BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I turisti vanno pazzi per il souvenir enogastronomico

Un sondaggio effettuato da Coldiretti Bergamo nei 55 agriturismi associati a Terranostra, i 10 mercati, la Bottega e i 98 spacci aziendali degli agricoltori di “Campagna Amica” ha dato un esito sorprendente in materia di turismo e souvenir enogastronomici.

Un sondaggio effettuato da Coldiretti Bergamo nei 55 agriturismi associati a Terranostra, i 10 mercati, la Bottega e i 98 spacci aziendali degli agricoltori di “Campagna Amica” ha dato un esito sorprendente in materia di turismo e souvenir enogastronomici.

I prodotti tipici aggiungono più sapore alle vacanze “Made in Bergamo” e quello agroalimentare è il “must” di quest’estate.

E’ in aumento il numero dei turisti che sceglie il prodotto agroalimentare come souvenir dopo aver soggiornato nei luoghi di villeggiatura della provincia di Bergamo.

Le difficoltà economiche che costringono molti a risparmiare spingono anche verso spese utili, e il “gusto” del territorio dove ci si rilassa diventa spesso una componente irrinunciabile di un viaggio o di un soggiorno. Magari si accorcia il periodo delle ferie e si scelgono sistemazioni più modeste, ma non si rinuncia a gustare e ad acquistare le specialità tipiche, da regalare o da gustare al rientro.

Nella provincia di Bergamo le possibilità di scelta non mancano. Sono infatti 44 le specialità alimentari del territorio su un totale di 248 a livello lombardo. A questa offerta vanno aggiunti i 13 prodotti DOP (Denominazione di Origine Protetta).

“Il turismo enogastronomico – spiega il direttore di Coldiretti Bergamo Gianfranco Drigo – è una grossa opportunità per il nostro territorio, ma c’è un grande potenziale ancora inespresso che ha bisogno di maggiori sinergie per concretizzarsi. Gli stranieri, ad esempio, amano in modo particolare i nostri prodotti, ma non sempre li conoscono adeguatamente o sanno dove trovarli”. Coldiretti Bergamo sottolinea che il mangiare e il bere bene sono il vero valore aggiunto di un soggiorno Made in Italy e tra tutti gli elementi della vacanza, dall’alloggio ai trasporti, dai servizi di intrattenimento a quelli culturali, la qualità del cibo in Italia è quello che ottiene il più alto indice di gradimento tra i turisti stranieri e italiani. 

“I prodotti agroalimentari tipici bergamaschi – prosegue Drigo – oltre a generare valore per i produttori sono importanti biglietti da visita per attrarre sul territorio il turista gourmet, con ricadute positive anche per altre attività. Questa è una carta che dobbiamo giocarci al meglio in occasione di Expo 2015, un evento che dovrà essere soprattutto un momento di lancio di questo segmento della nostra offerta turistica, che è un’espressione molto importante della nostra cultura e della nostra identità, ma che troppo spesso viene dimenticato dai grandi progetti di promozione del nostro territorio”.

Che il turismo enogastronomico debba essere visto come un’opportunità lo dimostra il fatto che a livello nazionale sono oltre 24 i miliardi di euro spesi dai turisti italiani ed esteri per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per acquistare prodotti tipici.

E’ destinata alla tavola ben un terzo (33 per cento) della spesa di italiani e stranieri in vacanza in Italia.

Sul sito www.bergamo.coldiretti.it è possibile trovare la prima mappa delle imprese agricole bergamasche che offrono direttamente le proprie produzioni in azienda o nei mercati degli agricoltori.

I prodotti DOP bergamaschi sono: Taleggio, Salva, cremasco, Bitto, Formai de Mut dell’alta Valle Brembana, Gorgonzola, Grana padano, Provolone Valpadana, Quartirolo lombardo, Strachitunt, Olio dei laghi lombardi, Valcalepio, Vini delle Terre del Colleoni, Vini Moscato di Scanzo, A questi si aggiungono i 44 prodotti agroalimentari tradizionali bergamaschi soprattutto per quanto riguarda i prodotti della lavorazione delle carni fresche e i 25 tipi di formaggi che sono il vanto della produzione delle Valli e poi anche farine per polentta, tartufi, casonceli e scrpinoc, dolci, miele solo per citarne alcuni tra i più famosi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.