BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Addio a Giuseppe Banfi Banchiere della Popolare e promotore di cultura

Si è spento a Bergamo all'età di 88 anni il banchiere che per oltre mezzo secolo legò il suo nome alla Banca Popolare di Bergamo. Promotore di iniziative culturali come il Premio Bergamo di narrativa e l'Orchestra stabile di Bergamo. I funerali lunedì 12 agosto al Tempio Votivo a Bergamo.

Più informazioni su

E’ morto Giuseppe Antonio Banfi. Nella mattina di sabato 10 agosto è morto a 88 anni d’età nella sua abitazione in via Nullo, a Bergamo, un uomo che per oltre mezzo secolo ha legato il suo nome a quello della Banca Popolare di Bergamo. Proprio alla Popolare aveva iniziato a lavorare nel 1952, nella filiale di Gazzaniga. Della Popolare di Bergamo, dal 1979 al 1992, Banfi è stato direttore generale, poi consigliere e vicepresidente fino al 2006.

Per la sua esperienza, era membro dell’esecutivo dell’Abi-Associazione bancaria italiana, nel 1993 fu chiamato dall’allora governatore della Banca d’Italia (poi presidente della Repubblica), Carlo Azeglio Ciampi, alla presidenza del Banco di Sicilia per risollevarne le sorti.

Banfi ha ricoperto incarichi anche all’interno di istituzioni, è stato consigliere e membro di giunta della Camera di commercio dal 1979 al 2004, e si è impegnato nell’ambito culturale tanto da ricevere nel 1985 la laurea "honoris causa" in Sociologia dall”Università di Urbino. Indimenticabile la sua passione per la letteratura che lo ha portato ad essere tra i più vivaci sostenitori del "Premio Bergamo" per la narrativa, membro di giuria del "Premio Campiello".

E’ stato tra i promotori della dell’Orchestra Stabile di Bergamo di cui fu presidente per sei anni, dal 1999 al 2005.

I funerali di Giuseppe Antonio Banfi si svolgeranno lunedì 12 agosto alle 15 nella parrocchiale di Santa Lucia al Tempio Votivo di Bergamo.  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.