritto da sem

    sicuri ke ha fatto tutto da solo?

  4. Scritto da T.Tasso

    Tasse, tasse, tasse, tasse, ….per chi, adesso? Ma per Tassara, ovvio! Un nome un programma!

  5. Scritto da LADER

    non vi preoccupate altra manovra salva banche e chi paga ?
    NOI !!!!!!!!!

  6. Scritto da rota bruno

    perchè bomba? costui è un mostro economico creato dalle banche stesse ! che pure lo hanno usato per i propri interessi più o meno nascosti ed ora che che se lo sciroppino loro !!!

    1. Scritto da Albe

      Il problema caro Bruno è che le alte e illuminate dirigenze delle banche fanno pagare tutte le loro malefatte ai dipendenti che tutti i giorni cercano di fare un buon lavoro con umiltà e dedizione. Lo fanno con piani di ristrutturazione, chiusure di filiali “poco redditizie” e togliendo i già miserabili bonus degli impiegati. Mentre loro si aumentano emolumenti, i bonus del 5% e altre fregature varie (per noi). È assolutamente necessario trovare il modo di cacciati via!!!

  7. Scritto da il polemico

    cavolo,e uno di questi che ha prestato soldi alla tassara,è diventato superministro del governo monti.fortuna che è tutto agli occhi del sole,altrimenti le banche facevano emettere alla tassara miliardi in obbligazioni che poi le banche rifilavano ai piccoli risparmiatori,come fecero con la cirio.banchieri spregiudicati che giocano con soldi altrui e rimangono impuniti,perchè se qualcosa va male,cè sempre il monti di turno ad intervenire…

    1. Scritto da Assorèta

      Non è h ti viene in mente qualcuno che le banche non le dirige ma ne possiede una buonissima quota ?

      1. Scritto da il polemico

        e quindi??pure qui è colpa del berlusca e delle olgettine??e la cosa piu strana,è pure esposta la mps….altri gioci,altri debiti???