BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Io, derubato dai pirati sull’autostrada catalana” Cappelluzzo deluso da Pujol

Giovanni Cappelluzzo, dirigente in Comune a Bergamo, ex presidente della Provincia, ha scoperto suo malgrado che non tutto fila liscio in quella Catalogna che, ai tempi di Via Tasso, aveva come riferimento nell'immaginare (e progettare) l'indipendenza di Bergamo. Oggi con molta amarezza è costretto quasi a rivedere il proprio giudizio.

Giovanni Cappelluzzo, dirigente in Comune a Bergamo, ex presidente della Provincia, ha scoperto suo malgrado che non tutto fila liscio in Catalogna, quella Catalogna che, ai tempi di Via Tasso aveva come riferimento nell’immaginare (e progettare) l’indipendenza di Bergamo. Oggi con molta amarezza è costretto quasi a rivedere il proprio giudizio su uno dei suoi leader indipendentisti preferiti: Jordy Pujol.

In questa estate 2013 ho scoperto che in Europa ci sono ancora i pirati.

Tornavo dalla Spagna dopo un tour turistico in automobile insieme alla mia famiglia: viaggiavo a 120 all’ora sull’autostrada AP7 tra Barcellona e Girona verso il confine francesce. Rientravamo da una splendida vacanza.

A un tratto la nostra auto è stata colpita da un grosso sasso scagliato dagli occupanti di un’altra vettura che si trovava alle nostre spalle.

Quest’auto subito dopo ci ha affiancati, ci ha stretto sulla carreggiata e ci ha costretto a fermarci sulla corsia d’emergenza, parandosi davanti a noi e impedendoci ogni movimento.

A questo punto sono scesi due dei tre pirati (due uomini, mentre una donna è rimasta a bordo) e hanno tentato di farci scendere dalla nostra vettura per portarcela via con il suo contenuto.

Noi non ci muoviamo dall’interno dell’auto: uno dei due allora si mette ad armeggiare col portellone del bagagliaio carico di valigie.

A questo punto per forza apro la portiera e il secondo malvivente si impossessa subito di un borsello, contenete documenti, soldi e carte varie, che era all’interno dell’abitacolo. Quindi i due risalgono sulla loro vettura e scappano.

Il tutto sotto lo sguardo scioccato di mia moglie e delle mie due figlie che a distanza di giorni ancora stentano a prendere sonno dalla paura provata.

Tra i documenti c’era la mia carta d’identità che, come tutto il resto, sto rifacendo.

Se qualcuno ha tempo e voglia si interessi al Comune di Bergamo chiedendo il numero delle carte d’identità rubate ai bergamaschi in questi giorni in Spagna. Credo sia interessante.

Ora, è chiaro che non ho vissuto un episodio eccezionale o raro.

Infatti le guide per i viaggiatori (ad esempio la Lonely Planet) raccomandano "massima cautela" sulla suddetta autostrada perché si "incrociano bande di delinquenti".

Anche il nostro Consolato generale a Barcellona sul proprio sito istituzionale suggerisce la medesima cautela quando si viaggia nella capitale catalana e segnala che si rischia che al semaforo rosso qualcuno buchi le gomme per far scendere il turista e derubarlo.

Però mi chiedo quali siano le cautele da usare in queste circostanze: se mentre viaggi tranquillamente in auto ti prendono a sassate o se al rosso in città ti bucano una gomma… come puoi prevenire? Come ti cauteli?

Forse le cautele dovrebbero essere suggerite a chi i reati dovrebbe reprimerli e punirli.

Mi spiace sinceramente per l’autonomia della Generalitat de Catalunnya, ma l’obiettivo della sicurezza sembra proprio non averlo centrato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da dubbio

    Emergenze numero unico europeo 112 guardia locale Spagna 092 nazionale 091., numeri da avere se si viaggia con auto o camper in giro per l’Europa (fonte controcopertina della lonely planet)

  2. Scritto da Mark

    Cautela numero un ad esempio scegliere un altro tragitto o un’altra destinazione per le vacanze.Vedi che il turismo cala e le autorità cominciano a fare qualcosa a riguardo.
    Ancora però mi sembra un po’ strano l’episodio esser colpiti da dietro con un sasso,viaggiando a 120km/h…

    1. Scritto da Galil

      Fisica del moto: due oggetti che viaggino alla medesima velocità viaggiano alla velocità x relativa al suolo e a velocità relativa tra essi = 0. Quindi un sasso scagliato alla velocità y da una delle due auto verso l’altra, per il principio di inerzia viaggerà alla velocità x+y in relazione al suolo ma alla velocità 0+y relativa alle due auto. James Bond e Indiana Jones: ne ricorda i salti?

  3. Scritto da Stefano

    Probabilmente se c’è poca vigilanza come in Italia è perchè gli agenti sono impegnati nelle scorte personali, così i politi intendono la sicurezza quando parlano…sicurezza per loro!!

  4. Scritto da pino

    ma i pirati non agiscono sul mare ?

    1. Scritto da Nuccia

      Mai sentito parlare di pirateria aerea? E i pirati della strada chi sono? E c’è anche la pirateria informatica.

      1. Scritto da pino

        no

  5. Scritto da luca

    sinceramente ho viaggiato per anni sulle autopistas spagnole sia di notte che di giorno e nn ho mai avuto problemi di questo tipo i controlli in spagna ci sono eccome se ci sono
    buone vacanze

    1. Scritto da Lucio

      Chissà quanti sono andati in treno con la Renfe a Santiago di Compostela e non hanno mai avuto problemi!

  6. Scritto da Agrandeira

    Ritengo che menzionare l’autonomia catalana e gli avvertimenti dalle autorità, siano tutti elementi marginali. Qui c’è un grosso sasso scagliato contro un’auto che viaggiava a piena velocità,con quattro passeggeri a bordo, in un contesto di transito di altri mezzi, anche pesanti. Se ciò non è tentato omicidio plurimo, tentata strage, pirateria e creazione di condizioni di disastro autostradale nonché lassismo favorente delle autorità, cosa lo è? Deve intervenire l’Europa!

  7. Scritto da trottolino

    1) provate a tirare un sasso verso un’auto che viaggia a 120 km/h davanti a voi e se la colpite siete superman
    2) se un’auto si para davanti a voi c’è sempre la retromarcia

    1. Scritto da Maury

      giusto

    2. Scritto da Prudence

      Non provate a tirare sassi nessun sasso, a nessuna auto che viaggia davanti a voi in autostrada, a qualunque velocità! Non è cosa da Superman ma da Super Kriminal ! Se un’auto vi chiude contro il gard-rail in autostrada, non fate nessuna retromarcia…si è in autostrada!! Meglio star chiusi nell’abitacolo, accendere tutti i segnali di emergenza, allertare con il cell e filmare…se si riesce!

  8. Scritto da Pulaster

    Caro Giovanni mi spiace per la disavventura che ti è capitata. Per quanto riguarda “Bergamo Autonoma” ricordo solo le lunghe anticamere che il venerabile Bossi ti faceva fare quando avevi lanciato la proposta per l’autonomia di Bergamo. Sei stato un VERO Presidente della Provincia e molti ti ricordano ancora con stima e simpatia!!!

  9. Scritto da Andrea

    Succede è brutto ma succede, ma per favore non vorrà paragonare il controllo del territorio da parte delle forze dell ordine spagnole al nostro…. Non abbiamo proprio nulla da insegnare