BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Autisti aggrediti sui bus Solidarietà dai sindacati “Migliorare la sicurezza”

Dopo gli episodi di violenza denunciati sugli autobus Sab della linea Tavernola-Bergamo arriva, per gli autisti aggrediti, la solidarietà da parte delle sigle sindacali di categoria bergamasche.

Più informazioni su

Dopo gli episodi di violenza denunciati sugli autobus Sab della linea Tavernola-Bergamo arriva, per gli autisti aggrediti, la solidarietà da parte delle sigle sindacali di categoria bergamasche.

In pochi giorni ci sono state due aggressioni gravi a danno di conducenti della Sab. Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil e i colleghi esprimono a questi lavoratori la massima solidarietà. Speriamo che al più presto le autorità competenti facciano chiarezza su quanto accaduto e vengano perseguiti i responsabili.

Siamo molto preoccupati per il clima in cui quotidianamente i lavoratori sono costretti ad operare e dei pericoli che si corrono in queste condizioni. Invitiamo l’azienda e le istituzioni preposte a continuare a fare tutto il possibile per garantire ai lavoratori la massima sicurezza sul proprio posto di lavoro attraverso il miglioramento continuo dei dispositivi di sicurezza e con la continua formazione del personale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alberto

    La solidarietà dovrebbe arrivare, oltre che da sindacati e associazioni, anche dagli altri passeggeri, che dovrebbero unirsi anche con le cattive per far scendere certa gentaglia: ma capisco che ormai magistratura e tv ci abbiano abituato a “stare nel nostro” e a non rischiare di esser denunciati (o peggio malmenati se lasciati soli) per essere intervenuti a difesa di una persona in difficoltà. Questa è diventata la “logica” moderna.