BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Yara, l’uomo delle lettere anonime non è mitomane Nessuna denuncia, né Dna

Si apre un nuovo giallo nel caso del delitto di Yara Gambirasio. "Mario", l'uomo delle lettere anonime e delle telefonate per ora non verrà denunciato per procurato allarme e non sarà sottoposto al prelievo del Dna. Perché? E che cosa ha detto in Questura?

Non è un mitomane. Lo ripetono in Questura, quasi a rimarcarlo. Mario, ovvero Domenico De Simone, 60 anni, oroginario di Cosenza e residente a Bergamo, a lungo collaboratore di Giustizia è l’autore del messaggio lasciato sul registro degli ospiti all’ospedale di Rho: "L’assassino di Yara è passato da qui, che Dio mi perdoni". Poi altre lettere e alcune telefonate al centralino dell’ospedale di Rho, l’incontro con un giornalista de L’Eco di Bergamo, fino all’epilogo in Questura venerdì 9 agosto.

Quattro ore di interrogatorio per ricostruire che cosa sapeva del caso di Yara Gambirasio, la 13enne di Brembate Sopra scomparsa la sera del 26 novembre 2010 e ritrovata senza vita il 26 febbraio 2011 in un campo di Chignolo d’Isola. De Simone ripete e racconta che alcuni giorni dopo la scomparsa, (o dopo alcuni mesi?) ha sentito nella sala d’attesa del pronto soccorso del policlinico di Ponte San Pietro due donne parlare di un braccialetto perso in palestra. Un braccialetto con le iniziali. "Devi tornare a prenderlo in palestra, ma non devi parlare con nessuno" avrebbe detto una donna ad un’altra quarantenne che era ferita ad una mano. Ecco tutto quello che si sa di quel racconto. Eppure in Questura non hanno lasciato nulla al caso, seppure confuso e molto vago il racconto di De Simone sarà verificato.

Però rimane un giallo, con diversi interrogativi: perché nessuno ha prelevato un campione di materiale genetico a quest’uomo, quando sinora sono stati prelevati 18mila campioni di Dna? Perché De Simone non è stato denuciato per procurato allarme, lasciando spalancata la porta ad altri mitomani? Perchè chi indaga si ostina a non definire De Simone un mitomane? Ha raccontato altri dettagli utili all’indagine?

Nella tormentata e difficile vicenda di Yara Gambirasio, il caso De Simone apre a suo modo un piccolo giallo nel giallo. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.