BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La piscina del villaggio proibita ai profughi “Come nell’Apartheid”

Critiche dalla stampa internazionale sul caso Bremgarten, dove ai richiedenti asilo è proibito andare nella piscina pubblica o avvicinarsi ad aree scolastiche o sportive. Tu cosa ne pensi?

Si chiama Bremgarten, ha tutto per essere considerata una delle cittadine più belle della Svizzera (e forse d’Europa) ma è finita al centro di una burrascosa polemica. E quando si parla di diritti umani la questione si fa più delicata che mai. Già, perché nel ridente Comune del Canton Argovia nel giugno scorso è stato aperto un centro per richiedenti asilo. Nulla di strano, fin qui. Se non fosse che gli ospiti della struttura devono osservare dei divieti piuutosto singolari, e guai a sgarrare: è vietato fare il bagno nella piscina pubblica del villaggio, è vietato avvicinarsi alle scuole ed è vietato frequentare le aree destinate alle attività sportive.

L’Indipendent, come riporta il Blick, ha paragonato la situazione di Bremgarten a quella dell’apartheid sudafricana, mentre la Bbc, ha dato la parola all’Unhcr, l’organizzazione dell’Onu che si occupa di tutelare i diritti per i rifugiati, che non ha avuto alcun remore nel parlare di "razzismo". "E’ scioccante che la Svizzera, dove si trova la sede dell’Onu sia attuata una politica discriminante nei confronti dei rifugiati" ha detto Gerry Simpson, rappresentante dell’organizzazione per i diritti umani "Human Rights Watch".

Il centro, come detto aperto da poche settimane, è stato organizzato in una vecchia caserma militare e può ospitare fino a ottanta persone. A creare ulteriore polemica è la posizione: la struttura, infatti, si trova a circa 2mila metri di altezza ed è ben lontana da negozi e centri di aggregazione.

Per gli ospiti, comunque, è previsto un programma di attività che consente loro di rendersi utili. Il Comune di Medel impiega queste persone in lavori di pulizia delle strade o di cura dei sentieri. A ogni richiedente asilo-lavoratore viene corrisposta una paga di 30 franchi al giorno.

Tu cosa ne pensi? L’Onu dovrebbe intervenire?

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ex elettore

    I profughi gli fanno schifo ma i soldi dei dittatori di tutto il Mondo, degli evasori, dello spaccio delle mafie della criminalità di tutto il Mondo quelli li prendono e volentieri…..

  2. Scritto da Carlo

    come volevasi dimostrare: nel paese in cui il “ma si,sono persone” va alla grande..infatti i risultati si vedono:zingari ai semafori che chiedono soldi,marocchini che spacciano,bande di albanesi che rubano e si adoperano nelle loro faide a suon di fucili,pistole,coltelli..ma si poverini, bisogna trattarli come persone..e vengono qui con la precisa idea che “tanto in italia si può fare il cavolo che si vuole”..in svizzera se sgarri vai in carcere,punto!e lo sanno e infatti stanno buoni!

  3. Scritto da Gaetano Bresci

    oh razzistelli locali, informatevi su come venivano trattati pure gli italiani immigrati in svizzera prima di sparare m….iate.

  4. Scritto da makio

    Svizzeri Popolo intelligente, Noi Italiani avanti con la carità, ospitando zingari , profughi ecc.ecc. non lamentiamoci…… Poi dopo, i Nostri giovani sono senza lavoro, continuiamo ad ospitare .i nostrii politici, si cuccano stipendi da nababbi, L’Italia intanto và a rotoli,meditiamo per poi non piangere………. Poi

  5. Scritto da renato

    Svizzeri, grande popolo!

  6. Scritto da KeSkifo

    l’unica cosa che lasciano avvicinare in svizzera sono i soldi . Anche se puzzano ed emanano un fetore insopportabile.

    1. Scritto da poeraITALIA

      come si dice i soldi non li mangiano nemmeno le galline ma senza
      non si vive
      personalmente se posso scegliere scelgo i soldi

  7. Scritto da Il Naggio

    Macchè Apartheid.Dovremmo prendere esempio dalla svizzera se li fanno lavorare e tenere pulite le strade. Da noi invece bivaccano bevono e sporcano. Impariamo dai nostri vicini invece di riempirci la bocca e le orecchie di ipocrisia.

    1. Scritto da Mavalà

      Ma va a scuà ‘l mar , le persone si trattano come persone, specialmente da chi accoglie ogni tipo di denaro e su quello campa e tu lascia perdere le strade che è meglio, manutenerle sarebbe tra le poche cose che i tuoi amici dovrebbero fare e invece sono il paradiso delle buche, da bosnia dei tempi di guerra.

      1. Scritto da bruna

        sei il classico buonista falso. Tu nella tua piscina faresti fare il bagno a gente che non sai se e’ vaccinato contro malattie debellate in italia?

      2. Scritto da Il Naggio

        Se siamo il paese dove tutto è permesso a tutti è grazie a gente come lei. Come volevasi dimostrare.

        1. Scritto da pieneibale

          Infatti in 20 anni di lega e centrodestra, dal governo nazionale in giu’, è servito a molto aldilà di battute e poster.

          1. Scritto da Il Naggio

            20 anni di lega? sono cazzate, io ne conto meno della metà. vai a controllare quaquaraqua

          2. Scritto da pieneibale

            Allora caro hihooo hihoooo ,precisamente dal 1995 è nella coalizione di governo della provincia, in quella di governo della regione (tolto 4 anni di finta opposizione), e in quella nazionale lo è stata per dal 1994 per 10/11 anni e cioè sempre con i governi Berlusconi (piu 1 anno e mezzo di appoggio esterno al governo Dini) per cui la lega come tuttti i partiti che ci hanno governato negli ultimi 20 anni sia uno di quelli piu coinvolti.

  8. Scritto da lotty

    se fossi credente, le direi di cambiare il cognome!

    1. Scritto da Spiry tùs

      Angiolotty… va bene? Adesso ci crede un po’ di più?

  9. Scritto da Angioletti

    i fà bé!